Ultime notizie

NEWS

Perchè la tecnologia può salvare il Kenya dalla recessione

Internet, App e ICT risorse per rimediare ai danni della pandemia

06-02-2021 di redazione

Non tutti gli effetti collaterali della pandemia, in Kenya, si sono rivelati deleteri.
Per quanto riguarda l’economia, ad esempio, ci sono settori che hanno consolidato nell’ultimo anno la loro importanza per la crescita del Paese ed il suo progressivo ingresso tra quelli con il miglior tasso di sviluppo del mondo.
E’ soprattutto il campo della tecnologia, con internet, app, imprese ICT ad aver guadagnato non solo l’interesse del mercato, ma anche la capacità attrattiva per investimenti in un Paese che sta cercando di allinearsi con le Nazioni più sviluppate della cosiddetta “fascia B” del mondo.
In un Kenya dove preoccupano le diseguaglianze sociali, dove si cerca di far fronte alla disoccupazione giovanile e cresce l’insofferenza dei lavoratori del terziario e delle piccole e medie imprese, la tecnologia può rappresentare anche un fattore sociale importante, se si pensa ad esempio alla telemedicina (sempre più importante in tempi di emergenze sanitarie).
Come abbiamo già sottolineato nelle scorse settimane, a causa del Covid-19, in Africa si è registrata una caduta del prodotto interno lordo dell’1,4%. In Kenya la decrescita si potrebbe quantificare al 2,5%, ma restano alti i margini di recupero della “Silicon Savannah”, ovvero del polo tecnologico che è sempre più in via di sviluppo.
Le statistiche 2020 evidenziano che l’uso di internet è esteso  all’87,2% della popolazione , il tasso più elevato tra i paesi africani e che fa invidia anche a molti paesi di altri continenti. Grazie ai serivizi di “mobile money” come Mpesa e alla digitalizzazione di molti servizi pubblici, in rete, tra cui l’ibtroduzione dell’obbligo di visto online, oltre che delle patenti e dei permessi di lavoro, il paese appare avere le giusta fondamenta per uno sviluppo tecnologico ancora più avanzato.
La pandemia ha spinto inoltre ancora più avanti tale sviluppo sia per le grandi sia per le piccole imprese, segnatamente nel settore della salute e in quello ICT.
Le piattaforme online ora possono regolamentare anche l’accesso a molte “utilities” parastatali, e anche alle struttire sanitarie, come dimostra l’applicazione lanciata dal Kenya National Hospital per
le prenotazioni di visite o quelle che tracciano farmacie e dispensari o offrono consulti a distanza come “Access Afya” e “MyDawa”.
In Africa la digitalizzazione ha già dato lavoro a quasi 2 milioni di persone, creando un giro d’affari di circa 15.6 miliardi di dollari, dato anche il fatto che per via delle restrizioni, molte aziende ed attività hanno dovuto implementare ed organizzare i propri servizi online.
Se da una lato l’Unione africana ha previsto la perdita di circa 20 milioni di posti di lavoro a causa della pandemia, dovuti al deprezzamento del prezzo del petrolio e alla riduzione del turismo, dall’altro lato il maggiore ricorso ai servizi digitali sta creando nuovi posti di lavoro.
Se lo scenario generale non è positivo, con milioni di persone che rischiano di precipitare sotto la soglia del sostentamento quotidiano, la tecnologia, piaccia o non piaccia, sembra essere la risorsa principale per salvare il salvabile, e contribuire a tornare ad occuparsi di ciò che vale la pena preservare per il bene del Continente. Sempre che ci sia ancora l’interesse di guardarsi dentro e indietro per esaltare quei valori che Paesi come il Kenya dovrebbero tenere sempre in primo piano: la conservazione della Natura e della fauna selvatica, il turismo e l’agricoltura in primis.

TAGS: tecnologia kenyaapp kenyainternet kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Problemi di collegamenti telefonici e di connessione internet per l'operatore Safaricom in diverse zone della costa keniana fin dalla prima mattinata di domenica, risolti quasi totalmente ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo Kilifi e Watamu, arrivano anche a Malindi i cavi delle fibre ottiche per la connessione superveloce a internet di tutte le compagnie. 
Ieri mattina gli operai della società "Faiba" erano al lavoro, scavando a partire dall'ufficio della Orange, di...

LEGGI TUTTO

Sarà la più importante azienda cinese di connettività a dare internet veloce tramite fibre ottiche a tutto il Kenya.
L'accordo è stato siglato da

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Finalmente a Malindi e Watamu la connessione internet diventa illimitata, veloce e conveniente e con un’assistenza tecnica rapida e

LEGGI L'ARTICOLO

La recente manovra finanziaria del Governo del Kenya per recuperare parte dei prestiti richiesti alla Banca Mondiale e a privatamente ad alcuni Paesi come la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da Nairobi a Malindi, da Mombasa a Kisumu, d'ora in poi i boda-boda, le motociclette taxi un tempo chiamate anche piki-piki, non potranno più sbagliare strada o perdersi.
Il colosso dei servizi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cresce in maniera esponenziale il traffico in internet del Kenya.
Secondo la relazione globale della Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN), uscita questa settimana e resa nota in Kenya dal direttore del KENIC (Kenya Network Information Center) Sammy Buruchara,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due o tre giorni senza Facebook, Twitter e gli altri social media in Kenya.
Questa la soluzione che il Governo, attraverso l'Authority delle Comunicazioni, potrebbe prendere dall'otto di agosto fino al giorno dei risultati, presumibilmente il 10, per prevenire disinformazione, bufale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Jambo!
Mi presento: sono il creatore e direttore del portale in cui vi siete imbattuti. 
Per chi non mi conoscesse, questo potrebbe bastare. 
Amo l'Africa, il Kenya e Malindi e a loro devo moltissimo.
Ma mi piace anche osservare le...

Da ormai una settimana sono stati segnalati alla nostra redazione moltissimi casi di impossibilità di...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya si prepara ad abbattere la pirateria in internet, lo streaming illegale e la riproduzione...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya si lancia sul digitale per risolvere il problema della disoccupazione giovanile...

LEGGI L'ARTICOLO

La piattaforma digitale "Malindians.com", creata da un gruppo di giovani malindini che hanno a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sabato 19 ottobre nell’area pubblica dell’ex Sinbad Hotel di Malindi, di fianco al Casinò (dove...

LEGGI L'ARTICOLO

Cinquantaquattro anni sono passati dalla storica firma tra il Professor Luigi Broglio e il Presidente Jomo Kenyatta che sanciva l'inizio della collaborazione tra Italia e Kenya in campo aerospaziale.
Se nei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quanto può costare veramente vivere a Malindi e Watamu senza lavorare?
Con quanto un pensionato o chi ha una rendita può campare assaporando il dolce far niente?
Tramite sondaggi ed esperienze "sul campo", noi di malindikenya.net abbiamo provato a stilare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO