Ultime notizie

NEWS

Chiusi gli "strip tease club" a Mombasa, locali notturni nel mirino sulla costa

Il Governo vuole ridurre il rischio di prostituzione minorile in tutto il Kenya

22-01-2018 di redazione

Un giro di vite nei locali notturni della costa keniana.
Lo ha deciso nei giorni scorsi il Capo della Polizia della regione costiera Nelson Marwa, che per prima cosa ha ordinato la chiusura di tutti gli "strip tease club" a Mombasa e nella vicina Nyali.
C'è da ricordare che in Kenya la prostituzione è permessa, se è un'attività privata.
Ovviamente, quindi, non è permesso lo sfruttamento di persone, organizzazioni o anche familiari, delle "lucciole".
Finché le ragazze maggiorenni decidono spontaneamente di esercitare "il mestiere più antico del mondo" nessuno glielo nega, e ricordiamo che i maggiori utenti di sesso a pagamento in Kenya sono i keniani stessi.
La prostituzione diventa però sfruttamento, sia da parte che dei genitori che indiscutibilmente da parte dei clienti, quando le ragazze non hanno ancora raggiunto la maggiore età, o quando i locali notturni palesemente lucrano sul mercimonio del corpo delle ragazze (ad esempio affittando loro camere nella stessa struttura per accompagnarsi ai clienti, oppure offrendo loro da bere in cambio dell'intrattenimento).
In ogni caso l'operazione del Governo mira a scongiurare definitivamente la prostituzione minorile, e nei club di Mombasa e Nyali è stato intravisto questo pericolo, oltre a ravvisare una sorta di "incitamento" a reclutare giovani ragazze che mettano in vista il proprio corpo.
A Malindi e Watamu non vi sono locali di strip-tease e solamente qualche anno fa una discoteca aveva provato a installare delle "gabbie" in cui ragazze poco più che svestite ancheggiavano e si facevano irrorare di schiuma.
Fortunatamente la discoteca ha chiuso, e gli altri locali notturni seguono una politica meno aggressiva.
Dal 2009, anno in cui l'imprenditoria turistica malindina firmò un protocollo d'intesa con il Ministro del Turismo e la Cooperazione Italiana per lo Sviluppo dei Popoli, nei locali italiani ci sono controlli per evitare che ragazze minorenni soggiornino negli hotel con turisti e che entrino nei locali notturni.
Purtroppo, però, nei pub e nelle discoteche locali, se ne vedono ancora. 

TAGS: locali kenyadiscoteche kenyastrip tease kenyaprostituzione kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Vita breve per i locali notturni che "sparano" musica troppo alta?
A giudicare dalle investigazioni partite nei giorni scorsi a Nairobi da parte della National Environmental Management Authority (NEMA), sembrerebbe di sì. L'inquinamento acustico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gestori e proprietari dei locali della Contea di Kilifi che organizzano serate musicali, beach party, live music e discoteche si sono incontrati con ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya da sempre convive con la liberalizzazione del "mestiere più antico del mondo".
La prostituzione sia maschile che femminile non solo è consentita, ma...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Decisa presa di posizione della Contea di Kilifi contro l'inquinamento acustico dei locali notturni.
Dopo le proteste e gli appelli dei residenti di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Arriverà mai una stagione in cui gli imprenditori italiani di Watamu capiranno che quando c'è un evento speciale, come ad esempio lo è stato il...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Martedì 31 dicembre Malindi va a tutto beach party: anche il White Elephant propone la sua festa...

LEGGI L'ARTICOLO

Ancora rimandato il trasferimento in Sardegna di Mario Mele, l'ex residente di Malindi proprietario del Mario's Lounge al Nakumatt, arrestato dall'Interpol il 29 marzo scorso durante un'operazione congiunta con la polizia della regione costiera del Kenya.
Una volta estradato in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il bar ristorante e stabilimento balneare Rosada Beach chiude ufficialmente questa...

LEGGI L'ARTICOLO

Quello dei funerali è ormai uno dei business più importanti, tra gli affari del "popolo", che animano l'economia del Kenya.
Già nel 2013 uno studio del Journal of Human Developement indicava le spese per i funerali tra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' ufficialmente terminato la notte scorsa, sabato 31 agosto, il sesto censimento dei cittadini e...

LEGGI L'ARTICOLO

Una notte di pioggia a Malindi, una madre disperata che forse cerca tardivamente di abortire e che partorisce in uno dei quartieri poveri della cittadina.
Un gesto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La lotta alla pedofilia in Kenya ormai è un dato di fatto, una decisa svolta del Governo sulla questione che non risparmia nessuno, né gli stranieri che un tempo venivano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ballare e divertirsi anche di giorno, nelle più strette osservanze dei protocolli e delle regole di ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

E’ boom del mercato dell’usato in Kenya, ma non è una buona notizia.
Dopo gli anni passati...

LEGGI L'ARTICOLO

Mario Mele, il proprietario del Mario's Bar di Malindi e, con altri soci, del Mario's Budda's all'interno del Centro Commerciale Oasis (Nakumatt) è tornato in libertà, in attesa del processo che lo vede coinvolto con l'accusa di evasione fiscale e di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due ore in più di vita, ma soprattutto 18 ore di seguito per poter alzare il gomito al bar.
Questo...

LEGGI L'ARTICOLO