Ultime notizie

NEWS

Passi avanti per la "green valley" del Galana

Riprende sotto l'egida del Governo il progetto Kulalu

07-08-2021 di redazione

Dopo anni di attesa, rinunce, accuse di malgestione, il progetto di irrigazione della valle del Galala nella zona di Kulalu potrebbe essere arrivato alla svolta decisiva.
Una svolta che permetterebbe a migliaia di contadini locali e alle loro famiglie, nell’entroterra di Malindi e fino all’ingresso del parco nazionale dello Tsavo, di non dover dipendere dall’acquisto di mais, potendo coltivare il proprio raccolto grazie ad un mega sistema di irrigazione per lo sviluppo alimentare progettato da un’azienda israeliana, la Green Arava.
Ma non solo, anche la popolazione locale potrebbe averne benefici, acquistando a prezzi concorrenziali la farina di mais dai produttori locali. Se il progetto pilota, sviluppato su 10 mila acri di terreno, dovesse funzionare, l’intera vallata potrebbe trasformarsi in un enorme campo coltivato in cui sono previsti anche frutteti (manghi, ananas, papaie) ed altre colture, come anacardi e palme da cocco.
I condizionali sono d’obbligo, dato che proprio gli israeliani, dopo due anni di lavori che comprendevano anche una diga proprio nelle vicinanze dell’ingresso dello Tsavo e 5 miliardi di scellini investiti, hanno lasciato la partnership con il Kenya, paventando problemi legati alla corruzione e al cartello dei produttori nazionali di farina. Dopo quest’uscita di scena, il Governo della Contea aveva puntato il dito sulla cattiva gestione del progetto da parte delle istituzioni nazionali, promettendo soluzioni.
Ora, secondo quanto scrive il People Daily, il Governo ha investito 800 milioni di scellini keniani per il completamento dello sviluppo agricolo che dalla zona di Kulalu si estenderà verso la contea del Tana River.
Il Presidente della National Irrigation Authority (NIA), Joshua Toro ha dichiarato al quotidiano che il progetto dovrebbe essere completato entro la fine dell’anno, per poi aprire il varco ad imprese del pubblico e del privato, joint ventures e cooperative che grazie all’irrigazione potranno gestire oltre 200 mila acri complessivi, per il più grande programma del genere nel Kenya meridionale.
L’attuale appaltatore è keniano ed ha un budget notevolmente inferiore e probabilmente anche meno problemi del precedente. Toro ha confermato che la NIA sarà coinvolta in ogni passo del progetto e che lo sviluppo delle infrastrutture è già in fase avanzata, con una stazione di pompaggio costruita al riparo da eventuali inondazioni del fiume e la conduttura collegata con 25 distributori per l’irrigazione.

TAGS: progetto kenyagalana kenyairrigazione kenyacoltivazioni kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il primo raccolto di mais del progetto di irrigazione Israeliano-Kenyota nella valle del fiume Galana sfamerà la popolazione costiera che potrà pagare la farina a metà prezzo.
In questi giorni il Governo metterà in vendita pacchetti da due chili di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno studio di fattibilità condotto dall'Organizzazione per la ricerca agricola del Kenya (Kalro) e dal...

LEGGI L'ARTICOLO

Nuova pipeline per l'acqua dell'entroterra di Malindi
Sono arrivate le nuove tubature per rifare i condotti per il trasporto dell'acqua dall'entroterra di Malindi, nella zona di Langobaya e Baricho, alla costa.
Grazie a fondi di società cinesi, le stesse che...

LEGGI TUTTO

Il grande progetto agricolo della valle del fiume Galana, nell'entroterra di Malindi, non è...

LEGGI L'ARTICOLO

La situazione dell'entroterra di Malindi e Magarini è grave e drammatica, ma potrebbe ancora peggiorare. 
All'esondazione del fiume che ha spazzato via interi villaggi e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Inizieranno oggi i lavori per riparare e rimettere in funzione gli impianti di drenaggio e filtraggio dell'acqua, lungo il corso del fiume Galana nel paese di Baricho. 
Gli impianti che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In Kenya gli italiani hanno fatto moltissime opere di bene. C’è tanta solidarietà nei confronti del popolo keniano e i progetti sociali abbondano.
Ciò che scaturisce dal cuore, dalla generosità e dall’incapacità di voltare lo sguardo dall’altra parte è sempre...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

A giugno è partito il nuovo progetto di Karibuni Onlus a favore della comunità dell’area di Langobaya.
L’idea è nata dal team delle fattorie di Karibuni, che, osservando la persistente insicurezza alimentare di quest’area semi arida soggetta a carestie e...

LEGGI TUTTO

La raccolta fondi organizzata dal nostro portale nei giorni successivi all'esondazione del fiume Galana che ha lasciato migliaia di persone senza abitazione nella vallata dell'entroterra di Malindi, è arrivata a un obbiettivo più che soddisfacente, 1 milione e mezzo di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà prossimamente asfaltata la strada interna che va da Mambrui a Marafa, grande villaggio famoso per le Hell's Kitchen, canyon che da sempre è un'attrazione turistica per i suoi colori ed il contrasto con la natura africana. 
 

LEGGI TUTTO

Un'altra settimana di aiuti firmati comunità italiana, con la NGO Karibuni e il nostro portale.
Come avevamo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La compagnia italiana di safari Bush Company, con il KWS, sponsorizza il rispetto delle regole nello Tsavo.
La settimana scorsa nello Tsavo la compagnia di safari dell’italiana Camilla Frasca Caccia, unica guida professionale italiana con certificazione “Silver” KPSGA, ha portato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Mossa del Governo keniano per risolvere una volta per tutte il problema della cronica mancanza d'acqua nella Contea di Kilifi e in buona parte di quella di Mombasa.
Da Nairobi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ragazza italiana di 23 anni è scomparsa ieri sera, forse a causa di un rapimento successivo ad una rapina a mano armata nell'entroterra di Malindi, nel villaggio di Chakama.
Secondo i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha deciso di piantare 20 milioni di nuovi alberi per contrastare il fenomeno della deforestazione.
Il patrimonio forestale del Paese ha subito gravi danni, soprattutto dal 1970 al 1990, principalmente per via della produzione di legname...

LEGGI TUTTO

Almeno due famiglie di elefanti dello Tsavo Est e della Galana Conservancy sono usciti dal parco e hanno...

LEGGI L'ARTICOLO