Ultime notizie

EDITORIALE

Voglio vivere a Malindi: torna di moda trasferirsi in Kenya

Mail su mail al nostro portale, con tanti sogni e poche idee chiare

08-05-2018 di Freddie del Curatolo

Torna la voglia di trasferirsi a Malindi.
Arriva la bassa stagione e le caselle mail di malindikenya.net traboccano di richieste di consigli, dritte, spiegazioni.
Curriculum Vitae spediti e nozioni un po' confuse di cui si chiede conferma.
C'è chi pensa di poter trovare lavoro come fosse nella Comunità Europea, chi chiede se con una pensione di 900 euro si può campare felici.
In realtà le domande dovrebbero riguardare la sanità, le assicurazioni, i permessi di soggiorno e lavoro, le leggi da rispettare...ma il sogno è sempre qualcosa di poco razionale, anche quando si trasferisce su un progetto (quasi) serio.
Malindi in ogni caso continua ad essere un nome evocativo, e anche per noi rimane nonostante tutto un luogo unico nel mondo.
Celebrata spesso per quello che non è, ricordata per come era e immaginata per come potrebbe essere, in realtà Malindi è esattamente come riesce ad apparire: inimitabile.
Ricca di contraddizioni, immersa nella natura, multietnica, multireligiosa, pacifica (e chi si ostina a dire il contrario dovrebbe avere la buonafede e il buonsenso di fare paragoni con altre realtà così povere, per accorgersi che qui la violenza quotidiana è ai minimi mondiali) e in evoluzione.
Ci vorrebbe così poco a renderla meno disperata ed è proprio dal quel punto di vista che tante persone di cuore, con mezzi grandi e piccoli, ci stanno provando: sanità, educazione, integrazione.
Malindi però è anche un luogo turistico, dove convergono interessi e si fanno investimenti.
Un luogo in cui si incontra un campionario del genere umano che ha pochi precedenti.
Ma anche tra gli stessi connazionali, vedere pensionati che l'hanno scelta unicamente per il clima e il basso costo della badante mescolarsi con volontari integrati nel sottobosco locale, milionari che sorseggiano drink ai bordi delle piscine conoscere al bar industriosi squattrinati che hanno aperto una piccola attività per sbarcare il lunario nella magia dell'Africa, chi non vuole più tornare nel Belpaese e chi se non prende l'aereo in direzione europa ogni tre mesi impazzisce, può sembrare surreale, ma è la maniera più completa e attuale per capire chi siamo (anche perché dove andiamo e perché siamo qui dovremmo saperlo o al massimo chiederlo a qualcuno in swahili).
Le mail di italiani che continuano a chiedere informazioni per trasferirsi qui aumentano e non ci stancheremo mai di rispondere ad ognuno di persona.
Quel che consigliamo sempre a tutti, prima di fare un "salto nel vuoto"  è una vacanza esplorativa, un primo approccio con questo luogo che non vanta nemmeno tentativi d'imitazione, perché sarebbero impossibili.
L'ideale, potendoselo permettere, sarebbe un periodo di "conoscenza" di due o tre settimane, per vedere Malindi non con gli occhi edulcoranti del turista, ma con lo sguardo di chi vuole davvero capire se possa essere il posto giusto dove trasferirsi, vivere, investire non solamente a livello economico, ma anche sul proprio futuro, su una possibile nuova vita.
Ci si può provare.

CLICCANDO QUI ALCUNE INFO SU MALINDI E WATAMU, PER CHI VORREBBE TRASFERIRSI

TAGS: malindi viveremalindi lavoromalindi italiani

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

PAROLE D'AFRICA

Ernest Hemingway

"Io sarei tornato in Africa"

di redazione

Io sarei tornato in Africa, ma non per guadagnarmi la vita, per questo mi bastavano un paio di matite e poche centinaia di fogli di carta della meno cara.
Ma sarei tornato là, dove mi piaceva vivere, vivere veramente, non...

Fin da bambino sognavo un luogo in cui la mia fantasia potesse sfogarsi e correre libera, come un felino della savana.
Per questo quando sono cresciuto guardavo i documentari sull'Africa. Avrei voluto vivere come i miei idoli: il leopardo e...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Una vacanza, per caso. L'impossibilità di non farvi ritorno. Un safari indimenticabile.
Come avevo fatto a vivere senza di Lei fino ad ora? E a considerarla una meta di vacanza come le altre?
Africa, mi hai conquistato senza dirmelo, facendoti...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Vigilia di Natale e Natale da vivere insieme con il cenone e un dopocena in riva al mare e a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Oggi, 8 agosto, si celebra la "Giornata del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo", istituita nella ricorrenza della tragedia mineraria di Marcinelle del 1956, per il riconoscimento e la valorizzazione del lavoro e del sacrificio dei connazionali emigrati.
Per commemorare...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

La stagione turistica di Malindi entra nel vivo e anche quest’anno Rosada raddoppia il suo beach...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un lungo speciale dedicato al Kenya attuale su Rai Uno.
Andrà in onda domani sera alle 23.50 nell'ambito di "Speciale Tg1", con un servizio dedicato all'ascesa turistica di Watamu e interviste a tre

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In Italia non ne potete più di tasse, stress, politica e malaffare?
E' ora di emigrare altrove!
Finalmente una rubrica seria che vi spiega come trasferirvi, vivere e lavorare felicemente a Malindi e in generale sulla costa del Kenya dove,...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Ho capito che se vuoi davvero vivere in Africa,
devi essere capace di vederla e dirti:
"è per amore che si prende questa strada, mettitelo bene in testa, finirai qui".

MAL D'AFRICA

Sensazioni ed emozioni

L'Africa è casa per me

di Roberto Freschi

Già tre anni che non vengo a casa. 
Sì, a casa. L'Africa è casa per me.
Dispute, storie, difficoltà mi hanno impedito di tornare ma ogni giorno un pensiero mi gira sempre per la testa, là cosa succede?....che tempo farà?...

LEGGI LA TESTIMONIANZA

"Ve lo dice uno che ha girato il mondo, per lavoro e anche per diletto: il Kenya è uno dei luoghi più affascinanti e dove ci si sente più a proprio agio e Watamu è uno dei posti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Nairobi italiana piange un altro dei suoi angeli buoni.
I residenti italiani della Capitale sono ahimé sempre un po' preparati a perdere qualche "pezzo storico" della loro comunità, spesso per un fatto esclusivamente anagrafico.
Ma con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nei suoi occhi blu ci trovi il cielo e il mare di Watamu. La solarità di una donna che ha trovato il suo equilibrio, la serenità che cercava.
Faresti fatica a dire che Marina Mauro arriva dal Nord Italia (friulana...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Era la seconda notte che passavo in Africa già qualcosa aveva cominciato a crescere dentro di me,
qualcosa che non potevo arrestare, come se i sogni della mia infanzia avessero trovato finalmente il luogo dove materializzarsi.
Ero arrivata dove ero...

Amare. Questo ti riporta a fare il Kenya. Ti eri sepolto sotto cataste di stupidaggini, di burocrazia, di contrattempi che ti aiutavano a dimenticare che la vita è breve. Cazzate! La vita è lunga e la cosa più importante è...

LEGGI TUTTO

Vivere in Kenya, per un occidentale, è innanzitutto una scelta.
Significa abbandonare la propria patria, allontanarsi dalle proprie radici, lasciare parenti, amici e abitudini che ci hanno affiancato sin dalla nascita.
Ma vivere in Kenya significa (e deve significare) anche...

LEGGI L'EDITORIALE COMPLETO