Ultime notizie

ISTRUZIONE

Scuola Kenya, giudice blocca pagamenti online

Accolto ricorso contro il passaggio a eCitizen

09-02-2024 di redazione

L'Alta Corte ha temporaneamente sospeso la recente direttiva del governo che imporrebbe ai genitori e ai tutori di alunni delle scuole statali, di pagare le tasse scolastiche esclusivamente attraverso la piattaforma online e-Citizen.

LEGGI QUI L’ARTICOLO SULLA DIRETTIVA DEL GOVERNO

Il giudice della corte di Milimani a Nairobi, Chacha Mwita, ha emesso l'ordinanza cautelare a seguito di una petizione presentata da un medico di Nakuru, che denuncia problemi di accessibilità e di trasparenza, che sono stati accolti dal giudice. "Con la presente si emette un'ordinanza cautelare provvisoria che sospende la circolare o lettera del Segretario Principale (Belio R Kipsang) del Ministero dell'Istruzione datata 31 gennaio 2024, che richiede ai genitori/tutori e agli studenti di pagare le tasse e qualsiasi altro tributo per tutte le istituzioni scolastiche governative attraverso la piattaforma e-citizen o qualsiasi altra piattaforma digitale fino al 13 febbraio 2024, quando il tribunale emetterà ulteriori direttive in merito a questa petizione", ha stabilito il giudice.

La decisione, annunciata dal viceministro dell’Istruzione, Belio Kipsang, è stata studiata nell’ottica del governo di riunire tutti i pagamenti che confluiscono nelle casse dello Stato, in una sola piattaforma con un unico numero di “paybill”, 222222. Il trasferimento di competenze digitali è già avvenuto con l’ingresso ai parchi nazionali, con i servizi relativi alle patenti e con quelli dell’ufficio delle imposte. L’intento è nobile, quello di fermare la dispersione dei fondi e la dilagante corruzione negli uffici delle varie istituzioni.
Nel caso della scuola, come abbiamo già avuto modo di spiegare, il processo però è sicuramente più complicato, in quanto coinvolge comunità e famiglie che non sempre possono accedere ad internet e che non possono permettersi uno smartphone. Per questo, il ministero aveva annunciato che le scuole avrebbero potuto mettersi a disposizione dei genitori, ma qui evidentemente entrerebbero in gioco le questioni di “trasparenza”.

TAGS: scuolaistruzioneeducazionepagamentiecitizen

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Da quest’anno, anche se la data deve essere ancora confermata, per pagare le rette scolastiche, i...

LEGGI L'ARTICOLO

Da questa mattina, sabato 29 luglio, alcuni dei siti keniani collegati a ecitizen, il portale di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Rivoluzione nel sistema scolastico del Kenya.
Dopo trentadue anni viene pensionato il vecchio sistema, denominato 8-4-4 (otto classi elementari, ovvero “primary school”, quattro di superiori e quattro di università) ed entra in vigore un più complesso ma...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Slitta di una settimana la riapertura delle scuole pubbliche in Kenya. La decisione è...

LEGGI L'ARTICOLO

la NGO italiana Karibuni ha avviato un nuovo progetto in collaboraIone con le autorità dell’educazione della Contea di Kilifi e con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Agricoltura e sicurezza alimentare, istruzione e sanità, con attenzione all’educazione e...

LEGGI L'ARTICOLO

Ormai il Kenya con l’inizio del nuovo anno è entrato in una nuova era, per quanto riguarda gli ingressi...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo le polemiche dei giorni scorsi con le associazioni dei genitori degli studenti del...

LEGGI L'ARTICOLO

La Onlus italiana "Still I Rise" fondata dal giovane cooperante e scrittore cremonese Nicolò Govoni è pronta per ...

LEGGI L'ARTICOLO

Ecco le informazioni necessarie per pagare l’ingresso ai parchi a tutto il...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono passati dodici anni dal 25 settembre 2018, quando a Piove di Sacco, nel padovano, è...

LEGGI L'ARTICOLO

Saranno stanziati in tutto 6.4 milioni di euro per il progetto della Cooperazione Italiana allo Sviluppo nella zona di Ngomeni, 30 km a nord di Malindi, dove sorge il Centro Spaziale Luigi Broglio.
Si tratta di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A distanza di poco tempo dalla costruzione del pozzo per la Happy Children Nursery School di Mtangani, gli amici italiani di Donatella "Donamasai" Crispino hanno raccolto altri fondi e con la loro generosità hanno rifornito di acqua buona un’altra scuola,...

LEGGI TUTTO

Korogocho è la terza baraccopoli di Nairobi per numero di abitanti: al suo interno vivono circa 200.000 persone.
È una...

Gli esami non finiscono mai, diceva Eduardo De Filippo. In Kenya sembra che anche le lezioni di prima...

LEGGI L'ARTICOLO

I miracoli spesso arrivano dal silenzio e hanno l'aria di qualcosa di naturale, di quotidiano.
Nessuno li sbandiera sotto il nostro naso, tantomeno gli artefici.
Quotidiano, naturale.
Come una piccola barca a motore che ogni mattina passa a prendere centinaia...

LEGGI TUTTO IL REPORTAGE E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA