Ultime notizie

NEWS

Sicurezza e servizi, incontri a Watamu

Vietare il makuti è una delle possibilità

27-02-2023 di Freddie del Curatolo

Gli imprenditori di Watamu, all’indomani dell’incendio che ha distrutto un resort e un lodge di Watamu, hanno chiesto incontri con le massime autorità della Contea. Uno è già avvenuto sabato scorso ed un secondo è organizzato per oggi, su proposta di Roberto Lenzi.
Tra le idee maturate dal settore turistico della costa keniana, sulla spinta emozionale della disgrazia che avrebbe anche potuto avere una portata maggiore, ce n’è una che finalmente suona come qualcosa di più di un lamento o di una richiesta di attenzione.
E’ quasi inutile chiedere soluzioni “del giorno dopo” che non si sono mai tradotte in azioni nemmeno dopo incendi di ben più vaste proporzioni, come quello nella zona residenziale di Casuarina a Malindi.
Una stazione dei vigili del fuoco anche a Watamu, è quello che chiederanno oggi durante una riunione voluta dall’imprenditore e hotelier Roberto Lenzi con i vertici della Contea di Kilifi. Non solo, anche una risposta celere da parte delle unità di emergenza locali: il camion dei vigili del fuoco di Malindi è partito un’ora dopo la chiamata, perché non aveva acqua, e si è fermato a qualche centinaio di metri dal luogo dell’incendio perché aveva finito la benzina. Non c’è da stupirsi, capita quasi sempre così.
Questa volta, con l’approvazione di molti attori dell’ospitalità costiera, si potrebbe chiedere di abolire i tetti di makuti per le strutture ricettive. Ovvero, come obblighi ai quali rispondere per ottenere il rinnovo delle licenze di un resort, bed & breakfast, lodge che sorge in luoghi in cui c’è contiguità con altre strutture pubbliche o abitazioni private, inserire anche il divieto di avere tetti di palme secche.
L'idea è maturata anche nell'incontro con il Ministro del Turismo nazionale, Peninah Malonza, arrivata a Watamu per incontrare chi è stato affetto dall'incendio, ovvero i due proprietari dei resort Mbuyu (una keniana) e Barracuda Inn (l'italiano Giuseppe Buonasera).
Il blogger Bismark Sang ha scritto: "Dopo l'evento, ci siamo incontrati con vari stakeholder che operano nel settore turistico presso l'hotel Hemingways International, dove abbiamo discusso varie misure preventive da mettere in atto per evitare scenari futuri di incendi estesi. Una delle cose che abbiamo preso seriamente in considerazione è la rimozione del makuti da tutti gli edifici che ospitano turisti e la sostituzione con materiali meno infiammabili come le tegole. È stato fatto riferimento a precedenti incendi, come quello dell'Oasis avvenuto a Malindi nel 2021, e ad altri incidenti simili avvenuti negli ultimi anni".
L'Hemingways, tra l'altro, è stato il primo a pensarci, dopo l’incendio che lo danneggiò in maniera molto seria. 
Per non farsi mancare la suggestione estetica del suo bar e del ristorante in riva all’oceano indiano, ha ricoperto i suoi tetti di un finto makuti indonesiano prodotto con materiale ignifugo.
Questa può essere un’idea da sperimentare, considerando anche che il costo di partenza è sicuramente superiore, ma a differenza del makuti originale, non bisogna cambiarlo ogni 2 o 3 anni.
Oltretutto con i cambi climatici e le stagioni estive sempre più secche, i tetti di makuti sono ancora più infiammabili e la decisione di vietarli potrebbe essere estesa anche alle residenze private che sorgono in zone residenziali, come appunto è stato in passato il caso di Malindi, dove bruciarono una quarantina di ville, tutte in makuti. Oggi capiremo se c’è l’intenzione di procedere finalmente con qualche correttivo, anche importante, che segni un passo avanti nella sicurezza e nella creazioni di servizi per una località turistica che vorrebbe competere con altre mete internazionali e che deve invece fare i conti con le mancanze ancestrali dell’Africa e con la difficoltà a creare percorsi comuni per migliorare i vari aspetti che ancora non permettono di lanciare luoghi meravigliosi nel novero delle migliori mete internazionali, e nel farlo tutti insieme, attività straniere e istituzioni locali.

TAGS: makutiincendiosicurezzawatamuservizi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Ancora una volta, dopo uno spaventoso incendio come a Malindi non se ne vedevano da dieci anni, torna...

LEGGI L'ARTICOLO

Ogni volta che Malindi o Watamu vengono funestate da un incendio, sembrano scaldarsi anche...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio divampato questa mattina ha ridotto in cenere buona parte dei locali del ristorante bar Mapango di Watamu, appartenente alla struttura del Lily Palm Resort, che è rimasto illeso. 

LEGGI TUTTO E GUARDA LE SEQUENZE DELL'INCENDIO

Una villa di pregio nel quartiere residenziale malindino di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un grosso incendio è divampato intorno alle 13.30, ora locale, nella zona...

LEGGI L'ARTICOLO

Un enorme incendio è divampato in serata nella località turistica di Bamburi, a nord di Mombasa e ha interessato due rinomati hotel della zona, il Bamburi Beach Hotel e l'Indiana Hotel, e il ristorante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un disastro in uno degli storici e lussuosi resort della costa sud keniana.
Delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’ultimo grande incendio a Malindi è datato 10 aprile 2019, ma da allora niente purtroppo è...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Due hotel rinomati, un bar ristorante e almeno una ventina di camere.
Questo il resoconto dell'incendio divampato venerdì sera sulla spiaggia di Bamburi, località turistica appena fuori Mombasa.
L'Indiana Hotel e il suo ristorante, The Beach Hut, sono andati quasi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un pauroso incendio sta avvolgendo da un'ora circa l'elegante zona residenziale di Casuarina a...

LEGGI L'ARTICOLO

Un improvviso incendio è divampato in serata al Mombasa Hospital, la più antica e importante struttura...

LEGGI L'ARTICOLO

Per fortuna il Marafiki era un albergo chiuso, e anche per quello le fiamme si sono propagate.
Ma è stato anche l'intervento del gruppo Malindi Against Crime (MAC) e di molti membri dell'associazione MWTWG (tra cui Kilili Baharini, Mwembe e...

GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

Alle cinque del pomeriggio, il terribile incendio che sembrerebbe essere scoppiato all'interno del Mbuyu Lodge, sulla...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio divampato nella prima serata di ieri al Sea View Resort di Malindi per fortuna è stato domato prima che potesse attaccare l'intero albergo ristorante sulla Lamu Road, gestito dal manager e chef italiano Remo Briziarelli.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fiamme a Watamu, sulla spiaggia della Jacaranda Bay, nel primo pomeriggio di oggi, lunedì 19 luglio. E’...

LEGGI L'ARTICOLO

Oltre settanta ettari della splendida e incontaminata foresta di Aberdare, a sud dell'area di Kinangop, bruciano...

LEGGI L'ARTICOLO