Ultime notizie

NEWS

Kenya, aumenta il consumo di droghe pesanti

NGO e associazioni: "La pandemia ha peggiorato le cose"

05-07-2021 di Freddie del Curatolo

Da via di transito per altri Paesi a vero e proprio mercato, con una diffusione davvero preoccupante a tutti i livelli. Si parla di droghe pesanti e di Kenya.
Questo sembra essere il prezzo da pagare per la crescita di certe fasce sociali e la frustrazione di tanti giovani disoccupati, spiazzati dalla mancanza di inclusione sociale e di assistenza nella loro crescita. Situazioni su cui le mafie e gli affaristi senza scrupoli da sempre e ovunque marciano sopra senza il minimo scrupolo.
Così il Paese africano, da semplice crocevia, sta diventando uno dei bacini d’utenza di consumatori di cocaina ed eroina.
“Unga” (farina) come la chiamano qui.
Un tempo Mombasa era solo un porto d’attracco dall’Iran e dall’India, per grosse navi-cargo imbottite di droga che successivamente facevano tappa a Città del Capo, prima di prendere la via del Sudamerica. La corruzione e i controlli approssimativi ne facevano una tappa più che sicura.
La tratta d’andata vedeva carichi di hashish e oppio, quella del ritorno era a base di coca. Un carico importante scoperto nel 1994 nella città keniana e poi “misteriosamente” scomparso era impacchettato in confezioni di caffè.  
Da alcuni anni la tappa keniana sta diventando più sicura e frequentata della famosa “via dei balcani”, resa un percorso a ostacoli per i contrabbandieri dai controlli anti-migranti dopo la guerra civile siriana.
Anche da Afghanistan e Pakistan la droga viene imbarcata alla volta di Mombasa ed oltre a proseguire per altri lidi, c’è la possibilità per i commercianti di morte (o di vita di merda, se preferite) di venderla anche nel Paese, magari grazie alla corruzione, semplicemente per avere il transito facilitato. Dai dati dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), i sequestri di eroina e morfina in Africa, dal 2008 al 2018, sono aumentati di dieci volte e la maggior parte sono stati operati in Africa orientale.
Secondo l’UNODC, una dose di “unga”, l’eroina “brown sugar” che si sniffa o si fuma, costa solo 120 scellini (meno di un euro), prezzo che porta anche le fasce più povere ad assumerla.
“I narcotrafficanti stanno davvero identificando il Kenya come uno dei paesi più stabili del Continente -  ha detto Amado De Andres, ex direttore UNODC per l’Africa Orientale – un tempo l’eroina era destinata a mercati lontani, col tempo, l'interesse locale è cresciuto costantemente”.
Oggi si stima che delle 42 tonnellate di droga che arrivano in Kenya, ben cinque siano trattenute per la vendita in Est Africa e le altre vadano altrove via terra. Il solo giro d’affari complessivo in Kenya supererebbe i 125 milioni di euro all’anno.
“Il Kenya era in precedenza una via di transito, ed è diventato sempre più una destinazione per l'eroina” ha confermato Victor Okioma, direttore dell'Autorità nazionale gestita dal governo per la campagna contro l'abuso di alcol e droghe (NACADA).
L’aumento dei consumatori di eroina in Kenya è confermata da uno studio della NGO “Global Initiative Against Transnational Organized Crime” con sede a Ginevra, che parla di 55 mila fruitori assidui, raddoppiando le cifre del Ministero della Salute, risalenti al 2018, che parlavano di 27 mila drogati “pesanti”. Aumentano i drogati, ma i centri di disintossicazione sono solo una decina in tutto il paese e possono dare aiuto soltanto a 7.000 di loro. Intanto il Governo ha ampliato l'accesso al metadone, il succedaneo dell'eroina, che aiuta a tenere a bada i sintomi di astinenza e permette ai tossicodipendenti di disintossicarsi.
Nell’agosto del 2014, il presidente Kenyatta aveva assistito alla distruzione di 3 quintali e mezzo di eroina trovati dalla guardia costiera keniana su una nave iraniana, nascosti in doppifondi dei serbatoi del gasolio. Alla nave era stato dato fuoco in alto mare, con una cerimonia dimostrativa trasmessa in televisione. Questo evento non sembra comunque aver dissuaso il crimine organizzato dal trasportare droga in Kenya.
Nei giorni scorsi, il Prefetto di Lamu Irungu Macharia, parlando al quotidiano Daily Nation, ha denunciato la situazione critica nell’isola, dove i giovani appaiono tra i più frequenti consumatori di eroina e cocaina, tralasciando le classiche droghe leggere come marijuana e miraa.
“Le droghe pesanti vengono trasportate da aree lontane della costa keniota come Shimoni e Mombasa  – ha spiegato l’autorità della sicurezza di Lamu – arrivano nella Contea di Lamu via strada o anche via mare, nascoste dentro scatole con vestiti, cipolle, profumi, pacchetti di farina e altri oggetti domestici che rendono difficile per le agenzie di sicurezza individuarli”.
Anche in altre contee la situazione non è da meno e la crisi della pandemia ha aggravato la situazione. Secondo NACADA,  circa l'uno per cento degli adolescenti tra i 14 e i 18 anni in Kenya ha ammesso di aver usato la droga e di esserne dipendente e l’eroina viene consumata anche nelle scuole primarie.

TAGS: droga kenyaeroina kenyacocaina kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

COMUNICATO STAMPA 
Ci volevano due artisti in esilio volontario, il...

GUARDA IL VIDEO

Oggi a Malindi si celebra l'eroina popolare della cultura Mijikenda Mekatili Wa Menza.
Si tratta della più importante celebrazione tradizionale della popolazione della costa keniana. L'etnia Mijikenda rappresenta infatti le nove tribù che abitano da nord di Malindi fino al confine con la Tanzania.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il segreto per avere 20 mogli e soddisfarle tutte sia a letto che economicamente?  
Per...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Ha ancora molti contorni oscuri, la vicenda che vede protagonista il nostro connazionale Mario Mele, cinquantaseienne di Nuoro, residente a Malindi da ormai sei anni. Dopo il blitz nel suo locale, il Mario's (ex Pata Pata) all'interno del centro commerciale Oasis...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ancora non è arrivata la notizia ufficiale dell'estradizione del gestore del Mario's Lounge Bar.
Secondo il quotidiano "The Star" sarebbe già stato spedito in Italia, secondo il suo legale John Kaminwa c'è una richiesta della Corte di Malindi da far...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

S'intitola "Supa Modo" ed è un film tutto keniano che ha stupito il mondo del cinema e il prossimo anno potrebbe essere candidato agli Oscar come...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Metti una sera in Toscana tra un grande musicista figlio d'arte e un raccontatore figlio (adottivo) del Kenya ed esce fuori qualcosa di unico ...

LEGGI TUTTO

Originariamente era il "Kenyatta Day", il giorno che ricordava la data di nascita di Jomo, primo Presidente del Kenya indipendente, 20 ottobre 1889.
Dal 2010, dopo la stesura della nuova costituzione, la festa nazionale è stata dedicata anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come ogni anno in questo periodo l'etnia Mijikenda della costa keniana ed in particolare i giriama di...

LEGGI L'ARTICOLO

Metti il più grande poeta della costa keniana, la storia della sua terra e le sue leggende recitate con passione. Aggiungi un cantautore che del cuore e delle storie vere ha fatto uno stile di vita, ancor più che un...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

La Corte di Malindi lo attendeva questa mattina, scortato dalle autorità, per poter esercitare l'ordine di non estradizione.
Il Giudice di Nairobi, a seguito delle investigazioni dell'Interpol, lo attenderebbe il prossimo 12 aprile per l'interrogatorio ufficiale.
Le istituzioni giudiziarie e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Spesso i corrieri della droga si mimetizzano nelle situazioni più impensabili. E’ capitato...

LEGGI L'ARTICOLO

E' vero che i lavori erano stati annunciati mesi fa e che le ruspe da giorni si erano portate sul posto, è vero che chi non è proprietario non vanta alcun diritto di restare su quel suolo, ed è altrettanto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Malindi Clean Up day, lo avevamo annunciato, non è stato un evento né un iniziativa isolata: la...

LEGGI L'ARTICOLO

Si è chiuso con la condanna all’ergastolo di due dei tre autori dell’omicidio della pensionata ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il 20 ottobre in Kenya si festeggia la giornata degli eroi nazionali, ovvero il "Mashujaa day".
Originariamente...

LEGGI L'ARTICOLO