Ultime notizie

PENSIERI

Quello che mi mancherà di più del Kenya

Diario di un italiano che quest'anno "salta"

21-10-2020 di Antonio

Quest’anno avrei festeggiato i vent’anni di Kenya e invece dovrò "saltare".
Me lo ricordo come fosse ieri. Era il 22 ottobre del 2000.
Da allora, ogni stagione, inverno in Kenya fino a Pasqua o male che vada alla domenica delle Palme.
Solo un anno, quando è morta mia madre, sono arrivato a metà novembre.
Quasi non mi ricordo più com’è l’inverno in Italia ma ho paura che quest’anno lo riscoprirò.
Con tutto quello che è successo, le storie viste e raccontate, i parenti che non ci sono più (una cugina cardiopatica ma sempre allegra, piena di vita portata via a 53 anni, zia Ernestina, sorella di mio padre, 88 anni con i normali acciacchi di quell’età) mi sento un po’ egoista a dire che sto vivendo un’ingiustizia. Però il mio mondo di scorta mi mancherà tantissimo.
Mi mancherà la sveglia all’alba, che è una vera alba perché con te si svegliano i colori della natura, le nuvole in cielo, gli uccellini che cantano, il calore della vita.
Mi mancherà la passeggiata in spiaggia al mattino presto, con la bassa marea e i giovani che ti incrociano correndo e ti dicono “jambo!”.
Mi mancherà la tazza di “chai”, il té col latte e quella specie di krapfen che fanno loro.
Poi fermarmi dalla mama che vende la frutta in un chiosco vicino al mercato e fare le solite due chiacchiere, nel mio inglese tremendo. Ma lei mi capisce, e se non capisce sorride e mi insegna una parola in swahili.
Mangio quasi sempre la sua frutta a pranzo. Banana, mango e papaia.
Se fa tanto caldo, anche una fetta di cocomero. Con mezzo euro ho fatto il pranzo e so anche che ho pagato più di quello che pagano loro.
Ci sono giorni in cui ho troppe cose da fare, anche se ciò che preferisco, il pomeriggio, è rilassarmi sul pilipili in veranda, nel mio cottage a due passi dal mare (volete sapere quanto spendo? 450 euro al mese tutto compreso. Praticamente come riscaldamento, luce e benzina in Italia.
La sera spesso mi invitano altri amici italiani che hanno belle ville con cuoco e personale di servizio...da una parte dico “beati loro”, dall’altra so che non ce la farei a fare quella vita.
A volte si va a mangiare una pizza...forse l’unica cosa che mi manca perché ho la fortuna che mi piace anche il loro cibo! Da due anni poi ho scoperto un ristorantino mussulmano che fa pollo, pesce e tante altre cose buonissime e se spendo 5 euro è tanto.
Certo, io non sono ricco e la questione dei soldi per me è importante. Ma per il Kenya farei anche qualche sacrificio in più. Non prendo tanto di pensione, ma d’estate faccio qualche lavoretto di giardinaggio e riparazione di tosaerba e metto via per i miei sei mesi africani.
Mi mancheranno le amiche che lo so bene che vengono a trovarmi nella speranza che io m’innamori di loro e ne sposi una. Alcune mi chiedono com’è l’Italia e se le posso portare su.
Sono simpatiche e piene di vita, ingenue e ammiccanti.
Ma mi sentirei ridicolo a stare con una di loro e non ho mai pagato una donna per venire a letto con me, anche se qui potrebbe sembrare normale, come una beneficenza.
Però è curioso avere delle “amiche” di vent’anni, no?
Quello che mi mancherà più di tutto è farmi portare a casa loro, conoscere la famiglia, i fratellini e i vicini di casa. Sedermi sui loro sgabelli pericolanti e mangiare polenta e spinaci con loro, capire quanto siamo fortunati e quanto loro siano semplici e pazienti.
Tutto questo mi aiuta a sopportare il peso di essere un comune mortale che prima o poi dovrà fare i conti con il destino. Mi aiuta a cancellare gli errori di gioventù, la solitudine patita in troppi anni in Italia e soprattutto a vedere tanta gente uscire di testa nella mia città e credo anche nelle altre.
Quest’anno, il più terribile di tutti, mi mancherà tantissimo l’Africa ma so che grazie a tutti questi splendidi ricordi, non uscirò di testa come loro.
Grazie Kenya, ci rivediamo presto.

 

TAGS: turismo kenyaitaliani kenyaantonio kenyastorie kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Vivaldi, le sue stagioni e il barocco veneziano per un pomeriggio rivivranno in un giardino tropicale di Malindi, grazie alle note dei musicisti Francesco D'Orazio (violino) e Michele Visaggi (piano).
L'iniziativa, promossa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In cinque giorni abbiamo raccolto già 3000 euro, e siamo a più di un terzo dell'obbiettivo che ci siamo prefissi, 1 milione di scellini.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un documentario sugli italiani in Kenya. E' l'idea, appoggiata dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, del regista italiano Giampaolo Montesanto.
Montesanto ha da poco ultimato e messo in circolazione un lungometraggio simile, sui nostri connazionali in Eritrea ed è pronto...

LEGGI TUTTO

Seconda serata settimanale dello spettacolo a puntate sui "BIG 5", questa sera giovedì ...

LEGGI L'ARTICOLO

La leggenda narra che il titolo del film di Zalone “Tolo Tolo” (che ancora erroneamente in Italia danno come...

LEGGI L'ARTICOLO

Tempi duri per i furbi in Kenya.
Sicuramente, come già ampiamente dimostrato da operazioni del recente passato, il kenya non è più il Paese di Bengodi di qualsiasi genere di disonesto o malavitoso, grazie anche agli accordi di collaborazione tra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Magda, Caterina, Nicola e Lucrezia ringraziano tutti coloro che, con il loro affetto e il loro calore, li hanno confortati e supportati e sono stati vicini al loro dolore in questo tragico momento". Queste le parole affidate a Malindikenya.net dalla famiglia...

LEGGI TUTTO

Sono state tolte nei giorni scorsi le indicazioni di deviazione, il primo tratto (2km) della strada che collega Casuarina al villaggio di pescatori di Mayungu, è definitivamente transitabile 24 ore su 24.
Il progetto, che si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I keniani che vivono da tempo in Italia possono raccontare storie positive di immigrazione.
Nessuno di loro è mai arrivato da clandestino, nessuno ha dovuto sopportare l'onta di natanti colabrodo, le angherie di mafiosi e men che meno la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Stiamo lavorando al collegamento diretto tra l'aeroporto di Malpensa e quello di Malindi". 
Una dichiarazione forte, importante, perché arriva direttamente da Phyllis Kandie, Ministro del Turismo del Kenya. 

LEGGI TUTTO