Ultime notizie

SOCIETA'

Prostituzione in Kenya: uno dei paradossi del Paese in crescita

"La professione è libera e legale, ma i lavoratori del sesso non sono tutelati"

19-04-2018 di redazione

Il Kenya da sempre convive con la liberalizzazione del "mestiere più antico del mondo".
La prostituzione sia maschile che femminile non solo è consentita, ma fa parte del costume della popolazione locale, tanto è vero che i primi "consumatori" di tale servizio sono proprio i keniani e che nei locali pubblici il mercimonio del proprio corpo è una delle attrazioni e delle possibilità, al pari della somministrazione di alcolici o della musica dal vivo.
Da una parte questo costituisce un paradosso in una Nazione che da sempre si professa profondamente conservatrice, a livello religioso: sia nella sua parte cristiana (che costituisce la maggioranza, tra cattolici e protestanti), sia nella minoranza islamica, ben rappresentata sulla costa, dove il turismo porta anche tanti stranieri ad approfittare dell'opportunità.
Basti pensare al tabù dell'omosessualità, che a fatica le nuove generazioni stanno cercando di sdoganare.
Dall'altro lato per molti anni il fenomeno ha evitato il proliferare di mafie e traffici illeciti legati alla prostituzione, come avviene ad esempio in Europa.
Se è vero che alla base del "sex-business" ci sono condizioni di miseria, violenze in famiglia e prospettive di guadagni facili che altrimenti non sarebbero possibili, dall'altro chi la pratica non ha a che fare con sfruttatori e racket, che spesso poi sono collegati a droga e altre attività losche.
In questi giorni a Nyali si è tenuto un convegno, organizzato dall'International Centre for Reproductive Health, alla presenza della coordinatrice americana Joanne Mantel e del responsabile keniano Peter Gichangi.
I relatori hanno denunciato le pessime condizioni di assistenza sanitaria di cui godono "lucciole" e "gigolò".
Secondo le associazioni che si occupano della tutela di questo settore così palesemente presente in Kenya, chi vende il proprio corpo dovrebbe accedere gratuitamente a servizi di controllo periodici ed essere rifornito di preservativi, assorbenti ed altri prodotti di prevenzione di malattie, anche per tutelare i propri clienti, che come detto sono per la maggior parte keniani.
"Da nostre indagini - ha dichiarato Gichangi ai media - manca anche una corretta informazione sull'utilizzo di contraccettivi, lubrificanti ed altro, e anche i proprietari di locali che ammettono e promuovono gli incontri non c'è la necessaria collaborazione".
Tra i luoghi che più risentono di questa mancanza di attenzione ad un aspetto così radicato nel Paese, ci sono Mwtapa (la "sin city" della costa keniana) e Mombasa. Ma il problema è sicuramente da affrontare in tutto il Kenya, un Paese che per molti aspetti sta crescendo e si sta ammodernando, ma che per altri rimane colpevolmente indietro. 

TAGS: prostituzione kenyalocali kenyacontraccezione kenyasesso kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un giro di vite nei locali notturni della costa keniana.
Lo ha deciso nei giorni scorsi il Capo della Polizia della regione costiera Nelson Marwa, che per prima cosa ha ordinato la chiusura di tutti gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La lotta alla pedofilia in Kenya ormai è un dato di fatto, una decisa svolta del Governo sulla questione che non risparmia nessuno, né gli stranieri che un tempo venivano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una notte di pioggia a Malindi, una madre disperata che forse cerca tardivamente di abortire e che partorisce in uno dei quartieri poveri della cittadina.
Un gesto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Diminuiscono i tamponi, diminuiscono i casi.
Con i dati...

LEGGI L'ARTICOLO

Cinque nuovi casi accertati di positività al virus Covid-19 nelle ultime 24 ore in Kenya e un decesso, avvenuto...

LEGGI L'ARTICOLO

Gestori e proprietari dei locali della Contea di Kilifi che organizzano serate musicali, beach party, live music e discoteche si sono incontrati con ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E venne il giorno in cui Malindi registrò il primo caso di Covid-19.
Il Ministero...

LEGGI L'ARTICOLO

I numeri di ogni giorno ormai sono giusto numeri, ed è esercizio inutile sgranarli come un...

LEGGI L'ARTICOLO

Avrebbe abusato di una quindicenne, attirata a casa sua con la promessa di pagarle gli studi.
Questa...

LEGGI L'ARTICOLO

Strutture sanitarie sempre più piene e con rischio di collasso, se una percentuale...

LEGGI L'ARTICOLO

Meno tamponi, molti più casi positivi, ora il Kenya inizia ad avere...

LEGGI L'ARTICOLO

Altri 51 casi in Kenya nelle ultime 24 ore portano a 963 il numero di contagi nel Paese dal 13 marzo...

LEGGI L'ARTICOLO

Altri 25 casi di positività al virus Covid-19 in Kenya nelle ultime 24 ore portano il totale delle persone contagiate ...

LEGGI L'ARTICOLO

La maggior parte dei 152 keniani che fino ad oggi sono morti con confermata positività al ...

LEGGI L'ARTICOLO

Nella conferenza stampa di ieri 30 giugno ad Afya House, il segretario amministrativo della Sanita ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono 134 i nuovi positivi riscontrati in Kenya ieri, venerdì 5 giugno. Nelle 24 ore precedenti sono stati...

LEGGI L'ARTICOLO