Ultime notizie

EDITORIALE

Due ore in più al bar, il ritorno alla (quasi) normalità del Kenya

L'abuso di alcool fuori di casa è il pericolo maggiore

01-10-2020 di Freddie del Curatolo

Due ore in più di vita, ma soprattutto 18 ore di seguito per poter alzare il gomito al bar.
Questo in pillole è il “ritorno alla normalità” che il Kenya ha deciso di concedere da ieri ai suoi cittadini per i prossimi sessanta giorni sul suolo nazionale.
Coprifuoco spostato alle 11 di sera (con bar e ristoranti che devono chiudere un’ora prima, quindi alle 10) e bar di tutti i tipi, dalle birrerie ai discopub ai chioschi dove si preparano i micidiali superacolici artigianali, che possono riaprire i battenti.
Quali scenari si predispongono quindi per i prossimi due mesi?
Direi in primis l’ubriachezza in ogni sua forma e dimensione: da quella bonaria della birretta (o due, o tre) a fine lavoro e del bicchiere di vino in Pausa pranzo a quella ballereccia e compagnona dei pub a suon di guinness, smirnoff e furaha brandy, fino a quella smodata e a volte molesta degli stakanovisti dell’alcool, mnazi o chang’a che sia.
Il Kenya è un Paese di discreti alcolisti, non lo diciamo noi ma le statistiche che abbiamo anche pubblicato in tempi non sospetti.
Da un rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità del 2016 infatti si evince che in Kenya 4 persone su 100 ogni giorno muoiono per problemi legati all’abuso di alcool e che il consumo dei distillati artigianali illeciti rappresenti il 37 per cento del mercato locale.
Senza contare l’indotto: buona parte degli incidenti stradali che causano centinaia di morti ogni anno vedono coinvolti guidatori con tasso alcolemico decisamente superiore al consentito (che in Kenya a regola sarebbe più basso di quello italianio: 0,8 grammi per litro nel sangue e 0,35 nel fiato), così dietro le violenze sessuali ed in famiglia si nasconde spesso l’abuso di alcool.
Non è un caso dunque che, a parte l’emergenza Covid-19, il Governo abbia cercato di dare una stretta moralizzatrice al Paese nel tentativo di cambiare almeno in parte ed in pubblico le abitudini di molti concittadini. Durante il discorso di lunedì, lo stesso Presidente Kenyatta ha ricordato che in questi sei mesi di coprifuoco gli incidenti stradali sono diminuiti del 10%. Molti di quegli incidenti in effetti si verificavano di notte e vedevano coinvolte persone che uscivano da bar e discoteche.
Resta il fatto che i keniani, come abbiamo visto anche per giovani e non di altri Paesi, non vedono l’ora di tornare a divertirsi.
I party privati non si contano più, le feste di compleanno il pomeriggio sono diventate orge di bevute e non solo. Durante molti di questi consessi sono stati beccati anche politici e amministratori della cosa pubblica. Negli ultimi giorni iniziano ad essere organizzati concerti dove la gente non rispetta nemmeno le regole fondamentali del lavaggio mani e della mascherina, figuriamoci le distanze...ad un concerto hip-hop.
La deriva ora che i meeting sono stati ampliati da 100 a 200 persone, può essere quella di trasformare matrimoni e funerali in “rave party”, anche se già precedentemente in molte contee era stato vietato di vendere e consumare alcolici durante le cerimonie. Ai tempi i rivenditori di alcolici avevano protestato pubblicamente, forse oggi si potrebbero accontentare della riapertura dei bar.
Altra possibilità, che verificheremo, è quella che i bar possano iniziare la loro programmazione notturna alle 4 del mattino, appena terminato il coprifuoco. Si tratterebbe di spostare solo di due o tre ore il normale orario del momento “clou” di molti locali notturni, che prima della pandemia era fissato per l’una e mezzo o le due del mattino. Gli show nelle discoteche e i concerti spesso iniziavano a quell’ora.
La serata tipo di molti keniani potrebbe di conseguenza prevedere la nanna alle 7 di sera, sveglia alle 3 e mezza del mattino e invece della colazione con chapati e caffelatte, una bella Pilsner per cominciare e vedere l’alba sotto un’altra ottica. Speriamo non succeda.
Chi ancora si sente penalizzato, nonostante le nuove aperture verso il ritorno alla normalità, sono quelle che ormai con affetto chiamiamo “studentesse”.  Il loro sindacato si è fatto già sentire più volte e anche sulla costa le loro abitudini sono giocoforza cambiate. Ma di loro ci occuperemo diffusamente in un altro articolo prossimamente.
Alla salute!

TAGS: bar kenyacoprifuoco kenyaregole kenyaalcool kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Dopo l'annuncio del Ministero della Sanità di cui abbiamo scritto precedentemente, l'ottimismo...

LEGGI L'ARTICOLO

I ristoranti del Kenya potranno riaprire nei prossimi giorni, ma le regole da seguire inizialmente non sono...

LEGGI L'ARTICOLO

Ci si aspettava di peggio.
Dal Presidente Uhuru Kenyatta, al termine della...

LEGGI L'ARTICOLO

Mezza Nairobi si è trasferita sulla costa keniana per le vacanze di Natale e di fine anno, unitamente a qualche migliaio di turisti europei, soprattutto italiani ed inglesi. Per questo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il prossimo 28 settembre il Kenya potrebbe togliere gli ultimi veti dell’emergenza pandemia...

LEGGI L'ARTICOLO

Coprifuoco allungato di due ore non significa che i ristoranti possono chiudere due o più...

LEGGI L'ARTICOLO

Oggi, presumibilmente questo pomeriggio, il Presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru...

LEGGI L'ARTICOLO

Il giorno dopo l’annuncio del Presidente Kenyatta che ha di fatto esteso di altri 30 giorni le principali misure ..

LEGGI L'ARTICOLO

Meno tamponi durante il fine settimana, ma percentuale ancora sopra al 15.
Queste le ultime dal Ministero ...

LEGGI L'ARTICOLO

Lockdown di Contea a Nairobi e in altre quattro contee del Kenya.
Questo ha deciso...

LEGGI L'ARTICOLO

Una nuova decisione da prendere, settori dell’economia da favorire  o penalizzare, categorie...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono otto i nuovi positivi al virus Covid-19 in Kenya, dopo che nelle ultime ore sono stati resi noti i ...

LEGGI L'ARTICOLO

“Tra le varie opzioni che abbiamo, sto pensando anche di richiudere di nuovo totalmente il Paese”.
Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

Da qualche mese le dogane aeroportuali keniane di Nairobi e Mombasa sono dotate di nuovi ed efficaci scanner che...

LEGGI L'ARTICOLO

Durante le prossime feste natalizie e di fine anno, a Watamu e sulla costa del Kenya arriveranno circa 5 mila italiani, secondo le stime di tour operators, siti di prenotazioni online e compagnie di volo.
Ecco dieci regole che conviene seguire...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha parlato a televisioni unificate al Paese, a 21 giorni...

LEGGI L'ARTICOLO