Ambiente

AMBIENTE

Kenyatta conferma la vocazione green del Kenya

Energie rinnovabili presto al 100% nel Paese

25-04-2021 di Leni Frau

La vocazione “green” del Kenya non si ferma e anzi, con l’accelerazione dei programmi della Convenzione delle Nazioni Uniti sui cambiamenti climatici e con il ritorno degli USA voluto da Joe Biden alla convenzione di Parigi sulle sfide climatiche, diventa uno dei punti di forza dell’intero continente, anche per trainare e convincere altre nazioni a ridurre le emissioni di gas serra.
Il Presidente Uhuru Kenyatta ha presentato nello specifico i progressi del Paese nello sviluppo delle energie rinnovabili, e l'uso della tecnologia per adattarsi e mitigare il cambiamento climatico, confermando l’impegno del Kenya a ridurre le emissioni di gas serra del 32% entro il 2030.
Lo ha fatto rappresentando l’Africa al vertice virtuale dei leader sul cambiamento climatico convocato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in cui erano relatori anche i Capi di Stato di Danimarca, Israele, Norvegia, Singapore ed Emirati Arabi Uniti.
Non è ormai un mistero che il Kenya si sia lanciato sulle rinnovabili: già il 90% dell’energia prodotta dal Kenya deriva dal geotermico e dall’eolico ed è quindi energia pulita. L’obbiettivo è arrivare a dipendere completamente da energie rinnovabili.
“Come forse sapete, il Kenya è un pioniere dell'energia geotermica in Africa e, in effetti, occupa la quinta posizione a livello globale – ha spiegato il Presidente agli altri leader - Il nostro potenziale geotermico è di oltre 10.000 MW. Tuttavia, la quantità attualmente sfruttata è inferiore al 10 per cento. Questo presenta enormi opportunità di investimento in tutta la catena del valore della tecnologia".
Uhuru ha detto che il Lake Turkana Wind Power da 310,25 MW del Kenya è una delle più grandi installazioni di questo tipo in Africa, aggiungendo che il Paese sta attivamente sfruttando la tecnologia per servire energia pulita alle comunità rurali.
“Per soddisfare i bisogni energetici delle comunità rurali, la mia amministrazione ha utilizzato le tecnologie digitali. Utilizzando un innovativo sistema di credito con denaro mobile "pay-as-you-go", meglio conosciuto come "Mkopa" – ha detto Kenyatta nella sua relazione - queste comunità sono passate dal cherosene al solare per l'illuminazione e per alimentare apparecchi come televisori e frigoriferi".
Il presidente Kenyatta ha aggiunto che il Kenya ha istituito un piano per fornire progressivamente energia domestica pulita alla maggior parte delle sue famiglie che si affidano ancora in gran parte al carbone per il sostentamento alimentare.

TAGS: energia kenyarinnovabili kenyasolare kenyaeolico kenyageotermico kenyaambiente kenyaclima kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Kenya crede sempre di più all'energia solare e investe finalmente anche a livello statale, e non solamente con decreti legge che concedono permessi ai privati.
Ultimamente sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sta per arrivare un grande aiuto per la fornitura di elettricità nella zona di Malindi e in tutta la Contea di Kilifi: il...

LEGGI L'ARTICOLO

Niente parco eolico a Ngomeni, la zona a nord di Malindi ben nota agli italiani per la base San Marco.
La mega centrale da 600 megawatt che attraverso il vento avrebbe dato energia rinnovabile a tutta la costa, non sarà...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono già tre le società private che vendono energia solare in Kenya, e una quarta azienda ha chiesto recentemente l'approvazione per entrare nel mercato al dettaglio dell' elettricità.
Si tratta di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sempre più aziende, privati ed anche enti pubblici in Kenya si stanno affidando all’energia solare e ...

Industrie, scuole e privati stanchi di disservizi e alti costi - LEGGI L'ARTICOLO

La lezione del mondo “rinnovabile” italiano arriva a Nairobi per aiutare il Kenya a far convergere le ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un altro passo avanti del Kenya nella tutela dell'ambiente e contro l'inquinamento: l'Aeroporto Daniel Arap Moi di Mombasa è il primo di tutto il Continente africano ad essere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dal prossimo 27 maggio chi possiede in Kenya un boiler da più di 100 litri, quindi specialmente hotel, condomini e aziende, sarà considerato fuorilegge se il suo impianto per l'acqua calda non sarà ad energia solare.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nella zona industriale di Tatu City, non distante dalla capitale del Kenya, è stato presentato il più grande impianto solare del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya sarà uno dei pochi Paesi del mondo da cui si potrà vedere, domenica mattina...

LEGGI L'ARTICOLO

Il primo impianto solare che rende potabile l'acqua dell'Oceano Indiano è stato installato a...

LEGGI L'ARTICOLO

L’agenzia per l’energia nucleare del Kenya (NuPEA) ha conferito un mandato ad un'azienda...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha deciso di sospendere da subito le applicazioni per permessi di lavoro da dipendenti a cittadini stranieri.
La dichiarazione del Ministro degli Interni Fred Matiang'i a Citizen TV non lascerebbe dubbi: ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Riciclo della plastica, incontro pubblico al Museo di Malindi.
Mercoledì 24 Agosto alle 16, Sam Ngumba Ngaruiya, titolare e fondatore della società “Regeneration Environmental Services” terrà un incontro pubblico presso il Centro culturale del museo di Malindi “Plastica e più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà celebrata mercoledì 29 marzo alle 16 da Padre Orazio nella cattedrale Saint Anthony di Malindi la messa per dare l'ultimo saluto keniota a Giovanna Soliman, la residente di 47 anni deceduta la scorsa settimana a causa di un mix...

Metà ottobre - metà aprile.
Questo il periodo preferito per i villeggianti dei sei mesi in Kenya, quelli che sfruttano la massima durata del visto turistico (3 mesi rinnovabili per altri 3, alla modica cifra di 20 euro).

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE