Opinioni

EDUCAZIONE

Studiare in Kenya, non solo un problema di soldi

Uno studio sul perché i giovani keniani lasciano la scuola

18-04-2021 di Caroline Sabina Wekullo

Il tasso di completamento della scuola è emerso come uno dei problemi più urgenti dell'istruzione in Kenya. Solo il 58% degli alunni iscritti al primo anno termina la scuola primaria.
Questa percentuale diminuisce man mano che si passa ai livelli superiori.
Ancora meno completano la scuola secondaria.
L'abbandono precoce della scuola è associato a carenze educative che probabilmente limiteranno la realizzazione sociale, finanziaria e psicologica degli studenti per tutta la vita.
Nel tempo, questo si aggiunge alle disuguaglianze nella società.
Bassi tassi di ritenzione e completamento possono anche costare al Kenya risorse scarse, sfidare il suo sforzo per raggiungere l'istruzione primaria universale e compromettere lo sviluppo.
Nel 2003, il governo del Kenya ha introdotto l'istruzione primaria gratuita. Il duplice scopo era quello di realizzare gli obiettivi di sviluppo del millennio delle Nazioni Unite dell'istruzione primaria universale entro il 2005 e dell'istruzione per tutti entro il 2015.
Con il programma di istruzione primaria gratuita, tutti gli studenti hanno accesso all'istruzione senza discriminazioni, mentre il governo ha abolito le tasse scolastiche, i genitori o i tutori sono tenuti a sostenere altri costi come l'uniforme, i pasti scolastici, le strutture di alloggio e il trasporto da e per la scuola.
Nonostante gli sforzi del governo per migliorare i tassi di accesso e di completamento, colmare il divario tra le intenzioni e la realtà rimane una sfida.
Date le conseguenze per gli individui e la società, è fondamentale che i leader istituzionali, i politici e gli educatori capiscano perché i bambini lasciano o rimangono a scuola.
I fattori che contribuiscono variano da contesto a contesto, come hanno rivelato numerosi studi. Possono includere ragioni personali, familiari, di qualità della scuola, economiche e ambientali.
L'interazione e l'effetto di questi fattori variano a seconda della regione, del livello di istruzione, del tipo di istituto e delle caratteristiche individuali.
Il mio studio ha esplorato i fattori che contribuiscono alla persistenza accademica negli studenti della scuola primaria in Kenya. Si è concentrato sui fattori personali, familiari e socio-economici, sulle pratiche istituzionali e sull'ambiente istituzionale. Ho scoperto che nessun singolo fattore può spiegare interamente la persistenza degli studenti, quindi è importante adottare un approccio integrato per mantenere più bambini a scuola. È anche necessario intervenire nei primi anni di scuola.
PERCORSI DI PERSISTENZA ACCADEMICA
Il mio studio ha utilizzato i dati dell'African Population and Health Research Center.
Ho analizzato 12.385 casi di alunni dai cinque ai 20 anni, a diversi livelli di scolarizzazione e in cinque siti chiave (Mombasa, Nairobi, Nyeri, Nakuru e Kisumu). I dati includevano storie scolastiche individuali, informazioni sulla famiglia, caratteristiche istituzionali, coinvolgimento dei genitori o dei tutori e informazioni sugli studenti.
Dei 12.385 studenti che erano iscritti a scuola nel 2007, 7.089 (57,2%) erano ancora iscritti alla stessa scuola nel 2012. Il resto aveva abbandonato o si era trasferito in altre scuole.
I fattori associati al non rimanere a scuola erano: essere un ragazzo di 15 anni o più, frequentare una scuola pubblica, lavorare mentre si frequenta la scuola, ed essere incerti sul sostegno finanziario. Altri fattori come la necessità di trasporto a scuola, la provenienza da una famiglia povera e il rendimento scolastico erano associati negativamente alla persistenza, anche se non statisticamente significativi.
L'analisi ha mostrato che diversi fattori erano associati al completamento della scuola primaria. Uno era l'età degli studenti. Rimanere a scuola fino all'età tra i 10 e i 14 anni indicava la probabilità di completare la scuola. I bambini sopra i 14 anni sono considerati troppo grandi per la scuola primaria e quindi hanno maggiori probabilità di abbandonare la scuola.
In secondo luogo, gli studenti provenienti da famiglie identificate come benestanti nell'indice di ricchezza familiare e che partecipavano attivamente a scuola avevano anche maggiori probabilità di completare la scuola. La partecipazione attiva è definita come un interesse positivo nelle attività scolastiche. Questi studenti avevano anche la probabilità di riferire di avere un'esperienza scolastica positiva, come la presenza di compagni e insegnanti amichevoli.
Il coinvolgimento dei genitori nel percorso accademico dei loro figli e nella scuola è stato associato alla permanenza più lunga dei bambini a scuola. I risultati di questo studio hanno mostrato un legame tra il livello di istruzione dei genitori con il coinvolgimento dei genitori - e quindi la persistenza fino al completamento.
L'influenza era maggiore tra i genitori che avevano almeno un'istruzione di base. Questi erano più propensi ad aiutare i loro figli con il lavoro scolastico o erano più impegnati a vedere i loro figli avere successo a scuola.
Ma il più incisivo fattore della persistenza degli studenti è il livello d'istruzione dei genitori.
Gli studenti i cui genitori hanno almeno un'istruzione di base, avranno oltre 80 volte più probabilità di proseguire rispetto a quelli i cui genitori non avevano un'istruzione formale. I bambini i cui genitori hanno un'istruzione secondaria avranno oltre 22 volte più probabilità di persistere.
Ci si aspetterebbe che l'influenza dei genitori che avevano un'istruzione secondaria e superiore sull'istruzione dei loro figli sarebbe dovuta essere maggiore. Ma non è stato così per una serie di ragioni. In parte, i genitori sono impegnati in compiti di lavoro impegnativi, lasciando la responsabilità di supervisionare il lavoro scolastico tipicamente alla domestica.
Questi livelli di influenza sono stati sorprendenti. Suggeriscono la necessità per i genitori di avere più momenti di insegnamento e apprendimento con i loro figli, in quanto è la chiave per la loro persistenza fino al completamento.
Lo status socioeconomico della famiglia è stato associato positivamente alla persistenza. Troppo spesso, gli studenti provenienti da famiglie a basso reddito si trovano in scuole pubbliche con un rapporto studente-insegnante tipicamente alto e strutture inadeguate.
Gli scarsi voti li escludono da una scuola secondaria ben finanziata che potrebbe garantire una borsa di studio governativa per l'università.
La capacità di pagare i costi associati all'istruzione rimane un fattore chiave per la frequentazione.
Anche se le tasse scolastiche sono gratuite, altri costi diretti e indiretti come il cibo, le tasse d'esame, i quaderni e le uniformi rappresentano una grande parte del reddito familiare per i poveri.
Implicazioni per la pratica
Questi risultati sono utili per i leader educativi, i politici e gli insegnanti. Poiché la capacità di pagare i costi dell'istruzione è un fattore chiave per la persistenza, lo studio suggerisce la necessità di sovvenzionare questi costi per gli studenti provenienti da famiglie a basso reddito.
Si nota anche che i ragazzi sono vulnerabili e hanno bisogno di sostegno per rimanere a scuola, specialmente quelli iscritti all'istruzione primaria gratuita. Questi risultati suggeriscono la necessità di agire per prevenire il lavoro minorile, aumentare le risorse delle famiglie e ridurre i costi di opportunità associati al proseguimento dell'istruzione. Lo studio sottolinea anche la necessità che il governo assicuri un'equa distribuzione delle scuole pubbliche e delle risorse.
Proprio come l'abbandono della scuola è un processo, così è il viaggio di uno studente verso il completamento. È un processo che richiede interventi precoci. Nessun singolo fattore può spiegare interamente la persistenza degli studenti; essi interagiscono a diversi livelli per influenzare la decisione di continuare o abbandonare.
Questo studio sottolinea l'importanza di un approccio integrato per mantenere i bambini a scuola. Tutte le parti interessate - leader educativi, politici, insegnanti e sistemi come la salute e la giustizia - dovrebbero cooperare per superare le sfide.

(Caroline Sabina Wekullo è ricercatrice presso la  Masinde Muliro University of Science and Technology)
L'articolo è tratto da The Conversation Africa, che ne ha autorizzato la traduzione.
https://theconversation.com/africa/

TAGS: scuola kenyastudenti kenyaeducazione kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

la NGO italiana Karibuni ha avviato un nuovo progetto in collaboraIone con le autorità dell’educazione della Contea di Kilifi e con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ieri le scuole primarie e superiori del Kenya hanno riaperto i battenti dopo quasi 10 mesi di...

LEGGI L'ARTICOLO

"Aiuto, la nostra scuola è infestata dai demoni!"
Le grida di notturne di paura, accompagnate da una protesta di studenti e genitori, arrivano dalla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il progetto Real Malindi cresce grazie alla generosità dei lettori italiani di malindikenya.net.
Ieri finalmente sono arrivate le scarpine da calcio per gli studenti della scuola primaria di Ganda, popoloso sobborgo di Malindi da dove abbiamo deciso di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

La solidarietà di Mambrui aiuta la scuola dell'integrazione. 
Sulla spinta del Kola Beach Resort, partita con la tradizionale festa di fine anno, si è finalmente concretizzato l’aiuto promesso alla scuola mussulmano-cattolica della comunità di Mambrui.

LEGGI TUTTO

Le ultime classi della scuola primaria e secondaria del Kenya riprenderanno le lezioni ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono 18 i morti di giornata collegati al virus Covid-19 in Kenya e, con un totale di 920 casi, ci ...

LEGGI L'ARTICOLO

Niente riapertura delle scuole in Kenya il prossimo 1 settembre.
Nonostante...

LEGGI L'ARTICOLO

Oggi in Kenya iniziano gli esami scolastici per duecentomila ragazzi, tra alunni della primary school che cercano di completare il primo ciclo di studi, quello obbligatorio per poi sperare, se ci saranno le risorse, di passare alla scuola secondaria. Secondary...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

 "Ogni giorno in Africa si volta una pagina e si inizia un nuovo capitolo. Oggi è un altro giorno. Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

Rivoluzione nel sistema scolastico del Kenya.
Dopo trentadue anni viene pensionato il vecchio sistema, denominato 8-4-4 (otto classi elementari, ovvero “primary school”, quattro di superiori e quattro di università) ed entra in vigore un più complesso ma...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Kit Dignità" ed è un'iniziativa di Watoto Kenya Onlus per le ragazze delle scuole dell'entroterra malindino.
Si tratta di assorbenti lavabili che permetteranno alle studentesse di non restare a casa da scuola nel periodo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Saranno stanziati in tutto 6.4 milioni di euro per il progetto della Cooperazione Italiana allo Sviluppo nella zona di Ngomeni, 30 km a nord di Malindi, dove sorge il Centro Spaziale Luigi Broglio.
Si tratta di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Onlus italiana "Still I Rise" fondata dal giovane cooperante e scrittore cremonese Nicolò Govoni è pronta per ...

LEGGI L'ARTICOLO

A distanza di poco tempo dalla costruzione del pozzo per la Happy Children Nursery School di Mtangani, gli amici italiani di Donatella "Donamasai" Crispino hanno raccolto altri fondi e con la loro generosità hanno rifornito di acqua buona un’altra scuola,...

LEGGI TUTTO

Malindi è sempre più orientata verso l’educazione al riciclo e alla raccolta differenziata: a...

LEGGI L'ARTICOLO