L'angolo di Freddie

SATIRA

Quelli che vengono a Malindi per curarsi con le erbe

Miraa, sigarettine tropicali e mix di spezie: la vacanza è fatta! (SATIRA)

28-05-2021 di Freddie del Curatolo

Se è vero che l’erba del vicino è sempre più verde, allora i kenioti sono molto vicini a noi.
Nel 1762 l’esploratore rasta portoghese Toquinho De Fumeiro approdò a Malindi ed esplorò per primo il bush, la rigogliosa foresta all’interno dell’insediamento sul mare.
Ne uscì rinfrancato, dopo le peripezie passate in alto mare, ma anche leggermente frastornato e, caricata a bordo una tonnellata di spezie particolari, partì con il suo equipaggio e il suo galeone, che curiosamente portava il nome di una delle caravelle di Colombo (Santa Maria), alla volta del Sudafrica, per doppiare Capo di Buona Speranza.
Invece si ritrovò non si sa come a Capo Palinuro e fu doppiato persino da una barca di pescatori di cozze.
Morì stroncato da un’impepata.
Da allora finirono le esplorazioni via mare e iniziò la moda del turismo legato alle spezie africane e al loro utilizzo quotidiano.
Erbe che curano il glaucoma, la piorrea, rallentano l’avanzare della sclerosi e sembra agiscano positivamente anche sull’avanzare dell’HIV.
Erbe che hanno la disdicevole controindicazione di farvi vedere un pipistrello che balla il charleston con una civetta, alle tre del mattino, una samosa parlante di dimensioni giganti o una zucca trainata da cavalli al posto del tuk-tuk, con a bordo una cenerentola araba barbuta di nome Ebenezer.
Dalla colonizzazione italiana in poi, sono in molti ad aver fatto uso delle spezie malindine, per entrare in sintonia con l’ambiente o con la mentalità di molti indigeni.
Anche se oggi, nonostante possa rendere la vacanza ancor più rilassante, il turismo vegetale non vegano è una prerogativa di pochi (almeno ufficialmente).
“Il gusto non è nel risultato, ma nella ricerca” diceva Alan Proust, noto filosofo e pilota di Formula Uno portato in Kenya da Flavio Briatore.
“Il gusto sta nel non mettere il filtro di cartone” diceva Claudio Martelli, parlamentare dedito alle spezie magiche keniote all'inizio degli anni Novanta e primo vero testimonial della loro popolarità in Italia.
Significativo, a questo proposito, anche il passaggio a Malindi del povero (oddio…) Edoardo Agnelli che era convinto che "Bhang" fosse un nuovo modello della Fiat, quella con il tubo di scappamento a forma di cylum, e del cantante Zucchero Fornaciari, che ha composto la sua “Menta e rosmarino”, non trovando di meglio per sostituire nei suoi pensieri le piante equatoriali che lo avevano stregato.
Tutt’altro effetto invece provoca il marungi, radice verde che si mastica insieme al chewing gum e che tiene svegli gli autisti e toglie la sbronza ai musulmani non proprio integralisti. La qualità più pregiata si chiama Kolombo, probabilmente perché il primo che l’ha trovata ha scoperto l’America.
Di sapore amarognolo, il marungi inizialmente non ha riscosso gran successo tra i mzungu, che amano sostanze eccitanti più immediate.
Da qualche anno a questa parte infatti le spezie non sono più di moda presso gli europei e anche a Malindi la mancanza di tali elisir curativi ha causato, oltre al ritorno del glaucoma e delle piorree, anche una terribile epidemia di infiammazioni al setto nasale che provocano spasmi corporali e movimenti stereotipati.
Infiammazioni che interessano anche le vie urinarie, costringendo chi ne è affetto, a recarsi più volte al bagno.
Ci si augura che, come tutte le mode, questa deviazione resti circoscritta a pochi e che l’epidemia passi in fretta.
È auspicabile che le spezie e le erbe medicinali, e un loro utilizzo parco e intelligente, possano avere la meglio su ogni virus moderno e così poco africano.
Per tutto il resto, ragazzi miei, c'è il mnazi!

TAGS: Malindi miraaMalindi marunghiDroga KenyaDroga Malindi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il segreto per avere 20 mogli e soddisfarle tutte sia a letto che economicamente?  
Per...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Ha ancora molti contorni oscuri, la vicenda che vede protagonista il nostro connazionale Mario Mele, cinquantaseienne di Nuoro, residente a Malindi da ormai sei anni. Dopo il blitz nel suo locale, il Mario's (ex Pata Pata) all'interno del centro commerciale Oasis...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Metti una sera in Toscana tra un grande musicista figlio d'arte e un raccontatore figlio (adottivo) del Kenya ed esce fuori qualcosa di unico ...

LEGGI TUTTO

La Corte di Malindi lo attendeva questa mattina, scortato dalle autorità, per poter esercitare l'ordine di non estradizione.
Il Giudice di Nairobi, a seguito delle investigazioni dell'Interpol, lo attenderebbe il prossimo 12 aprile per l'interrogatorio ufficiale.
Le istituzioni giudiziarie e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Spesso i corrieri della droga si mimetizzano nelle situazioni più impensabili. E’ capitato...

LEGGI L'ARTICOLO

E' vero che i lavori erano stati annunciati mesi fa e che le ruspe da giorni si erano portate sul posto, è vero che chi non è proprietario non vanta alcun diritto di restare su quel suolo, ed è altrettanto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si è chiuso con la condanna all’ergastolo di due dei tre autori dell’omicidio della pensionata ...

LEGGI L'ARTICOLO

Altri 60 giorni di coprifuoco nazionale per frenare la diffusione del virus Covid-19 ancora presente nel Paese.
Nell’avviso...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya da sempre convive con la liberalizzazione del "mestiere più antico del mondo".
La prostituzione sia maschile che femminile non solo è consentita, ma...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Su Malindikenya.net vi abbiamo raccontato la genesi ed il percorso dell'accademia di calcio di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Siamo più abituati a vedere certe cose sulla stampa italiana, ma bisogna tristemente notare che anche i giornalisti kenioti hanno imparato l'arte di confezionare il "titolo forte" e la notizia che colpisca. Quando poi c'è da sparare sugli italiani di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Christopher intaglia il legno al mercatino dell'artigianato locale. 
Dalle sue mani escono giraffe, elefanti, guerrieri maasai. 
Martin porta in giro la gente dei sobborghi di Malindi con il suo "piki piki", la motocicletta cinese che ha comperato a rate infinite.LEGGI TUTTO E GUARDA LE FOTO

Un videomaker italiano sull’isola contesa tra Kenya e Uganda.
Daniele...

LEGGI LA STORIA E GUARDA IL VIDEO

C'è tanto Kenya, con il sole e i colori di Malindi e tanto amore per i bambini e il loro difficile mondo in "Lunavulcano".
Nell'era telegrafica di video e messaggini, troppo spesso dimentichiamo che una storia è fatta di parole, e che...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Padre Paul Ogalo è il parroco di Rapogi, un piccolo sobborgo di Migori, nella regione keniana del Lago Vittoria.
Una delle tante baraccopoli povere ai margini della cittadina che è uno dei simboli della disuguaglianza sociale che attanaglia il Kenya...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Certi villaggetti dell’immediato entroterra, ai piedi della foresta di Arabuko Sokoke ti...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO