Ultime notizie

INFO

Cosa si rischia a recarsi in Kenya per turismo?

L'autocertificazione falsa è un reato: le avvertenze

30-06-2021 di redazione

Con tutta probabilità l’Italia prolungherà lo stato di emergenza nazionale legato alla pandemia, che scadrebbe il prossimo 31 luglio e di conseguenza il divieto di spostarsi in buona parte dei Paesi del mondo per turismo.
Tra le destinazioni “proibite”, relegate nel “girone infernale” della cosiddetta “fascia E” c’è anche il Kenya.
Sono tanti i connazionali che da mesi, in previsione della riapertura totale delle frontiere e prima che ci si imbattesse nella simpatica variante Delta, avevano fatto più di un pensierino alla vacanza in Kenya.
Dopo il disappunto, per molti la variazione di programmi e per gli irriducibili posticipare la data del viaggio.
Altri impavidi e poco inclini al cieco rispetto delle leggi, stanno cercando mille sotterfugi per ovviare al divieto.
Tra i tanti lettori che ci scrivono, cercando conforto e soluzioni, la domanda più consueta è: “Ma che tipo di reato commetto se parto per il Kenya? Rischio qualcosa?”
Il primo rischio che si corre, è sicuramente quello di non riuscire a salire sull’aereo che dovrebbe portarvi in Kenya, ovvero di essere fermati al check-in aeroportuale o dalle autorità di dogana.
Questo perché i controlli (se fatti con tutti i crismi) prevedono la richiesta di un’autocertificazione che, insieme ai propri dati, chiede di specificare il motivo del viaggio.
Si può tranquillamente dichiarare il falso e non è detto che vi venga chiesta la verifica di ciò che scrivete. (Ad esempio: “mi trasferisco al mio nuovo domicilio”: ci vorrebbe un certificato di cambio domicilio timbrato in prefettura o al limite il titolo di proprietà di una seconda casa. Oppure: “visita a un parente”, con appositi documenti e fotocopia di un documento che prova la residenza del parente in Kenya).
Nel caso però vengano effettuati controlli “pignoli”, il reato è molto chiaro, e non solo rispetto al decreto per l’emergenza, ma anche per il codice penale: infatti nel caso in cui si dichiarino dati falsi, scatta la disciplina prevista dall’articolo 495 del Codice Penale.
I rischi di dichiarare informazioni false e dati (volontariamente) inesatti nell’autocertificazione per gli spostamenti possono portare a conseguenze sono ben più gravi della semplice multa, dato che si tratta di un reato vero e proprio, dal quale può derivare la denuncia per "Falso in attestazione" e la condanna da 1 a 6 anni in carcere, in base alla gravità del fatto commesso.
Il motivo è semplice: quando un cittadino consegna l’autocertificazione, compilata e firmata, ci si assume la responsabilità civile e penale delle informazioni rese; per questo tutti i dati devono essere veri.
Nel caso del trasferimento in Kenya, come ricorda il sito del nostro Ministero degli Esteri, le motivazioni ammesse sono: rientro al proprio domicilio, residenza o soggiorno principale; esigenze lavorative comprovate, opera di volontariato comprovato, motivi di studio comprovati, vista a parenti.
Tutti gli altri motivi, ancorché premiabili per la fantasia e la verve del tutto italiana, non sono giustificabili.
Il nostro non è né un invito, né un voler fare gli uccelli del malaugurio. Semplicemente, se leggete Malindikenya.net non potrete mai dire "io non lo sapevo". Questa sì, sarebbe vera malafede. 
 

TAGS: turismo kenyaspostamenti kenyaitalia kenyadivieto kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Nessun cambiamento sostanziale negli spostamenti tra Italia e Kenya e viceversa nel nuovo DPCM...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo la nota di 24 ore fa che dimezzava di fatto i collegamenti tra Turchia e Italia, il Governo di Ankara, per ...

LEGGI L'ARTICOLO

L’Ambasciata d’Italia, con riferimento al volo speciale della compagnia Neos Air programmato per ...

LEGGI L'ARTICOLO

La riapertura del turismo dall’Italia al Kenya è ancora un rebus.
Attualmente...

LEGGI L'ARTICOLO

Cosa accadrà domani in Italia, per quanto riguarda i viaggi all’estero?
Per la prima...

LEGGI L'ARTICOLO

Circa le opzioni al momento disponibili per raggiungere l’Europa, si comunica che la locale...

LEGGI L'ARTICOLO

Con un’ordinanza datata 29 luglio 2021, il Ministro della Salute italiano Roberto Speranza ha...

LEGGI L'ARTICOLO

Non solo plastica e derivati, la Contea di Kilifi ha chiesto alla massima autorità governativa dell'Ambiente, la NEMA, di intervenire per...

LEGGI L'ARTICOLO

Nella ridda di decreti d’emergenza che affollano la Gazzetta Ufficiale del Kenya in questo periodo...

LEGGI L'ARTICOLO

Non c’è emergenza Covid-19 che tenga (per fortuna), la battaglia per la tutela dell’ambiente del Kenya va...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ ufficiale, i collegamenti della compagnia di bandiera keniana Kenya Airways con l’Italia, che...

LEGGI L'ARTICOLO

Il volo di rientro organizzato dalla Comunità Europea e inizialmente previsto per martedì 21 aprile da...

LEGGI L'ARTICOLO

Un corridoio "covid free" tra l' Italia e la costa del Kenya, con un sistema di accoglienza sicuro, che investa tutti i momenti

LEGGI L'ARTICOLO

Ancora un po’ di pazienza per i turisti italiani che pensavano di poter rientrare in Italia dal Kenya con...

LEGGI L'ARTICOLO

Il nuovo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri firmato ieri dal Presidente Giuseppe Conte...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO