Ultime notizie

PERSONAGGI

Amatulli, un italiano d'Africa per Montecitorio

Da Durban per perorare la causa dei connazionali residenti

29-08-2022 di Freddie del Curatolo

Gli italiani in Africa hanno un candidato che “gioca in casa” e a loro favore alle elezioni politiche del prossimo 25 settembre.
Antonio “Tony” Amatulli, tarantino di 39 anni e da quasi dieci residente a Durban in Sudafrica, si presenta alla Camera per il Partito Democratico nella ripartizione Asia, Africa, Oceania e Antartide. Amatulli è insegnante e presidente del Comitato Dante Alighieri di Durban e da tempo è attivo nella diffusione della lingua italiana in Sudafrica ed in altre iniziative per l’integrazione tra i nostri connazionali e le comunità locali.
Ha già visitato Namibia, Mozambico, Lesotho, Eswatini, Tanzania, con una “toccata e fuga” in Kenya dove si ripromette di tornare per conoscere meglio le particolarità e le problematiche degli italiani che ci vivono.
Per questione di numero di residenti, solitamente il parlamentare eletto all’estero in questa ampia fascia intercontinentale proviene dall’Australia, ma è anche il frazionamento degli stessi iscritti AIRE in Africa a non portare mai un candidato “forte” che possa fare gli interessi specifici degli italiani che vivono nei paesi del continente africano.
“Le elezioni degli italiani all’estero finora sono state ben poco decisive per la nostra ripartizione – conferma Amatulli, intervistato da Malindikenya.net – o, meglio, ritenute poco incisive per i destini degli italiani che vi risiedono. Questo per diverse ragioni, riassumibili tuttavia in due macro: ampiezza della ripartizione e inconsistenza dei candidati. I profili degli eletti finora sono stati sempre gli stessi, programmi deboli o inesistenzi: per italiani all’estero tutti pizza e simpatia!”.
Amatulli ha proposte programmatiche diverse e, ad esempio, ha intenzione di concentrarsi sia sulle problematiche dei giovani expat che aumentano di anno in anno, sia sui pensionati che abbracciano la scelta di vivere i “migliori anni della loro vita” in Africa. Non solo, la visione “dall’interno” del candidato PD è focalizzata anche sull’economia.
“Nonostante nel continente africano Stati Uniti e Cina la facciano da padrone – è il pensiero di Amatulli - l’apertura di aree di libero scambio potrebbero interessare anche le imprese italiane, che potrebbero inserirsi e colmare vuoti e domande nuove. Specie nel mercato africano, nuove partnership e joint venture potrebbero sorgere, in un’ottica di sviluppo sostenibile e di difesa dei diritti umani. La vasta gamma e la riconosciuta qualità delle piccole e medie imprese italiane, potrebbe assumere un ruolo di guida e orientamento, tracciando nuovi mercati e nuove vie per esportazioni e investimenti. Una macroarea, quella africana, in espansione economica e rapido mutamento, che merita centralità nell’applicazione della diplomazia della crescita, intesa non soltanto come politica per ridisegnare le relazioni diplomatiche internazionali dell’Italia ma, in senso molto più ampio, come azione per ridisegnare nuovi spazi di sbocco e investimento per la nostra economia”.
Il tema della doppia imposizione fiscale e degli accordi che molti paesi, come il Kenya, ancora non hanno raggiunto con Roma, torna ogni qual volta si parla di istituzioni che si spendano per i benefici di chi vorrebbe trasferirsi in paesi dove, al di là delle opportunità lavorative, avrebbe agevolazioni economiche.
“Sono molti gli italiani residenti all’estero che, in mancanza di convenzione tra l’Italia e il Paese in cui risiedono, sono soggetti a doppia imposizione – conferma Tony Amatulli - Questo credo non sia né ragionevole, né proficuo, né in ultimo, accettabile. Occorre muoversi celermente per stimolare il dialogo con i molti Paesi con i quali l’Italia non ha alcun accordo amministrativo per favorire la stipulazione di Convenzioni nel più breve tempo possibile. La doppia imposizione per gli italiani all'estero non è più tollerabile”. Nei punti programmatici sviluppati dal candidato “africano” (potete approfondire cliccando sul suo sito www.scriviamatulli.com) ci sono anche borse di studio per italiani nati in Africa, assegni di maternità e sussidi per le madri ed aiuti sanitari per anziani residenti indigenti.
“Ci sarà molto da fare, per mettere in contatto le persone e le esperienze migliori dei Paesi della ripartizione, al fine di produrre sinergie in campi di estrema importanza come ad esempio quelli della cooperazione e dell’impresa – conclude Amatulli - E l’Africa è giusto che abbia il ruolo centrale che gli spetta”.

TAGS: parlamentoelezioni italiadurbanpoliticiroma

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

L’anno solare in Kenya finisce con la risicata certezza che il Governo può guardare all’inizio della...

LEGGI L'ARTICOLO

Entro questo fine settimana si saprà qualcosa di definitivo sul futuro politico del Kenya.
Le elezioni dell'otto agosto hanno lasciato lo strascico del ricorso presentato alla Corte Suprema dall'opposizione, rappresentata dall'alleanza NASA e dal suo candidato premier Raila Odinga.
Odinga...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Willy Mtengo è il nuovo parlamentare del distretto elettorale di Malindi. E' stato eletto a grande maggioranza (25 mila preferenze contro le 9 mila del candidato della coalizione di governo Philip Charo) rimpolpando così le fila dei politici dell'opposizione che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da un'approfondita e quotidiana lettura della situazione politica attuale in Kenya, emerge sicuramente un quadro confuso e di difficile interpretazione di quel che potrebbe accadere il 26 ottobre, giorno delle nuove elezioni presidenziali. Ma anche immediatamente prima e subito dopo.

La Corte Suprema del Kenya ha accolto il ricorso dell'Opposizione rappresentata dall'Alleanza Nasa e dal suo candidato presidente Raila Odinga, annullando il risultato delle elezioni nazionali.
Ciò rappresenta un fatto senza precedenti in una Repubblica del Continente africano.
I giudici della Corte,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Venti tra le più importanti Ambasciate straniere presenti in Kenya hanno sottoscritto e reso pubblico ieri un comunicato riguardo alle prossime elezioni di dopodomani.
Letto dal massimo diplomatico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"L'alleanza NASA di Raila Odinga ha un preciso schema politico atto a rimandare le elezioni, posticipandole a dicembre di quest'anno".
La dichiarazione del Presidente della Repubblica del Kenya e candidato della maggioranza alle prossime votazioni nazionali previste ad agosto, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C’è un italiano in Kenya che non ha smesso di sognare di poter migliorare i luoghi dove vive da quasi...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Dopo il primo caso nel Paese, anche la compagnia di bandiera dell’Etiopia, ovvero Ethiopian...

LEGGI L'ARTICOLO

Alla scadenza dei termini per presentare ricorso contro i risultati delle elezioni dello scorso 9 agosto che...

LEGGI L'ARTICOLO

Il mondo piange un gigante della pace, un diplomatico dalla vocazione all’umanità.
Per il Kenya è semplicemente l’uomo che ha evitato una guerra civile, ha messo la parola fine a un eccidio senza precedenti per la Repubblica del Kenya e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya negli ultimi anni ha dimostrato di essere una democrazia. La sua classe politica, non...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

E' ancora molto più che incerto il futuro politico del Kenya, a un mese dalle elezioni-bis del Paese.
Ieri il Presidente reggente Uhuru Kenyatta ha confermato l’apertura dei lavori del Parlamento a Nairobi.
Nonostante l’Opposizione lo abbia ammonito, affermando che non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La compagnia NEOS aprirà oggi le prenotazioni per il volo di rimpatrio di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Prendere due piccioni con una fava. Ci sarà senz'altro anche un modo di dire simile in kiswahili per dire che a volte non solo si riescono a risolvere i problemi, ma magari se ne risolvono due nello stesso tempo, con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Commissione Elettorale del Kenya ha appena annunciato al Boma's Center di Nairobi che i risultati della ripetizione delle elezioni dello scorso 8 agosto saranno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO