Ultime notizie

APPROFONDIMENTI

Miraa, la pianta keniota che l'Europa non vuole

C'è chi lega all'abuso di marungi i molti incidenti stradali nel Paese

18-01-2013 di Freddie del Curatolo

Chi frequenta la costa keniota (o Costa Swahili, come in futuro verrà chiamata turisticamente) conosce le proprietà del Miraa, altrimenti detto "Marungi" (pronuncia "marunghi").
Ma anche chi vi si affaccia per la prima volta può notare molti cittadini locali masticare uno stelo di erba insieme al chewing gum.
E' una pratica comune tra gli autisti, ad esempio, ma anche tra i giovani.
Il marungi infatti ha qualità amfetaminiche. Toglie la fame e tiene sveglio, esattamente come le foglie di coca in sudamerica. I
ll marungi in Kenya è legale, la vendita avviene in appositi chioschetti che vendono solo quello. La qualità migliore proviene dall'altopiano di Meru, e comunque dal nord del Paese.
L'abuso di marungi ovviamente può causare effetti non piacevoli, come allucinazioni o dolori di stomaco. Altra negatività del marungi è che viene usato per togliere la "sbronza", quindi può portare a bere maggiormente.
C'è chi lega all'abuso di marungi i molti incidenti stradali nel Paese.
Ma è una tradizione keniota che sarebbe impossibile fermare.
Il miraa è anche un business, a livello interno ma anche per quanto riguarda l'esportazione. Le foglie della pianta vengono esportate, per un giro di affari di milioni, nei paesi che non ne ritengono illegale l'uso. L'Italia non è tra questi, in ogni caso. Lo era fino a poco tempo fa l'Olanda, che però (notizia di questi giorni) ha stoppato l'importazione del miraa, e di fatto ha messo in ginocchio intere coltivazioni di Meru e dintorni, tanto che il candidato premier Uhuru Kenyatta ieri si è apertamente schierato contro il Governo olandese, criticando aspramente la scelta di mettere il miraa fuorilegge. L'esportazione delle foglie, che hanno anche proprietà benefiche, non può essere separata da quella degli steli, che potrebbero chimicamente essere lavorati proprio come la cocaina. Intanto qui da noi sulla costa, i vecchi passano le giornate tranquillamente, giocando a "bao", bevendo succo di tamarindo, con un'erbettina da masticare in bocca. E non fanno male a nessuno..

TAGS: miraamarungierba

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

L’erba del vicino è sempre più verde, ma quella del Kenya per alcuni potrebbe essere la più buona e...

LEGGI L'ARTICOLO

Il segreto per avere 20 mogli e soddisfarle tutte sia a letto che economicamente?  
Per...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Se è vero che l’erba del vicino è sempre più verde, allora i kenioti sono molto vicini a noi.
Nel 1762 l’esploratore rasta ...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Il pollo alle spezie e lime è un gustoso piatto di terra della costa keniana.
L'abbinamento del pollo con l'agrodolce è un classico delle cucine indo-orientali, così ...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Spesso i corrieri della droga si mimetizzano nelle situazioni più impensabili. E’ capitato...

LEGGI L'ARTICOLO

Solo fruscio di foglie
di palme al vento
che accarezzano
il tetto di makuti.

Gli ultimi raggi
d’un tramonto di fuoco
baciano ed esaltano
bungavillee in fiore.

LEGGI TUTTA LA POESIA

Un sabato sera nella pace e nell’eleganza del ristorante La Malindina, con musica dal vivo proposta da ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un videomaker italiano sull’isola contesa tra Kenya e Uganda.
Daniele...

LEGGI LA STORIA E GUARDA IL VIDEO

Il sessanta per cento della carne rossa allevata in Kenya e diretta nei mattatoi del Paese, è altamente contaminata a causa del cibo ingerito dai bovini, specialmente plastica.
Lo rivela un'indagine svolta nei mattatoi di Nairobi e dintorni per conto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La giustificazione in questi casi di solito è la seguente: "il vecchio albero era malato e soffriva da tempo, ed è stato necessario abbatterlo".
Questa volta però si è arrivati troppo tardi, dato che la storica pianta in Lamu Road...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cieli azzurri, nuvole bianche , caldo soffocante e non una goccia di acqua.
Da troppo tempo la siccità non allenta la sua morsa feroce e lo Tsavo, per chi come noi mancava da circa due mesi , ora  appare un...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Un'incendio di vastissime proporzioni che per una settimana ha tenuto sotto scacco la...

LEGGI L'ARTICOLO

Finalmente è arrivata la pioggia, gli animali escono dal loro torpore e dopo la disastrosa siccità ora è grande festa per tutti.
E la vita inizia a tornare.
Solo poche...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Gioco a rugby perché mi hanno dato una maglietta nuova.
Le scarpe...

LEGGI IL RACCONTO

Ho uno shamba boy che si chiama Mungo.
E’ il quinto di undici fratelli.
Circa.
Il numero esatto non lo sa neanche lui.
Porta le ciabatte di gomma di colore diverso, probabilmente trovate in spiaggia dopo l’alta marea e al...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

La savana brucia e lo Tsavo East è ormai una distesa di terra rossastra con ciuffi d’erba ed alberi secchi.
Erbe aride e polverose mosse dal vento che solleva un velo impalpabile che si deposita ovunque.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO