Amici dello Tsavo

NATURA

Gli amici dello Tsavo salvano cucciolo di sciacallo

Era finito per sbaglio in una tubatura: il racconto

22-07-2021 di Giovanna Grampa

E’ così raro per noi vivere esperienze appassionanti in questi momenti difficili in cui la nostra quotidianità è bersagliata quasi esclusivamente da notizie monotematiche sui vaccini, il green pass e le varianti covid in continua evoluzione. Eppure, ancora una volta, la savana dello Tsavo East ha saputo regalarci nuove emozioni dandoci l’opportunità di salvare un cucciolo di sciacallo dal dorso argentato, incastrato in una tubazione di cemento dalla quale non sarebbe mai più uscito senza il nostro aiuto. 
Storie speciali, aspettando il ritorno alla normalità, che ti danno la consapevolezza di vivere ancora dentro la favola incantata che solo l’Africa sa regalarti.
Sicuramente lo sciacallo è un animale poco amato dagli uomini che lo vedono come un predatore malevolo e approfittatore. Anticamente era divinizzato in Egitto e raffigurato sui dipinti delle tombe dei faraoni come guida delle anime dei defunti e sebbene ritenuto ingiustamente sgradevole, tutti concordano nel riconoscergli un ruolo essenziale nell’equilibrio ecologico della savana: ripulendo le carcasse degli animali morti, previene la propagazione di molte malattie della fauna africana.
Lo sciacallo è un canide di media taglia e si distingue dalle altre specie per quella sorta di mantellino grigio dai riflessi argentei che ne delimita i fianchi fulvi. Dotato di una folta coda, lunghe zampe solidamente piantate e orecchie a punta ha l’aspetto di un cagnolino domestico per nulla aggressivo e molto spesso timido e sfuggente.
Amo fotografarli e osservare il loro incedere veloce e nervoso, sempre alla ricerca del cibo, in coppia o in gruppo: sono animali che mi ispirano simpatia ed hanno arricchito il mio diario di storie in savana.
Sono trascorsi solo pochi giorni dal nostro salvataggio ma il ricordo è ancora intenso di emozioni che rivivo nitide come appena accadute.
Percorrendo una zona del parco denominata "Pipeline" notiamo, a pomeriggio inoltrato, tre sciacalli che si muovono stranamente agitati intorno ad una bassa costruzione di cemento dipinta di un rosa antico e consumato. La zona deve il suo nome alla costruzione di una tubazione sotterranea che, a partire dagli anni cinquanta, permetteva una fornitura di acqua costante alla città di Mombasa, allora in forte espansione. Viaggia dalla sua sorgente a Mzima Springs nello Tsavo West e attraversa per oltre 40 km il parco dello Tsavo East. La linea è stata costruita con tubi di cemento armato e nel corso degli anni ha scatenato molte perdite che hanno necessitato riparazioni significative. Le postazioni di cemento, contenenti valvole e botole di ispezione distribuite lungo il percorso, sono in parte fatiscenti con vecchie tubature e detriti abbandonati sparsi un po’ ovunque.
Tutto intorno una pianura a perdita d’occhio che si estende fino alle colline del Voi dove il sole rende ancor più belli i rossi rugginosi della terra calpestata da branchi di zebre, kongoni, gazzelle e da gruppi di elefanti che appaiono all’improvviso per abbeverarsi in rivoli d’acqua, generati dalla perdita dei tubi, per poi scomparire silenziosi tra nuvole di polvere rossastra. Un cielo immenso e sconfinato conferisce grandezza a tutto ciò che ricopre donando a questo luogo selvaggio una bellezza incontrollabile.
Osserviamo gli sciacalli zigzagare intorno proprio ad una di queste strutture di cemento e mentre fotografo mi accorgo che uno dei tre sciacalli, una femmina, si allontana dal gruppo e cerca di entrare in un tubo, nascosto alla nostra vista, sporgente dalla struttura per qualche decina di centimetri. Entra quasi con tutto il corpo puntandosi bene sulle zampe posteriori ma si ritrae poco dopo, guardandosi attorno ansiosa e preoccupata.
Il vento soffia con forti raffiche già dalla mattina ed è come una carezza ruvida che non cessa mai ma sono sicura di sentire provenire proprio da quel tubo suoni inconfondibili simili al debole guaire di un cucciolo.
Gli sciacalli hanno diverse tane che cambiano a mano a mano che i loro piccoli crescono soprattutto se questi sono disturbati da qualche predatore. Facile supporre che in quel tubo fossero nascosti dei cuccioli. Cambiamo punto di osservazione nella speranza di fotografare la prole ben nascosta perché sono molto rare le immagini di questi cuccioli di animali così schivi e quasi sempre nascosti in tane isolate e difficili da individuare. Spostata la macchina in posizione favorevole, rimaniamo allibiti.
Il foro posizionato quasi raso terra è completamente aperto e sfocia in un piccolo e stretto locale di ispezione delle valvole, profondo oltre due metri. Sul fondo qualche pietra di galana e un altro foro che presuppone una conduttura cilindrica di raccordo.
La femmina, nel frattempo, ci osserva seduta nell’erba secca roteando la testa verso di noi in cerca forse di un aiuto, orecchie tese e occhi fissi a scrutare i nostri movimenti.
Il silenzio ora è spezzato dal guaito insistente di un cucciolo preso dal panico che emette senza sosta strilli di allarme e terrore con una voce stridula, un guaito di dolore isterico da far accapponare la pelle. Inspiegabilmente è finito proprio in quella conduttura che si vede sul fondo, dopo un tonfo di un paio di metri. La madre non avrebbe mai più potuto raggiungerlo e il destino del piccolo sarebbe stato tragicamente segnato.
Non avendo nulla con noi per recuperare il povero cucciolo, chiediamo aiuto alla David Sheldrick, al personale specializzato nel soccorso animale che ci raggiunge in breve tempo. Grazie ad una scala di ferro arrugginito, fissata con bulloni alla parete del locale d’ispezione, due uomini si calano a fatica sul fondo con una lampada ed una coperta: facendo luce ci assicurano che il cucciolo è spaventato ma vivace mentre con un braccio, avvolto dalla coperta, entrano nel tubo per circondare il piccolo che nel frattempo ha smesso di strillare. E’ fondamentale non toccare l’animale con le mani per non lasciare l’odore umano sul suo pelo, rispettando il loro stato selvatico: la madre potrebbe anche rifiutarlo ed abbandonarlo.
Con estrema delicatezza viene riportato in superficie e anche se stremato e spaventato comincia a sgambettare con movimenti frenetici per uscire dall’involucro lanoso.
E’ incontenibile e riusciamo solo a scattare qualche foto veloce del suo splendido musino lanuginoso con le orecchie a punta e uno sguardo intenso da cucciolo volitivo.
La madre, che ha seguito tutta la scena da lontano, si avvicina guardinga mentre il cucciolo, messo a terra, corre con una velocità impressionante, pieno di energia nonostante la disavventura, nella sua vera tana scavata nel terreno poco lontano da noi raggiungendo i fratellini che lo aspettavano chissà da quanto tempo.
La mattina seguente torniamo alla Pipeline per un ulteriore controllo e troviamo la giovane madre seduta all’entrata della sua tana, tranquilla e rilassata in attesa del ritorno del padre con qualche piccola preda per nutrire la prole. Ci guarda con quel suo musino affilato da volpino, con occhi lucidi quasi volesse ringraziarci: i cuccioli sono l’investimento maggiore nell’esistenza di un essere vivente e la loro sopravvivenza permette la durata di una specie, generazione dopo generazione.
Alla giovane madre consiglierei solo di spostare i suoi piccoli in una tana più sicura.
Proprio sopra quelle strutture in cemento molto spesso ho fotografato, al tramonto, splendidi leoni seduti e rilassati, con lo sguardo fisso verso i numerosi erbivori che affollano la Pipeline, in attesa di scegliere il loro pasto serale: un luogo decisamente inadatto per crescere una allegra cucciolata di giovani e irrequieti sciacalli.

FOTO GALLERY
TAGS: tsavo kenyaitaliani kenyasavana kenyasciacallo kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La savana è la materia. 
E’ ciò di cui siamo fatti tutti e da cui tutti proveniamo. 
Non sono solo i mesozoici elefanti e le grottesche giraffe a ricordarcelo. 
Ce lo dicono le improvvise colline che sono frammenti della Rift...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

Una promozione di tre mesi per far vivere a tutti l'emozione della savana, da Malindi, Watamu e Mambrui.
L'idea di Malindikenya.net che fa parte delle nostre iniziative per rilanciare il turismo, ha trovato la felice partnership di Osteria Swara Camp,...

LEGGI TUTTO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

Una stagione fantastica per i safari in Kenya, e specialmente per i Parchi Nazionali di Tsavo Est e Ovest e dell'Amboseli.
Il direttore della Kenya Association of Hotelkeepers and Caterers...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli sforzi fatti fino ad ora per garantire acqua agli animali del Parco Nazionale dello Tsavo e al suo ecosistema potrebbero non bastare.
La savana più vicina alla costa del Kenya rischia l’estinzione in 15 anni, se non si provvede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da oggi il Buffalo Camp, lodge appena fuori dal Parco Nazionale dello Tsavo, ha un nuovo proprietario. L'Osteria Group di Maurizio Corti si è aggiudicato l'asta che assegnava la concessione del Governo per gestire e organizzare il campo safari. Il...

LEGGI TUTTO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli Amici dello Tsavo tornano nelle scuole italiane per sensibilizzare i ragazzi riguardo alla tutela degli animali delle riserve africane e per promuovere il lato buono del Continente Nero, quello meno pubblicizzato dai media ma quello più comune e autentico,...

LEGGI TUTTO

La voglia sfrenata di questo Paese di tecnologicizzarsi e allo stesso tempo di limitare il grande cancro della corruzione, rischia spesso di causare contrattempi a chi ci lavora e chi lo promuove.
Oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO

Gli amici italiani degli animali salvano un leone alle porte dello Tsavo.
Un’avventura straordinaria è accaduta domenica scorsa nella Conservancy del Galana Ranch al confine con il Parco Nazionale dello Tsavo East. 
Una maledetta trappola, piazzata da bracconieri con lo scopo...

LEGGI TUTTA LA STORIA