Prodotti del territorio

COLTIVAZIONI

L'agave in Kenya: una risorsa della costa

La lavorazione della pianta aiuta l'economia

19-05-2021 di Leni Frau

L’Agave è una pianta appartenente alla famiglia delle Agavaceae; ne esistono più di 300 specie, tutte originarie dell’America centrale. La specie piú comune e diffusa in Kenya é l’Agave Sisaliana. Il nome generico deriva dal greco “agaue” che significa nobile, splendida mentre il nome specifico deriva da Sisal, citta portuale dello Yucatan da cui veniva esportata la fibra ricavata dalle sue foglie.
Si tratta di una pianta perenne monocarpica, ossia che fiorisce una sola volta nella vita e poi muore. Tuttavia, prima che l’Agave fiorisca deve passare molto tempo, perché deve raggiungere la maturità: in base alle differenti specie e alle loro condizioni vegetative, questo lasso di tempo può variare dai 3 fino, addirittura ai 50 anni.
L’Agave è caratterizzata da foglie carnose dalla forma allungata, bordate da spine e disposte a rosetta che possono raggiungere anche i due metri e mezzo di lunghezza ed una larghezza di circa trenta centimetri. Dalle sue  foglie si ricava la fibra di sisal molto resistente e ampiamente utilizzata in tutto il mondo, dalla pianta si possono anche ricavare bevande come la tequila, il pulque e il mezcal. Fin dalla preistoria, l’uomo ha utilizzato la sua fibra naturale prima per la creazione di cordame e poi di manufatti artigianali. Diffusa dapprima in Messico e poi in Brasile, oggi il principale esportatore di sisal, successivamente nell’Africa Orientale soprattutto in Kenya e Tanzania.
Negli ultimi anni l’interesse nei confronti di questa fibra è notevolmente cresciuto per via della sua sostenibilità ambientale, caratteristica per cui sta progressivamente sostituendo alcuni materiali plastici e la fibra di vetro.
Le principali coltivazioni si trovano in Brasile, Cina, Cuba, Kenya, Haiti, Madagascar e Messico. In Kenya il sisal è la sesta più importante coltura commerciale dopo tè, caffè, zucchero, piretro e cotone. L'industria della coltivazione e della lavorazione del sisal in Kenya può essere fatta risalire al 1914, quando fu fondata a Thika la prima piantagione.
La coltivazione di sisal é principalmente fatta su larga scala nella regione costiera con un totale di cique piantagioni tra cui Vipingo, Kilifi e Kwale.
Oltre alla fibra, che costituisce il 4% della foglia dell’Agave Sisaliana, l’industria del sisal genera una grande quantitá di biomassa comunemente chiamata “sisal waste”.
Questo é quanto avviene anche nella Kilifi Plantation dove, nonostante vi sia solo un piccolo produttore, si produce una sisal di ottima qualitá riconosciuta a livello mondiale.
La fibra di sisal viene estratta con un processo di decorticazione, le foglie vengono tagliate spesso a mano e poi trasportate in un impianto centrale di decorticazione per romperle e schiacciarle.
Successivamente la fibra grezza viene accuratamente lavata e appesa ad asciugare su lunghi supporti con funi tese, spazzolata ed imballata in gran parte per l’esportazione. Gli scarti di sisal vengono utilizzati per l’impianto di biogas della fattoria e talvolta e anche usato come mangime per il bestiame durante la stagione secca.
Questa fibra tessile molto ruvida al tatto, ha una trama grossolana ed é di color ecru chiaro ma lasciandola per molto tempo al sole puo scurirsi fino a diventare quasi bruna. Grazie alla sua resistenza, sia alle trazioni meccaniche che alle intemperie, é una fibra molto versatile che viene utilizzata in diversi ambibti come ad esempio la produzione di corde e spaghi, di ceste e tappeti e anche spazzole  e spugne.

FOTO GALLERY
TAGS: agave kenyasisal kenyaprodotti kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Kenya fa sul serio, pure troppo.
Avevamo anticipato che dal 2 aprile ci sarebbe stata...

LEGGI L'ARTICOLO

Fino a trent’anni fa Kilifi era la Happy Valley della costa keniana.
Appena...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Il Ministero del Commercio e dell’Industria del Kenya ha deciso la chiusura di tutti i negozi che vendono ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un nuovo negozio a Malindi per gli amici a quattro zampe a Malindi.
Al Vera Cruz Complex in Lamu Road (di fronte al Malindi Complex) ha aperto "Cat & Dog Food", un rivenditore autorizzato "Skinner’s", leader inglese nella produzione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il nuovo spazio di "Tagliati & Colorati" del Lawford's è sempre più il punto di riferimento del benessere a Malindi.
Non solo per l'esperienza e la professionalità dell'hairstylist Dennys Pomponi, ma anche grazie al suo moderno concept: un centro benessere...

LEGGI TUTTO

Il fine settimana all’Olimpia Club di Malindi si anima particolarmente ed alle cene con prodotti italiani freschi d’importazione...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ha vietato l'importazione di alcuni prodotti sudafricani derivati della carne, dopo analisi svolte non solo a Nairobi, ma anche in altre Nazioni del Continente, che hanno rilevato la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nuova vita per la vecchia, mitica "tusker baridi sana"!
Il Governo del Kenya, dopo l'incontro tra il boss della multinazionale dei liquori Diageo e il Vicepresidente William Ruto, ha annunciato la costruzione del più grande stabilimento per la produzione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se c’è un nome a Mombasa per definire il Made in Italy e la sua cucina di qualità, questo nome è certamente “Roberto’s”.
Quest’anno il...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'altra settimana di aiuti firmati comunità italiana, con la NGO Karibuni e il nostro portale.
Come avevamo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi sempre più unita per la prevenzione della pandemia mondiale Covid-19, arrivata ormai da ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una APP sviluppata in Kenya per farsi prescrivere medicinali e trovarli nella farmacia più vicina.
L’intelligente invenzione farmaceutico-telematica si chiama “My Dawa” (dove “dawa” in swahili sta proprio per “medicina”) ed è stata sviluppata dalla ION Equity.
Scaricandola sul telefonino,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tommaso Menini, trentasettenne milanese, è l’ennesimo “cervello in fuga” dall’Italia che ha scelto il Kenya per il suo...

LEGGI L'ARTICOLO