Ultime notizie

NEWS

Così il Kenya rischia di perdere il mare di Lamu

Alla Corte internazionale l'infinita battaglia con la Somalia per i confini marittimi

18-03-2021 di Freddie del Curatolo

Kenya e Somalia sono da anni ai ferri corti per la questione dei confini marittimi sull’Oceano Indiano.
Dopo anni di interpellanze internazionali, ricorsi e (pochi) confronti diretti, l’attenzione ora è riposta sulla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja, che potrebbe accogliere per la prima volta ed in via definitiva le argomentazioni della Somalia per riprendersi un triangolo di mare che attualmente appartiene al Kenya, dopo le suddivisioni post coloniali e che risulta importantissimo per l’attività della pesca e per giacimenti petroliferi e di gas naturali.
La disputa tra il Kenya e la Somalia risale all'indipendenza.
Il Corno d'Africa aveva rivendicato parti dell'ex distretto di frontiera settentrionale del Kenya (provincia nord-orientale). Fu l’unica nazione, insieme al Marocco, a non riconoscere le suddivisioni stabilite dalle Nazioni Unite e dall’Unione Africana.
Le regioni di cui la Somalia rivendica l’appartenenza includono il Kenya settentrionale, l'Ogaden in Etiopia, Gibuti e il Somaliland.
Le dispute dopo l'indipendenza sul territorio terrestre furono risolte attraverso accordi amichevoli mediati dal Congo e dallo Zambia sotto l'egida dell’Organizzazione dell'Unità Africana (OUA).
Fu dopo queste mediazioni che la Somalia delineò i suoi confini e il Kenya stabilì relazioni diplomatiche con essa. Il motivo del contendere tra i due Paesi è tornato a farsi dopo che i due Governi non sono arrivati a firmare un memorandum d’intesa negli anni precedenti.
Secondo il Kenya la Somalia non ha mai avuto l’intenzione di trattare, considerando le sue decisioni come quelle da adottare senza se e senza ma.
Quando Nairobi ha cercato di far mediare all’Unione Africana, Mogadiscio si era già rivolta alla Corte Internazionale di Giustizia, confidando anche nelle origini somale dell’attuale presidente Abdulqawi Ahmed Yusuf.  Secondo i somali, invece, i tentativi di colloquio sono stati stroncati sul nascere dalla poca volontà del Kenya di cedere ad un compromesso.
Dal 2009 inoltre si assiste a tentativi di legittimare operazioni da parte della Somalia nel triangolo conteso. Secondo i documenti, i Somali avrebbero già messo in vendita quattro blocchi per estrazioni petrolifere in Gran Bretagna, secondo un accordo già in essere prima della pandemia e ora provvisoriamente bloccato.
L’arcipelago di Lamu è ora in ansia e preoccupato per la gestione della politica estera del suo Paese in merito: se le acque al largo della costa keniana dovessero diventare di proprietà della Somalia, l’ottanta per cento della pesca, che è il principale introito della popolazione delle isole a nord della costa keniana e a circa 70 km dal confine con la Somalia.
I documenti e le mappe depositati dal Kenya alla Corte Internazionale di Giustizia come nuove prove mostrano che la linea equidistante che vuole la Somalia entra nel territorio del Kenya, differendo da quella attuale che è perpendicolare al meridiano e non ai confini di terra.
Altri confini degli stati africani, ad esempio quello tra Kenya e Tanzania e la stessa Tanzania con il Mozambico, suggeriscono la stessa ipotesi e una decisione del genere potrebbe costituire un pericoloso precedente per altri Stati.
Il Kenya sostiene quindi che quella della Corte sarebbe una decisione drastica e negherebbe ai residenti di Lamu i loro mezzi di sostentamento, dato che la pesca è la fonte di sostentamento di base per almeno il 75% dei residenti.
"Se le acque contese venissero assegnate alla Somalia, l'accesso limitato alle zone di pesca storiche e l'aumento dell'insicurezza sarebbero l'ultimo chiodo nella bara per la pesca commerciale, con molti grandi natanti che probabilmente limiterebbero il loro raggio d’azione, temendo sequestri per riscatto come avviene già attualmente oltre il confine" si legge nel documento.

TAGS: kenya somalialamu marekenya confinikenya guerra

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Una decisione storica, quella della compagnia di bandiera keniana Kenya Airways, di tornare a volare da Nairobi a Mogadiscio.
Annunciata nelle scorse settimane, la rotta dalla capitale del Kenya a quella della travagliata nazione confinante, sarà operativa da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya ha deciso di chiudere tutte le frontiere via terra con Tanzania e Somalia.
La ...

LEGGI L'ARTICOLO

Da giovedì 23 marzo a domenica 27 le imbarcazioni del Kenya Wildlife Service saranno impegnate nella più grande operazione di censimento marino mai svolta nelle acque territoriali keniane.
Lo ha annunciato il portavoce del KWS Paul Gatitu, che ha illustrato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

S'intitola "Mogadishu before and after the war" (Mogadiscio prima e dopo la guerra), l'interessante mostra fotografica della giornalista e scrittrice indiana Rasna Warah con foto anche dell'italiano Lino Marano che come tanti altri residenti italiani di Malindi di oggi, hanno vissuto nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I servizi segreti della Gran Bretagna vengono considerati i più attendibili del mondo, specialmente in Africa, continente di cui conoscono molto bene dinamiche e risvolti. Dopo anni di avvertenze e di timori, da questo mese finalmente tutta la costa del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il confine tra Kenya e Somalia, ben lontano dalle zone turistiche keniane, torna ad essere terreno ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta e quello della Somalia Mohamed Farmaajo si sono incontrati...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo un anno di rassicurazioni, di veti tolti e silenzio, gli Stati Uniti rilanciano un "travel advisory", ovvero un consiglio di evitare certe zone del Kenya, dal proprio Ministero degli Esteri. 
 

LEGGI TUTTO

Dadaab, un luogo famoso come Hollywood visitato da dignitari da tutto il mondo.
La regione da asilo ad un milione di rifugiati la gran maggioranza dalla vicina Somalia. 
Daadab, il campo profughi, a circa 100 km dal confine, ha fatto...

LEGGI TUTTO

"Silvia Romano è ancora in Kenya, non può essere stata portata in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

All’indomani del discorso alla Nazione del Presidente Uhuru Kenyatta, in cui ha annunciato il prolungamento...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministro della Sanità del Kenya era ieri, giovedì 9 luglio, sulla costa per valutare l’azione di...

LEGGI L'ARTICOLO

La spedizione della barca Flipflopi, totalmente rivestita di materiale plastico riciclato da ciabatte ed infradito raccolte in un anno nell'arcipelago di Lamu, ha fatto tappa ieri a Watamu.
Per...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Nell’agosto del 1990 il Kenya era nel pieno dell’esplosione del turismo e particolarmente la costa keniana ...

LEGGI L'ARTICOLO

Aidan Hartley è nato in Kenya nel 1965 da genitori inglesi.
Ha studiato in Inghilterra ma ha sempre sentito l'Africa come la sua terra.
Ha vissuto nelle farm materne e a Malindi, prima di intraprendere la carriera di giornalista di...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE