Storie

RICORRENZE

Da 90 anni il mito keniano di Finch Hatton

Nobile, cacciatore, donnaiolo: la vita del "dandy" della Blixen

01-08-2021 di Freddie del Curatolo

Novant’anni fa moriva in Kenya, schiantandosi con il suo aereo insieme al fido servitore Kamau, il più famoso “dandy” della storia dell’Africa britannica. Il suo nome era Denys Finch Hatton e, reso celebre dal celeberrimo romanzo di Karen Blixen “La mia Africa”, nell’immaginario collettivo ha le sembianze dell’attore Robert Redford.
In realtà Finch Hatton non era così affascinante, ma l’aura di sciupafemmine e quella di eterno sognatore, un po’ rozzo come tutti i cacciatori ma insolitamente elegante e raffinato, nel mangiare e nel bere come nell’apprezzare ad esempio la musica lirica, ne facevano di certo un personaggio unico che non a caso fece innamorare due donne geniali, per quanto problematiche. Oltre alla scrittrice Isak Dinesen, ovvero la baronessa Von Blixen, anche l’intellettuale e prima pilota d’aereo donna a trasvolare l’Atlantico, Beryl Marckham.
Finch Hatton nacque nel 1887 in Gran Bretagna da famiglia nobile, suo padre Henry era Conte di Winchilsea. Frequento due delle più importanti scuole del Regno, il liceo di Eton ed il college di Oxford.
Fu un viaggio in Sudafrica a farlo innamorare del Continente Nero e della caccia.
Prima di tornare in patria, decise di fermarsi in Kenya ed acquistò una tenuta nella Rift Valley e si trasferì da quelle parti dedicandosi al suo sport preferito.
Grazie alla sua scaltrezza, alla capacità di intrattenere non solo le belle signore e alla conoscenza della savana, Finch Hatton divenne amico di quasi tutti i personaggi più importanti della Colonia Britannica e accompagnò in safari personalmente il Principe di Galles, e successivamente Re per soli 326 giorni prima di abdicare, Edoardo VIII.
Forse convinto dal futuro Re, Finch Hatton abbandonò la caccia ed iniziò a sposare la causa della creazione di riserve, come quella del Serengeti, contribuendo a formare una nuova scuola di cacciatori e guide di safari di caccia grossa, che contribuissero alla salvaguardia delle specie protette e combattessero il bracconaggio.
Fu in quel periodo che conobbe Karen Blixen e dopo il divorzio della scrittrice dal barone infedele che le aveva attaccato la sifilide, si trasferì nella sua casa di Ngong, dedicandosi a safari di alto livello e riprendendo a pilotare aerei dopo che un incidente anni prima lo aveva tenuto lontano dal cielo.
Fu un amore platonico che solo nel suo romanzo, scritto dopo la prematura morte del suo amato, assunse toni romantici e passionali.
Morte che avvenne il 14 maggio 1931 quando Finch Hatton, pochi minuti dopo essere decollato dalla airstrip di Voi, precipitò improvvisamente al suolo ed esplose.
Karen Blixen scrisse che entrambi avevano già scelto il luogo della loro sepoltura, ed era “un luogho sulle prime colline della riserva di caccia”, che lei stessa, al tempo in cui pensava di vivere e morire in Africa, aveva indicato a Denys come suo futuro luogo di sepoltura.
“La sera, mentre guardavamo le colline da casa mia – raccontò la Blixen - disse che anche lui avrebbe voluto essere sepolto lì. Da allora, a volte, quando andavamo in macchina sulle colline, Denys diceva: Guidiamo fino alle nostre tombe".
Tuttora nel luogo della sepoltura c’è un piccolo obelisco con una targa commemorativa. Non avrebbe mai potuto pensare che la storia della sua vita, per quanto avventurosa ma molto meno che eroica, sarebbe diventata così famosa e avrebbe ispirato un film hollywoodiano da Oscar.

TAGS: Finch Hattonleggende kenyamito kenyakenya coloniastorie kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un viaggio durato esattamente due mesi, ogni settimana a Malindi.
Una carrellata di racconti, poesie, canzoni, suggestioni nella sala del Baby Marrow Art & Food Gallery di Malindi, tra un piatto della cena e un drink.
Freddie del Curatolo ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non stiamo parlando certo di un best seller internazionale, nonostante l'autore abbia una penna di tutto rispetto, ma di certo è il libro su Malindi che ha venduto di più in Italia. 
Alfredo "Freddie" del Curatolo mette a frutto la...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

LIBRI KENYA

La mia Africa - Karen Blixen

Feltrinelli

di redazione

Karen Dinesen Blixen visse in Kenya dal 1914 al 1931.
Ci arrivò dalla fredda Danimarca con il marito, il barone Bror Von Blixen, per acquistare un terreno sulle colline Ngong, vicino a Nairobi, e farne una fattoria. 
In realtà al...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Riuscire a coinvolgere cento connazionali a sera, nella vacanziera Malindi, un tempo definita "colonia" italiana e oggi (un po' decaduto) luogo di villeggiatura internazionale che non ha perso il suo fascino e la sua magia, era una scommessa.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dall'apericena ad un vero e proprio dinner nello stile Malindina, questo venerdì nello storico locale dove gli eventi sono sempre di classe e in una cornice magica e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Già un bel pienone a Malindi per la prima delle cinque serate di agosto del nuovo spettacolo a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

I keniani che vivono da tempo in Italia possono raccontare storie positive di immigrazione.
Nessuno di loro è mai arrivato da clandestino, nessuno ha dovuto sopportare l'onta di natanti colabrodo, le angherie di mafiosi e men che meno la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche la terza edizione del libro "Malindi Italia" di Freddie del Curatolo, che è la raccolta dei suoi...

LEGGI L'ARTICOLO

Metti il più grande poeta della costa keniana, la storia della sua terra e le sue leggende recitate con passione. Aggiungi un cantautore che del cuore e delle storie vere ha fatto uno stile di vita, ancor più che un...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

"Se arrivano io sono pronto, li affronterò a petto nudo".
Questo mi aveva detto qualche settimana fa Mzee Katana Kalulu, l'ultimo dei Gohu, dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I residenti di lungo corso di Malindi piangono oggi un altro dei loro storici fratelli. 
Uno dei simboli di un Kenya che non c'è più, ma che nei ricordi è quanto di più evocativo, romantico e letterario possa essere collegato...

LEGGI TUTTO

L’edizione 2022 del 7 Islands Festival racconta una storia unica nel suo genere che è già mito...

LEGGI L'ARTICOLO