Personaggi

PERSONAGGI

Il Kenya di Enzo Maolucci, fondatore del Survival sportivo

"Qui c'è il paesaggio più vario del mondo, è vera avventura"

06-12-2016 di Freddie del Curatolo

Dalla sopravvivenza intellettuale nella Torino degli anni di Piombo, a quella sportiva nella savana del Kenya.
La storia di Enzo Maolucci, professore delle medie negli anni Settanta, poi cantautore con all’attivo uno degli album più intensi del cantautorato rock italiano (“Barbari e Bar” del 1978) e oggi antropologo, non si può racchiudere nelle poche righe di un articolo.
Ma la sua passione per il Kenya merita sicuramente un capitolo speciale, all’interno di una vita avventurosa e creativa, segnata da intelligenza, talento e curiosità.
Oggi Maolucci ha settant’anni, portati come ognuno desidererebbe, è il presidente della Federazione Italiana Survival  Sportivo Sperimentale (FISSS), disciplina da lui inventata e promossa nel 1986 a livello nazionale e oggi riconosciuta sia come sport sia come scienza e formazione a più livelli.
Divide il suo tempo tra la didattica nel “Salgari Campus” a Torino, un vero e proprio campo di allenamento di 120 mila metri quadri sulle colline torinesi, le spedizioni in zone impervie e primordiali del Kenya come il Turkana o la Suguta Valley, e il meritato relax nella sua casa sulla spiaggia a Msambweni, nella costa sud del Kenya.
Malindikenya.net lo ha incontrato qui, tra un bagno in mezzo ai coralli e una mangiata di alghe fritte appena raccolte con la moglie Fulvia.
“Il “survival” è una pratica multidisciplinare indirizzata alle modalità di sopravvivenza dell’uomo, del gruppo e delle popolazioni nei diversi ecosistemi  – spiega Maolucci - significa in pratica vivere al di là delle possibilità concesse dalle circostanze e si può interpretare anche come “scienza del comportamento nel pericolo”, ovvero studio e sperimentazione delle soluzioni adottate in vari ambiti nel passato, nel presente e, in prospettiva, anche di quelle possibili nel futuro. Chi pratica il survival deve saper adattarsi, improvvisare, risolvere complessità e raggiungere lo scopo”.
Secondo Maolucci non c’è Paese migliore del Kenya per poter applicare al meglio i dettami del “survival” ed organizzare gli eventi competitivi legati a questa disciplina.
“Con i suoi diversi ecosistemi, le variazioni di natura, di situazioni climatiche, umane e di fauna che si possono trovare nel giro di poche centinaia di chilometri – illustra il fondatore della FISSS – il Kenya è il paradiso del survivalista. Nel giro di pochi giorni è possibile sperimentare l’adattamento a luoghi incontaminati di mare, di foresta, di savana, montagna e deserto, senza contare il confronto con popoli dalle tradizioni antiche e radicate.  Pochissimi Paesi nel mondo possono vantare tali peculiarità tutte assieme”.
Proprio nei giorni scorsi, sul quotidiano La Stampa, è stato pubblicato il diario di viaggio di una spedizione composta in parte da tesserati della FISS, che hanno percorso a piedi 150 chilometri tra deserto e savana della Rift Valley, con un kit minimo per sopravvivere. Non è un caso che anche loro abbiano scelto la “culla dell’umanità”.
Il legame con la primordialità, oltre che la verginità della natura, è uno dei motivi principali per cui Maolucci si è innamorato del Kenya, dopo aver girato parecchie nazioni africane.
“Però non amo passare alcuni mesi all’anno qui solo per il survival – ammette l’antropologo torinese – a farmi amare quest'angolo d'Africa è anche la tranquillità della costa keniana, l’indole pacifica della sua gente e la possibilità di imbattersi in tanti occidentali amanti della natura e degli ambienti incontaminati”.
In Kenya ad esempio Enzo ha incontrato i concittadini Massimo Vallarin e Davide Gremmo, che oltre che Ranger Onorari del KWS e residenti malindini, sono istruttori di survival sportivo per l’Africa.
“L’amore comune per il Kenya ci unisce – conferma Maolucci - ed insegnare qui l’arte della sopravvivenza con il metodo e i crismi di una scienza ma con la passione e il coinvolgimento di uno sport, è il massimo della vita”.
Parole di chi un tempo cantava che bisogna diventare molto più barbari per riessere civili, di chi la vita l’ha presa per le palle fin da giovane e ancora, con la rabbia tenuta a freno da una buona dose di saggezza, la sa mettere alla prova a colpi di entusiasmo, competenza e mai domo amore per la libertà.
 

TAGS: Enzo MaolucciMaolucci KenyaSurvival Kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Giovedì con cena e musica dal vivo al Baby Marrow di Malindi.
Nell'ambito delle serate piacevoli che il rinomato locale di Vasco Da Gama Road è solito offrire alla sua clientela, si torna ad apprezzare la bravura, la classe e l'esperienza del Maestro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Vicepresidente del Kenya William Ruto è a Roma per una visita programmata per rinforzare i rapporti bilaterali, specialmente in chiave economica, tra Kenya ed Italia. A margine di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata musicale di altissimo livello, quella che è stata organizzata dal Come Back Club di Watamu per il prossimo martedì 9 gennaio.
Al polistrumentista Marco "Sbringo" Bigi, conosciutissimo a Malindi e Watamu per le sue serate da "one man band" (soprattutto al piano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro giovedì sera all'insegna della buona musica dal vivo e del mangiar bene, al Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi.
Nell'ambito delle serate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La polemica scoppia dopo la conferma del nuovo DPCM di un Governo italiano che tra oggi e domani...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono momenti importanti, forse decisivi, per la risoluzione della drammatica vicenda del rapimento di Silvia Romano, da ormai una settimana nelle mani di una banda di criminali nascosti nella foresta di Dakacha, nel profondo entroterra della costa keniana.
Secondo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Governi di Kenya e Italia sempre più coinvolti in programmi di scambi e sviluppo, dopo il recente incontro del Vicepresidente del Kenya William Samoei Ruto con il Vice Premier italiano Luigi Di Maio e con il Ministro degli Affari Esteri...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un lungo speciale dedicato al Kenya attuale su Rai Uno.
Andrà in onda domani sera alle 23.50 nell'ambito di "Speciale Tg1", con un servizio dedicato all'ascesa turistica di Watamu e interviste a tre

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ogni mattina, dalle 6 alle 7, si armano di sacchi e buona volontà, mascherine al volto e distanze ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Oggi in Italia, come per tanti settori ed aspetti che riguardano l’arte e la cultura...

LEGGI L'ARTICOLO

"Silvia Romano è stata liberata, Ringrazio le donne e gli uomini dei servizi...

LEGGI L'ARTICOLO

Ci sono delle volte in cui odio il mestiere che mi sono scelto, forse l’unico che sono capace di fare. 
Che non sarebbe né quello di informare, né quello di promuovere il turismo di una località che amo e che...

LEGGI TUTTO IL RICORDO

Un artista vero resta sul palco fino all'ultimo, fino alla fine. Gli togli il...

LEGGI IL RICORDO

La Malindi italiana perde il suo barman, una delle figure storiche delle notti in riva all’Oceano Indiano.
Il grande Morgan lascia il Kenya dopo vent’anni di militanza, soprattutto notturna.
Chi frequenta da tanto tempo Malindi lo ricorda negli anni mitici...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno dei pezzi più importanti della storia degli italiani in Kenya e della seconda guerra mondiale in Africa è stato abbattuto senza preavviso da ...

LEGGI L'ARTICOLO

Caro Baba Crismasi, tu che scendi dalle pendici del Monte Kenya con uno slittino ricavato da due ...

LEGGI L'ARTICOLO