Ultime notizie

CURIOSITA'

LA STORIA DI JERUSALEMA

Numero uno in Kenya e Nigeria, prima di conquistare l'Europa

15-11-2020 di Freddie del Curatolo

E’ l’Africa ad aver creato il tormentone musicale più ascoltato ai tempi del lockdown, quello che da molti è definito “L’inno della resistenza al Covid-19”.
Si tratta di “Jerusalema”, una hit da 250 milioni di visitatori su Youtube, che diventano più di mezzo miliardo con i vari remix e le “cover” realizzate in mezzo mondo, comprese le Orchestre Filarmoniche e i cori Gospel.
In più sulle piattaforme come Tik Tok e simili, la “Jerusalema Dance Challenge” con le coreografie del ballo della canzone da imitare e registrare, si è raggiunto un vero e proprio record.
Gli operatori sanitari afro-americani l’hanno eletta a loro inno liberatorio e si sono esibiti nelle danze anche nei corridoi degli ospedali per esorcizzare le tensioni  e le paure della pandemia ed alleviare le fatiche del duro lavoro, ma anche soldati e addirittura pastori protestanti ne hanno interpretato una personale versione.
La scorsa settimana il deejay sudafricano Kgaogelo Moagi, in arte Master KG, ha conquistato il premio per la migliore rappresentazione africana dell’anno agli European MTV Music Awards.
Ma come è nata Jerusalema?
La canzone è stata scritta nell’estate del 2019 da Master KG e dalla cantante gospel Nomcebo Zikode (è sua la voce femminile del pezzo originale) con parole in idioma zulu, prendendole dal vangelo e reimmaginando una terra promessa. Il testo è comunque abbastanza criptico.
"Gerusalemme è la mia casa, custodiscimi, cammina con me, non lasciarmi qui. Gerusalemme è la mia casa, il mio posto non è qui e non ne voglio fare il mio regno".
Inutile dire che il popolo Palestinese ha fatto suoi i versi e ha ringraziato il deejay sudafricano per appoggiare le loro rivendicazioni di sempre.
La canzone, nella sua versione “Gospel-pop” ha girato per alcuni mesi nei circuiti radiofonici sudafricani ottenendo un discreto successo ed arrivando anche nei Paesi limitrofi.
I due autori devono però molto al corpo di ballo angolano “I fenomeni del Samba”, che a febbraio, poco prima dell’esplosione del “Corona”, pubblicarono un video in cui mentre mangiavano fuori dalla scuola, iniziavano a ballare, insenando una coreografia con i piatti in mano.
Il video “virale” ancor prima del virus ha dato una nuova vita alla canzone diventando una sorta di inno panafricano.
Mentre in poco tempo in Nigeria, Ghana e Kenya tutti impazzivano per Jerusalema, il successo europeo ( numero 1 in Germania e Francia) lo si deve particolarmente all’artista nigeriano Burna Boy, mago dei suoi techno che con il suo remix della canzone ha sfondato ovunque.
Ogni Nazione ha una sua cover nella propria lingua (in Italia la più ascoltata è di Daudia, ex concorrente di X Factor).
Nonostante questo incredibile successo, Master KG sembra rimasto umile e aspetta solo di poter cantare Jerusalema e le altre sue composizioni in giro per il mondo, quando l’emergenza sarà finita e permetterà il ritorno ai concerti dal vivo.
“Non mi sento un superuomo o il personaggio del momento – ha spiegato alla stampa Moagi – so di aver composto la canzone più famosa dell’anno, ma questo non cambia né me né il mio modo di fare musica. La mia speranza è che canzoni come questa possano unire tutti i popoli di questo Continente”.
 

TAGS: jerusalema kenyapop africasuccesso kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Essere donna italiana in Kenya, settant’anni dopo “La mia Africa” di Karen Blixen.
L’edizione italiana della rivista Elle di marzo, ha scelto tre donne che vivono l’Africa con la personalità e lo stile che contraddistingueva la scrittrice danese.
Per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quando abbiamo messo in piedi la raccolta di fondi per aiutare le popolazioni dell'entroterra malindino vittime dell'alluvione e della conseguente esondazione del fiume Galana, ci eravamo posti l'obbiettivo di raggiungere entro il 20 maggio la cifra di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Africa è nel cielo, nella terra e nella gente.
La gente d'africa si muove lenta ma ti smuove il cuore, ti scuote l'animo.
Comunque tu sia, ferro o argilla, l'africa ti plasma.
 

LEGGI QUI

Terza puntata della felicissima rassegna "Io conosco il canto dell'Africa", un successo di pubblico e applausi nei primi due giovedì al Baby Marrow di Malindi.
Dopo Frank Sinatra ed Ernest Hemingway, giovedì...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Buone notizie da Berlino per il turismo in Kenya. 
La Borsa Internazionale del Turismo tedesca (ITB) ha premiato il nostro Paese come la seconda miglior destinazione in Africa per quanto riguarda i safari e il turismo ecosostenibile. Una posizione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo il "malindino" Riccardo Botta, la nazionale di Calcio Under 20 del Kenya viene affidata per alcuni mesi ad un altro ex calciatore italiano.
Per Emanuele Filippini, ex giocatore di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

La mia Africa - Karen Blixen

Feltrinelli

di redazione

Karen Dinesen Blixen visse in Kenya dal 1914 al 1931.
Ci arrivò dalla fredda Danimarca con il marito, il barone Bror Von Blixen, per acquistare un terreno sulle colline Ngong, vicino a Nairobi, e farne una fattoria. 
In realtà al...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Dopo il successo della serata al Come Back di Watamu, Freddie e Sbringo venerdì sera saranno al People Kiwi di Malindi, in Lamu Road, per presentare il meglio della loro produzione musicale.
Canzoni che con ironia attraversano il mondo degli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche questo lunedì sera, dalle ore 20.00,  al Triple B in Lamu Road a Malindi ( G.A. Complex ) è di scena...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un juke box anni Sessanta e Settanta.
La divertita e divertente esplorazione musicale del giovedì al Baby Marrow, a cura del tastierista, cantante e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo il successo dei giovedì con gli apericena a base di stuzzichini invitanti e aperitivo a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno scatto fotografico colto qua e là, decine di pagine e centinaia di parole non riusciranno mai a raccontare un mondo meraviglioso, una terra lontana e antica che con i suoi spazi sconfinati, i suoi profumi, i suoi colori ed...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Per la sesta volta di fila la riserva nazionale keniana del Maasai Mara ha vinto il premio "Africa Leading National Park" del World Travel Awards.
La cerimonia 2018 del venticinquesimo WTA si è tenuta ieri a Durban, in Sudafrica e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un Ernest Hemingway "keniano" che si racconta in prima persona, dalla stanza del Nairobi Hospital dove è ricoverato.
Siamo nel 1953 e Freddie del Curatolo inizia così il suo racconto, che prenderà forma con l'intermezzo di

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Russia punta l’Africa per diventare il secondo polo commerciale dopo il gigante cinese.
Questo è...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo il successo del primo Pool Party con cui il ristorante ed after-dinner club La Malindina ha aperto la...

LEGGI L'ARTICOLO