Ultime notizie

ISTRUZIONE

Anche la scuola in Kenya si pagherà solo online

Le rette andranno sulla piattaforma eCitizen: possibili disagi

06-02-2024 di redazione

Da quest’anno, anche se la data deve essere ancora confermata, per pagare le rette scolastiche, i genitori o gli sponsor degli alunni keniani di qualsiasi scuola pubblica, dovranno affidarsi alla piattaforma online eCitizen, pagando anche con il sistema mpesa al numero unico governativo 222222.
La decisione del ministero dell'Istruzione è in linea con la direttiva del governo di riunire qualsiasi servizio governativo, dal pagamento delle tasse a quello dei visti e dei servizi dell’ufficio immigrazione e ultimamente anche le patenti, in una solo conto corrente per evitare la dispersione di fondi che possono portare inevitabilmente ad episodi di corruzione e frode.


Il viceministro dell’istruzione, Belio Kipsang, ha inviato nei giorni scorsi una circolare a tutti i presidi delle scuole nazionali, avvertendo di tenersi pronti e di iniziare a fornire i dettagli del conto e di come effettuare il pagamento, per facilitare il processo di inserimento e presentare le informazioni riguardo al proprio istituto, comprese le proprie coordinate bancarie, utilizzate fino ad oggi per i pagamenti, entro il prossimo 6 febbraio.


"La direzione di eCitizen, in collaborazione con l'Autorità per le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICTA), il ministero dell'Informazione, della comunicazione e dell'economia cigitale e il Tesoro Nazionale, sta coordinando l'inserimento di tutti i servizi governativi nella piattaforma eCitizen per migliorare l'erogazione dei servizi - si legge in parte nella circolare -, come parte della conformità ai requisiti, è necessario che i genitori/tutori effettuino i pagamenti delle tasse per i loro studenti nelle vostre istituzioni attraverso questa piattaforma".


Fino ad oggi, buona parte degli studenti pagavano le proprie rette in contanti ed era poi la direzione scolastica ad inserirle nel proprio conto, da cui il governo a regola doveva prelevare le tasse e lasciare fondi per le spese ordinarie dell’istituto, come bollette dell’elettricità e dell’acqua.
L’obbiettivo del governo, secondo i media nazionali, è anche quello di aumentare il numero di nuovi utenti che si iscrivono a eCitizen, oltre agli attuali 11 milioni che utilizzano il servizio quotidianamente, ed abituarli ad usare il servizio per effettuare qualsiasi pagamento riconducibile allo Stato.


Sicuramente questo sistema fa parte della genuina volontà dell’amministrazione del presidente William Ruto di combattere la corruzione e il malcostume a tutti i livelli, ma sta già incontrando comprensibili difficoltà, come già riscontrato in altri servizi da poco trasferiti sulla piattaforma online.
In più molti genitori spesso “patteggiano” con gli istituti scolastici sistemi di pagamento rateali o chiedono di essere facilitati in qualche modo, ad esempio con l’antico metodo delle collette (harambee). Come andrà a finire con la modernizzazione ed i sistemi elettronici?
C’è da sperare che a rimetterci non siano i milioni di studenti per cui l’istruzione è un diritto, prima ancora che un obbligo fino ad una certa età.

TAGS: scuolaistruzioneeducazionetasseonlinepiattaforma

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

L'Alta Corte ha temporaneamente sospeso la recente direttiva del governo che imporrebbe ai genitori e...

LEGGI L'ARTICOLO

Agricoltura e sicurezza alimentare, istruzione e sanità, con attenzione all’educazione e...

LEGGI L'ARTICOLO

La community internazionale di ospitalità turistica e alberghiera Air BnB ha trasmesso i suoi dati dell'anno appena trascorso, certificando che l'Africa è il Continente più in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I genitori degli alunni keniani stanno sollevando preoccupazioni circa la ripresa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il tasso di completamento della scuola è emerso come uno dei problemi più urgenti dell'istruzione in Kenya. Solo...

LEGGI L'ARTICOLO

Rivoluzione nel sistema scolastico del Kenya.
Dopo trentadue anni viene pensionato il vecchio sistema, denominato 8-4-4 (otto classi elementari, ovvero “primary school”, quattro di superiori e quattro di università) ed entra in vigore un più complesso ma...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Slitta di una settimana la riapertura delle scuole pubbliche in Kenya. La decisione è...

LEGGI L'ARTICOLO

Dal 1 marzo 2021 in Kenya per chi vende soggiorni o affitta case sulla piattaforma Booking.com...

LEGGI L'ARTICOLO

la NGO italiana Karibuni ha avviato un nuovo progetto in collaboraIone con le autorità dell’educazione della Contea di Kilifi e con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ufficio della Tourism Regulatory Authority di Malindi ci ha chiesto di diffondere la lista dei Bed & Breakfast, Boutique Hotel, case private o appartamenti che affittano tramite internet.
Le autorità...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya si lancia sul digitale per risolvere il problema della disoccupazione giovanile...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha bloccato ieri la possibilità di accedere alle due più importanti agenzie ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo le polemiche dei giorni scorsi con le associazioni dei genitori degli studenti del...

LEGGI L'ARTICOLO

Prima dell'inizio dell'alta stagione verranno scandagliati e controllati tutti gli alloggi, le camere e le piccole strutture vendute su Air BnB, su Booking.com e su altre piattaforme online, per verificarne l'idoneità con le leggi nazionali sull'hotelkeeping, le licenze ed altro. 

LEGGI TUTTO

La Onlus italiana "Still I Rise" fondata dal giovane cooperante e scrittore cremonese Nicolò Govoni è pronta per ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono passati dodici anni dal 25 settembre 2018, quando a Piove di Sacco, nel padovano, è...

LEGGI L'ARTICOLO