Ultime notizie

INCENDIO

Vietare il makuti, Malindi ci prova ancora

Dopo ogni incendio, torna d'attualità la richiesta

16-03-2021 di Freddie del Curatolo

Ogni volta che Malindi o Watamu vengono funestate da un incendio, sembrano scaldarsi anche gli animi di chi non riesce a capacitarsene e cerca ragioni e colpe di un evento che si poteva evitare.
Non siamo fans delle discussioni a posteriori, così come non voteremo mai per il “Partito Preso”.
Dal 2008, quando è nato il Portale degli Italiani, abbiamo dovuto raccontare 12 incendi importanti, più meno uno all’anno. Ogni volta, oltre alla mancanza di un servizio di vigilanza del fuoco valido, pronto e tempestivo, vengono tirati in ballo giustamente i tetti di makuti.
Se nel primo caso ci si dovrebbe ricordare che siamo in Africa e che l’abitudine e il “mestiere” di certi politici (in tutto il mondo) di rassicurare e promettere, qui è ancora più palesemente presa per i fondelli, nel secondo nessuno comunque riesce a levarsi dalla testa che con l’urbanizzazione i bellissimi, coreografici, tetti swahili di palme secche hanno purtroppo fatto il loro tempo.
Ancora una volta, dopo uno spaventoso incendio come a Malindi non se ne vedevano da due anni, torna l'idea di vietare l'ultilizzo del makuti per costruire i tradizionali e rinfrescanti tetti.
Nel 2009, dopo le terribili fiamme che avvolsero l'intera zona residenziale di Kibokoni e il Palm Tree Club, l'allora sindaco Mohamed Menza propose in Consiglio Comunale di vietare per le nuove costruzioni l'ultilizzo dei makuti.
La sua proposta però trovò l'opposizione dei produttori e commercianti delle "tegole" intrecciate, il cui valore nell'ultimo decennio si è quasi triplicato.
Da allora in molti hanno iniziato a costruire utilizzando le tegole canadesi o chiudendo i tetti "all'araba" con una terrazza o solarium.
Dopo un incendio che distrusse il makuti del bar e del ristorante, il lussuoso resort di Watamu Hemingways ha invece optato per il finto makuti, un materiale prodotto in Indonesia che forse non è totalmente ignifugo ma che brucia molto lentamente e sul quale si può intervenire.
All'indomani del fuoco dell’Oasis Village, come già successe nell’aprile del 2019 per l’incendio che distrusse una ventina di ville a Casuarina, alcune associazioni ambientaliste e di residenti vorrebbero far firmare ai cittadini una petizione, per poi portarla al Governo della Contea e chiedere una volta per tutte di togliere dal commercio le fascine di makuti per edificare tetti, almeno a Malindi.
Ormai la cittadina ha una densità di abitazioni troppo alta per non considerare la facilità con cui prende fuoco e la velocità con cui brucia il makuti, e il danno che può recare a terzi. L'incendio di sabato scorso ne è la triste, ennesima, riprova.
Vedremo se questa volta la richiesta arriverà sui banchi del Consiglio della Contea di Kilifi e se ci saranno decisioni in merito. Sono tanti anni che attendiamo e nel frattempo è ancora troppa la gente, costruttori compresi, che preferisce avere sopra la testa un soffitto infiammabile, anche se pittoresco e così “africano”, piuttosto che spendere qualcosa di più (inizialmente) e scegliere un altro materiale.

TAGS: incendio malindimakuti malindi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Ancora una volta, dopo uno spaventoso incendio come a Malindi non se ne vedevano da dieci anni, torna...

LEGGI L'ARTICOLO

Una villa di pregio nel quartiere residenziale malindino di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un grosso incendio è divampato intorno alle 13.30, ora locale, nella zona...

LEGGI L'ARTICOLO

Un enorme incendio è divampato in serata nella località turistica di Bamburi, a nord di Mombasa e ha interessato due rinomati hotel della zona, il Bamburi Beach Hotel e l'Indiana Hotel, e il ristorante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un disastro in uno degli storici e lussuosi resort della costa sud keniana.
Delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due hotel rinomati, un bar ristorante e almeno una ventina di camere.
Questo il resoconto dell'incendio divampato venerdì sera sulla spiaggia di Bamburi, località turistica appena fuori Mombasa.
L'Indiana Hotel e il suo ristorante, The Beach Hut, sono andati quasi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un pauroso incendio sta avvolgendo da un'ora circa l'elegante zona residenziale di Casuarina a...

LEGGI L'ARTICOLO

Per fortuna il Marafiki era un albergo chiuso, e anche per quello le fiamme si sono propagate.
Ma è stato anche l'intervento del gruppo Malindi Against Crime (MAC) e di molti membri dell'associazione MWTWG (tra cui Kilili Baharini, Mwembe e...

GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

Un incendio divampato nella prima serata di ieri al Sea View Resort di Malindi per fortuna è stato domato prima che potesse attaccare l'intero albergo ristorante sulla Lamu Road, gestito dal manager e chef italiano Remo Briziarelli.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un incendio divampato questa mattina ha ridotto in cenere buona parte dei locali del ristorante bar Mapango di Watamu, appartenente alla struttura del Lily Palm Resort, che è rimasto illeso. 

LEGGI TUTTO E GUARDA LE SEQUENZE DELL'INCENDIO

Oltre settanta ettari della splendida e incontaminata foresta di Aberdare, a sud dell'area di Kinangop, bruciano...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio divampato per cause ancora da accertare ha bruciato parte del  Breeze Point Hotel di Malindi, struttura gestita da un italiano, Paolo Da Fano e da una cittadina...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fiamme a Watamu, sulla spiaggia della Jacaranda Bay, nel primo pomeriggio di oggi, lunedì 19 luglio. E’...

LEGGI L'ARTICOLO

In fiamme il Leopard Beach Hotel, una delle storiche strutture alberghiere della località turistica keniana di Diani.
L'incendio...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un improvviso incendio è divampato in serata al Mombasa Hospital, la più antica e importante struttura...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio improvviso propagatosi velocemente a causa del fortissimo vento di oggi, ha ridotto in cenere il resort malindino "Dorado Cottages", a Casuarina.
L'incendio sembrerebbe partito da

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO