Opinioni

OPINIONI

Cos'è Dadaab

Il governo del Kenya ha tutte le ragioni per chiudere i campi per motivi di sicurezza

18-07-2014 di Giorgio Ferro

Dadaab, un luogo famoso come Hollywood visitato da dignitari da tutto il mondo.
La regione da asilo ad un milione di rifugiati la gran maggioranza dalla vicina Somalia. Daadab, il campo profughi, a circa 100 km dal confine, ha fatto notizia su quasi tutti i giornali internazionali, come il piu grande del mondo che ospita 500,000 rifugiati.
La maggioranza sono arrivati a causa della guerra civile nella Somalia del sud, e comprendono oltre che i nativi di etnia somala anche un buon numero di etnia Bantu.
Al momento è in vigore un accordo, firmato dalle Nazioni Unite, la Somalia e il Kenya per il rimpatrio dei rifugiati e la chiusura del campo per motivi di sicurezza che gravano specialmente sul Kenya.
L’accordo e criticato dalle organizzazioni dei “diritti umani” in quanto la Somalia e ancora altamente instabile. Il governo di Hassam Sheikh Mahamud, firmatario dell’accordo, da gia segni di rivalità interne e corruzione, che minacciano di farlo fallire dopo appena un anno dalla formazione.
Il campo comprende tre sezioni, Ifo, Agadera e Dagaheley che coprono circa 50 km quadrati, ed e’ stato finora amministrato dalla CARE (Organizzazione Umanitaria Internazionale) e finanziato dall’ONU. 
La deforestazione, causata dai rifugiati, in cerca di legname, sta causando problemi agli abitanti “normali” di Daadab. I rifugiati non sono autorizzati ad uscire dal campo in cerca d’acqua e legna, generalmente il lavoro delle donne che corrono il pericolo d’abusi sessuali. La zona e anche soggetta a disastri ambientali come alluvioni e siccità.
Il governo del Kenya ha tutte le ragioni per chiudere i campi per motivi di sicurezza.
E’ opinione comune che i terroristi Al – Shabaab usano il campo per preparare azioni contro il Kenya, o per nascondersi se ricercati.
Invece l’ambiente commerciale del Kenya, nel quale i politici hanno interesse, è decisamente opposto alla chiusura dei campi. Diecine d’imprese di trasporti keniani, pagati dall’ ONU, forniscono gli automezzi necessari per il trasporto di tutto quello che e’ necessario per mantenere in buona salute 500.000 persone e cosi pure i commercianti di generi commestibili, medicine, altri materiali di uso domestico come tende, coperte cucine ecc.
Intanto a Daadab, i terroristi continuano ad operare. Il mese scorso un gruppo di volontari di un ente di soccorso, evitava per poco la morte dopo che una mina scoppiava sotto il convoglio sul quale viaggiavano.

TAGS: Giorgio Ferro KenyaDadaab KenyaProfughi Kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La Onlus italiana "Still I Rise" fondata dal giovane cooperante e scrittore cremonese Nicolò Govoni è pronta per ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il confine tra Kenya e Somalia, ben lontano dalle zone turistiche keniane, torna ad essere terreno ...

LEGGI L'ARTICOLO

A quasi ottant'anni la sua vitalità era un'adrenalina salutare per chiunque gli stesse vicino.
Era...

LEGGI L'ARTICOLO

All’indomani del discorso alla Nazione del Presidente Uhuru Kenyatta, in cui ha annunciato il prolungamento...

LEGGI L'ARTICOLO

È arrivato in Kenya con il suo carico di entusiasmo, passione e professionalità e con...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli ultimi rapimenti in Kenya, al confine con la Somalia (perché come non ci stancheremo mai di ripetere, checché ancora qualche giornale ne scriva a migliaia di chilometri di distanza, sulla costa keniana fino a venti chilometri dal confine non c'è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questo disastrato “annus horribilis” si è portato via un’altra anima buona di una Malindi sempre...

LEGGI L'ARTICOLO

Africa è nel cielo, nella terra e nella gente.
La gente d'africa si muove lenta ma ti smuove il cuore, ti scuote l'animo.
Comunque tu sia, ferro o argilla, l'africa ti plasma.
 

LEGGI QUI

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Nell’agosto del 1990 il Kenya era nel pieno dell’esplosione del turismo e particolarmente la costa keniana ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una serata musicale di altissimo livello, quella che è stata organizzata dal Come Back Club di Watamu per il prossimo martedì 9 gennaio.
Al polistrumentista Marco "Sbringo" Bigi, conosciutissimo a Malindi e Watamu per le sue serate da "one man band" (soprattutto al piano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Voli diretti da Nairobi al Maasai Mara, anche con un aereo da 37 posti (il Dash 8-300) e soprattutto senza prezzi da...

LEGGI L'ARTICOLO

L’Osteria Group di Maurizio Corti continua a scommettere su Malindi e ha fatto di nuovo centro rinnovando una delle location più suggestive e singolari della cittadina, dimostrando di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Dopo un anno di "purgatorio" per notizie assolutamente inventate come il virus ebola, o indebitamente gonfiate come il terrorismo, che nella Contea di Kilifi non ha mai fatto un graffio a nessuno, oltre al turismo africano e a una timida...

LEGGI TUTTO

Tra le varie indicazioni per la popolazione keniana, a volte semplici ed elementari ma importanti in un...

LEGGI L'ARTICOLO

La siccità sta flagellando il nord del Kenya in netto anticipo rispetto alla stagione arida e...

LEGGI L'ARTICOLO