Ultime notizie

EDITORIALE

L'altro Kenya e il mal d'Africa degli italiani

Considerazioni sulle mail che riceviamo

11-10-2022 di Freddie del Curatolo

Noi di Malindikenya.net seguitiamo a ricevere testimonianze di lettori (e sono ormai 15 anni che ci arrivano e le archiviamo tutte nel “database” della nostra casella di posta) che ci parlano del loro “mal d’Africa” al ritorno da una vacanza in Kenya o dopo essere tornati e tornati ancora ed essere stati coinvolti da qualcosa di speciale (o anche qualcuno).
Abbiamo parlato tanto di questa strana sindrome che non è proprio una nostalgia, tipo la saudade brasiliana, e non è nemmeno una mancanza fisica di sole-mare-natura e sensazione di perenne salutare abbandono, magari contrapposto alla frenetica vita occidentale.
Quel che avevo da dire sul cosiddetto Mal d’Africa, molti di voi lo sanno bene, l’ho scritto in questa poesia-monologo.
Oggi però prendo spunto dalla mail di Federica, una giovane laureata che si è regalata una vacanza a Watamu e mi ha raccontato di come da lì ha deciso di cambiare la sua visione e pensare di vivere nell’entroterra e collaborare con un’organizzazione non governativa. Questo, dice lei, perché ha conosciuto “l’altro Kenya”.
Allora vorrei puntualizzare due cose che secondo me sono altrettanto vere: la prima, banalissima, è che il Kenya che fa innamorare così tanti connazionali e che rapisce l’anima non può essere quello di Watamu e Malindi.
La seconda è che moltissime persone hanno scoperto “l’altro Kenya” proprio grazie a Watamu, perché è quasi sempre lì che “ci tocca andare” quando decidiamo di fare una vacanza in Africa.
E l’altro Kenya non può essere che in Kenya, se parti da una vacanza, questo è il dato di fatto inoppugnabile. Perché se vai a Zanzibar puoi goderti l’arco di una vacanza, ma è difficile che tu possa scoccare la freccia verso il cuore dell’Africa, quello che ti rapisce l’anima. Ti fermi quasi sempre alla dimensione turistica, al resort, alla bella spiaggia, alla gita con shopping a Stone Town.
La stessa cosa può avvenire se prenoti un soggiorno, magari di una sola settimana, in uno degli splendidi villaggi sulla spiaggia di Watamu e non esci mai da lì: niente safari, niente vita sociale e niente cultura locale che non siano due maasai che saltano e vendono braccialetti o quattro tamburi giriama con annesse coreografie tradizionali. E’ un po’ poco per capire il Kenya.
Eppure c’è chi ce l’ha fatta, chi è voluto andare oltre e dopo una vacanza ne ha pensata subito un’altra, possibilmente non in un resort, e poi una terza...Allora il “mal d’Africa” non è più una necessità di fuga, diventa l’abbraccio della vita che ti propone un senso ed è bello sapere che c’è una generazione giovane che si sporge verso questo abbraccio.
Anche perché, più a Malindi che a Watamu per dire il vero, siamo abituati a chi frequenta il Kenya da una vita e non ha mai messo il naso fuori dalla contea di Kilifi e per cui non esiste un “altro Kenya” dove non si possano trovare le mezze penne rigate, dove nessuno ti saluta con un “ciao” né capisce l’italiano, dove non tutti sono sudditi e proni quando l’uomo bianco apre il portafogli e dove le studentesse sono davvero studentesse. Ha ragione Federica: viva la vacanza e viva l’altro Kenya, perché insieme possono instillare un “mal d’Africa” completo e per quanto giusto e possibile, consapevole.

TAGS: mal d'africaaltro kenyavacanza

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Una vacanza, per caso. L'impossibilità di non farvi ritorno. Un safari indimenticabile.
Come avevo fatto a vivere senza di Lei fino ad ora? E a considerarla una meta di vacanza come le altre?
Africa, mi hai conquistato senza dirmelo, facendoti...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Salutiamo con affetto un altro anziano connazionale che aveva scelto Malindi come

LEGGI L'ARTICOLO

Cliccando il link sottostante, accedi alla pagina dedicata a tutte le persone che hanno avuto a che fare con...

ENTRA QUI

Nella giornata di oggi è arrivata la risposta della compagnia aerea di charter Neos alla sospensione dei...

LEGGI L'ARTICOLO

Viene un momento in cui bisogna guardarsi dentro e capire cosa si vuole veramente dalla vita.
A me questo momento è capitato dopo un viaggio in Africa, precisamente in Kenya.
Ho detto allo specchio che non era più il caso...

LEGGI TUTTO

Sono venuto per la prima volta in Kenya perché il mio più caro amico ci è stato 6 volte e quando tornava mi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Altro che lusinghe della televisione, altro che fiammeggianti gossip in giro per la Penisola. Le emozioni che ti da l'Africa si imprimono nell'anima come un tatuaggio sulla pelle. Lo sta imparando in questi giorni Luca Dorigo, che tatuaggi ne ha...

LEGGI TUTTO

Questo "muretto" è dedicato a tutte le persone che hanno avuto a che fare con il Kenya, in vacanza, per lavoro, ospiti di un amico, per volontariato o altra scelta volontaria e involontaria, e hanno conosciuto la magia di questo...

inviate una mail a info@malindikenya.net

Se in Italia non vivi più bene, vieni in Africa.
Se in Italia vivi bene ma è diventato un Paese di merda, vieni in Africa.
Se hai una rendita di 700 euro e non riesci nemmeno a mangiare, vieni in...

LEGGI TUTTO

All'indomani del cessate il fuoco susseguente all'attacco...

LEGGI TUTTO

Quasi tutti gli occidentali che frequentano il Kenya lo fanno per vacanza.
Può essere...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Sono stati rilasciati e già in viaggio per Malindi i due ragazzi italiani fermati ieri dalla polizia del villaggio di Ngao, nella regione keniana del Tana River, dove a loro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Proseguiamo con i nostri video-tutorial per chi si appresta a viaggiare verso il Kenya per una...
 

LEGGI L'ARTICOLO

A volte ritornano.
Per le destinazioni turistiche della...

LEGGI L'EDITORIALE

Turismo è una delle prime parole che vengono abbinate alla presenza e all'arrivo di italiani in Kenya. Perché...

ENTRA QUI

Il Kenya è uno dei desideri dei viaggiatori di tutto il mondo per quando si potrà nuovamente ...

LEGGI L'ARTICOLO