Solidarietà

SOCIALE

Guerra in Ucraina, cala la solidarietà in Kenya

Tini (COIKE): "Privilegiare progetti seri e trasparenti"

06-05-2022 di Freddie del Curatolo

Centri per l’infanzia, scuole, progetti sanitari e di agricoltura, sostegni a famiglie e studenti e programmi alimentari. Dalle grandi ONG alle piccole realtà sociali italiane registrate in Kenya che da sempre si muovono in maniera cristallina. Tutto il comparto della solidarietà in Kenya sta vivendo un momento di grande difficoltà dovuto alla guerra tra Russia e Ucraina.
Se da una parte la pandemia aveva concentrato l’attenzione sullo stato di salute dei singoli, dall’altro aveva comunque lasciato uno spiraglio alle condizioni di chi, lontano dalle logiche dei lockdown estremi e dalle code ai supermercati, stava soffrendo la fame ed aveva necessità di aiuti materiali nel presente, più che di progetti a lungo termine. Questo ha fatto sì che una flebile linea di continuità di donazioni potesse proseguire.
Dopo due anni, il conflitto alle porte dell’Europa e con implicazioni economiche in divenire, ha invece escluso l’Africa dalle priorità di chi ha un cuore generoso. Molti aiuti da parte di organizzazioni, associazioni religiose e laiche, gruppi di privati ed aziende virtuose si sono diretti verso Kiev e dintorni, sensibilizzati da immagini e testimonianze quotidiane della guerra.
Questo non solo ha fatto calare le donazioni in Kenya, ma ha impedito a molti progetti di solidarietà di poter proseguire il loro percorso con quella continuità che è alla base della realizzazione di obbiettivi importanti.
“Il problema è ancora più serio e reale – spiega Samuele Tini, direttore dei progetti della ONG Manitese in Kenya e nel direttivo del Coordinamento delle Onlus Italiane in Kenya (COIKE) – perché coincide con la più grave crisi climatica e umanitaria degli ultimi 40 anni nel corno d’Africa, resa ancor più drammatica proprio da questa guerra solo apparentemente distante dal Kenya. Ad esempio, quest’anno, dopo mesi di siccità che hanno ridotto la produzione di cereali, i due maggiori esportatori in Est Africa, proprio Russia e Ucraina, hanno bloccato le forniture. Di conseguenza i prezzi delle farine (quella di mais è il principale sostentamento dei keniani) sono aumentati in maniera esponenziale. In tale contesto già critico, si è aggiunto il calo degli aiuti internazionali”.
Come si diceva, le organizzazioni non governative più accreditate e radicate sul territorio, sono quelle che soffrono maggiormente della situazione, perché con i loro progetti a stretto contatto con le comunità locali, non possono certo permettersi pause e sono in prima linea nel trovare soluzioni.
“E’ un momento di mare in burrasca e non solo non abbandoniamo la nave, ma dobbiamo fare da scialuppe di salvataggio per le realtà locali più colpite da questa situazione – conferma Tini - Quindi ci vediamo impegnati a raddoppiare gli sforzi in una situazione in cui sono calati in maniera preoccupante gli aiuti esterni. L’opinione pubblica, anche giustamente, è rivolta verso la grave situazione dei profughi ucraini, è sempre più importante trovare occasioni di solidarietà in loco e cercare di essere forti sul territorio, queste aree avranno bisogno dell’aiuto delle organizzazioni che non lasciano le comunità in balia di sé stesse. Organizzazioni che facciano della trasparenza, delle certificazioni e del rispetto di protocolli ed istituzioni locali la base per poter trasmettere il messaggio che il Kenya e il Corno d’Africa vanno aiutati a superare questo terribile periodo”.
In questo contesto, con la ripresa del turismo in vista, invitiamo sempre di più chi è sensibile alla solidarietà verso un paese e un popolo a cui è affezionato, a privilegiare realtà sociali, Onlus e ONG che sviluppino progetti sostenibili e siano gestite da professionisti del settore, possibilmente presenti sul campo. Di dispersione di soldi (anche in buonafede) donazioni controproducenti, solidarietà da caramelle, eroi ed eroine occasionali, presunte associazioni e onlus raffazzonate che fanno più i loro interessi che quelli della povera gente, ne abbiamo avuto fin troppo in passato.

TAGS: coikesolidarietàdonazionitrasparenza

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un "ombrello" comune per le più rilevanti onlus italiane che sostengono progetti e attività in Kenya.
L'idea sostenuta dall'Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (AICS) e dall'Ambasciata d'Italia in Kenya e organizzata da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una notte di pioggia a Malindi, una madre disperata che forse cerca tardivamente di abortire e che partorisce in uno dei quartieri poveri della cittadina.
Un gesto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mondo della solidarietà e della cooperazione italiana in Kenya riparte da coordinamento e...

LEGGI L'ARTICOLO

Fatuma Freedom Prezioso non ce l'ha fatta. 
E' spirata ieri notte a Mombasa, dove si era recata per l'ennesima visita di controllo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il romanzo della giornalista Rai Isabella Schiavone "Lunavulcano", che abbiamo recentemente recensito qui (clicca qui per leggere la recensione) è stato selezionato  per il prestigioso premio Strega 2018.
L'importante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grande interesse e buona partecipazione per la tre giorni di Expo italiana organizzata dal Comitato degli Italiani all'Estero a...

LEGGI L'ARTICOLO

Metti il grande cuore di tanti connazionali, aggiungi il "mal d'Africa" che sarebbe ben poca cosa senza il sorriso, l'accoglienza e l'umiltà di questo popolo (specialmente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grazie al decreto legge della Contea e ad uno studio ed un progetto dalla Germania e donazioni straniere...

LEGGI L'ARTICOLO

A piccoli passi il Kenya risale la china tra i Paesi meno corrotti del mondo, lasciandosene alle...

LEGGI L'ARTICOLO

Il progetto Real Malindi cresce grazie alla generosità dei lettori italiani di malindikenya.net.
Ieri finalmente sono arrivate le scarpine da calcio per gli studenti della scuola primaria di Ganda, popoloso sobborgo di Malindi da dove abbiamo deciso di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una categoria alla volta, per sensibilizzare e fornire gli strumenti utili alla prevenzione. Questi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Si chiama Happy House, casa felice ed è la salvezza di tanti bambini di Watamu e dintorni senza...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindi sempre più unita per la prevenzione della pandemia mondiale Covid-19, arrivata ormai da ...

LEGGI L'ARTICOLO

E' partita ieri mattina la raccolta di solidarietà della comunità italiana in Kenya e di tutti i connazionali che lo frequentano.
Su iniziativa del nostro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Desidero esprimere la mia gratitudine a tutti gli amici e lettori italiani - troppi per riuscire a farlo individualmente - per l'ondata di solidarieta', affetto e amicizia che si e' riversata su di me e su mia flglia Sveva da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO