Ultime notizie

TURISMO

Slow tourism, la chiave della ripresa del Kenya

I nuovi viaggiatori punteranno su ambiente ed esperienze

01-02-2021 di Freddie del Curatolo

Parlare di lentezza, tradotta nel cosiddetto “pole pole” swahili, per il Kenya non è mai cosa astrusa o azzardata. La filosofia del prendere le cose con calma, far scivolare la vita a ritmi più umani che da macchine, è un dato distintivo dei Paesi dell’area subsahariana dell’Africa.
Se in alcuni settori e discipline, come nel campo della burocrazia e dei lavori con scadenze, spesso a noi occidentali il “pole pole” fa salire quel minimo di nervoso, in altri ambienti e particolarmente nel turismo, è sempre stato alla base della buona reputazione e del cosiddetto “mal d’Africa” contratto da chi lo ha frequentato in vacanza. Diventando poi eventualmente anche uno dei motivi principali di frequenze abituali o addirittura di un trasferimento.
Ecco che oggi, mentre il turismo è una delle branche dell’economia che sta maggiormente risentendo della crisi pandemica, la lentezza del vivere un’avventura come quella della vacanza potrebbe trasformarsi in un valore aggiunto.
Secondo gli esperti di turismo internazionale, la ripresa dei viaggi di piacere sarà lenta (ma questo non è un “pole pole” positivo) e il flusso di persone e di affari collegati non tornerà ai livelli del 2019 prima della fine del 2023. Dovremo accontentarci di una graduale risalita e soprattutto, per le destinazioni a lungo raggio come il Kenya, ad una trasformazione: a patire maggiormente sarà il turismo cosiddetto “di massa”, quello dei pacchetti vacanze e della settimana “ovunque basta che sia mare e caldo”. I turisti poco consapevoli saranno molti meno, certe fasce d’età e persone vulnerabili prediligeranno mete vicine a casa e dove ci siano facilitazioni sanitario-assicurative.
Il Kenya però avrà una possibilità, quella di alimentare un turismo internazionale a ragion veduta, di buon livello e interessato non solo a fare una vacanza indimenticabile e a rilassarsi (aspetti in cui da sempre la destinazione eccelle) ma ad accrescere il proprio bagaglio di conoscenze, di emozioni, delle cosiddette “experience”. Ma non solo, ad abbinare rispetto per l’ambiente, cultura, interazione con le comunità locali ed i loro progetti, ospitalità in situazioni uniche, originali, particolarmente suggestive o con una “storia”.
Tutto questo viene chiamato oggi “Turismo slow”. Ecco perché il “pole pole”.
Secondo il rapporto “Gli italiani, il turismo sostenibile e l’ecoturismo”, anche in Italia i viaggiatori sono sempre più attenti a scegliere una vacanza in luoghi in cui la sostenibilità si affianchi ai servizi, dove la tutela dell’ambiente e della persona sia un valore aggiunto e che questo si possa ritrovare non solo nei luoghi che si visitano ma nella stessa struttura alberghiera. Per questo motivo sarà più facile che le future prenotazioni vedano in vantaggio un boutique hotel e un b&b piuttosto che un grande hotel o un villaggio dispersivo, per quanto splendido e ben posizionato possa essere.
In strutture più vicine alla persona è più facile andare incontro a certe caratteristiche che oggi iniziano ad essere richieste o quantomeno apprezzate: il riciclo (plastica zero o quasi), il riutilizzo, la capacità di coinvolgere l’ospite in iniziative che lo portino ad essere partecipativo o al limite contemplativo.
Niente di più facile per il Kenya, che già dalla sua ha i luoghi, l’impatto avvolgente della Natura, il clima ed altri fattori d’incanto che lo pongono in una posizione di rilievo nel potere d’attrazione.
In più in questi ultimi anni destinazioni come quelle dei safari o quelle costiere in sviluppo, come Watamu e Diani, hanno già fatto passi in avanti proponendo lo yoga come complemento al benessere che già si prova arrivando qui, gli sport praticati senza agonismo e con l’ansia da prestazione ma vissuti come passione e relax, la cultura da scoprire non come pratica “seria” o “noiosa” (per noi non lo è mai, per carità...) ma come una storia che vale la pena di essere ascoltata da chi la sa raccontare, sia esso un luogo o una comunità. C'è Lamu, sito protetto dall'Unesco di cui storia e tradizioni parlano da sole, con un'atmosfera unica e strutture pensate per soggiorni su misura completamente eco-compatibili.
Senza parlare delle “conservancy” dove si tutela la fauna selvatica, con sempre più campi tendati e lodge da sogno in savana che coinvolgono i clienti nei loro progetti, facendoli calare in una realtà dove regna una dimensione umana e di solidarietà che diventa una filosofia di vita ed una scuola di pensiero che aiuta anche l’economia di realtà povere. Situazioni che hanno tanto da insegnare e sicuramente aprono la mente e rinfrancano in tempi veramente duri e aridi, da cui l’uomo deve e vorrà uscire.
Il Kenya è una delle mete turistiche che può garantire il ritorno al viaggio come esperienza appagante in tutti i sensi. Pole Pole.

TAGS: turismo slowpole polekenya turismokenya ripresa

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Difficile in Africa assistere a lavori spediti.
Nel mondo del "pole pole" solitamente i tempi previsti non vengono mai rispettati.
Non è detto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avete mai sentito parlare della Zucca di Lare?
E dell'ortica della foresta di Mau?
Del pollo e del capretto di Molo, del sale rosso del fiume Nzoia, il miele di Ogiek e lo yogurt del West Pokot fatto con la...

LEGGI TUTTO

Il lancio del brand "Make It Kenya", con l'anteprima italiana all'Expo di Milano e la cerimonia ufficiale settimana scorsa a Nairobi, lo ha confermato: tra i tour operator mondiali e l'imprenditoria turistica sta tornando la fiducia sul "prodotto Kenya".

LEGGI TUTTO

Kenyatta, Balala, Joho, Kingi...non è l'inizio di una formazione di calcio di Nairobi, ma i nomi che certificano una unione di intenti che porterà benefici al turismo della costa keniota.
Il Presidente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna "pole pole" la fornitura d'acqua a Malindi e in tutta la Kilifi County.
Una buona notizia tra le tante negative che in questo periodo riguardano la disastrata zona dell'entroterra di Malindi e di Magarini.
Gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Procedono e neanche tanto "pole pole" i lavori di asfaltatura della strada per lo Tsavo che parte da Malindi e arriva al Sala Gate, ovvero l'ingresso più a sud del grande Parco Nazionale dello Tsavo Est, meta di migliaia di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Pole Pole si rinnova e diventa “fusion”.
Lo storico locale di Watamu, da anni punto di riferimento di tanti turisti e locali, si è rifatto il look e ha intrapreso una nuova strada.
Il Ristorante Pizzeria, Lounge Bar e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

La notizia più importante è che le operazioni di voto in tutto il Kenya si sono svolte in maniera pacifica e con un indice di pazienza di cui noi italiani, ad esempio, non saremmo capaci. Basti pensare che in molti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A quasi ottant'anni la sua vitalità era un'adrenalina salutare per chiunque gli stesse vicino.
Era...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno scatto fotografico colto qua e là, decine di pagine e centinaia di parole non riusciranno mai a raccontare un mondo meraviglioso, una terra lontana e antica che con i suoi spazi sconfinati, i suoi profumi, i suoi colori ed...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Non c’è dubbio che il sole sia nel suo destino, così come è nel suo DNA di napoletano verace.
Lucio Caizzi, attore comico e cabarettista classe 1959, da più di trenta è sui palcoscenici di tutta Italia e dietro le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La classica italiana da Parco Marino di Malindi, vedendo arrivare le scolaresche festanti con...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

In tanti hanno parlato del mal d'Africa, di come l'hanno contratto e di come ci convivono.
Io...

LEGGI TUTTA LA LETTERA

Flavio Briatore ha deciso di vendere il suo prestigioso resort-Spa Lion In The Sun a Malindi.
L'annuncio è arrivato durante una conferenza stampa del suo manager Philip Chai, che è anche il direttore dell'associazione degli hotelier della costa nord keniana. Dichiarazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya, per tanti versi è la terra del “pole pole”, del prendersela calma e fare le cose all’ultimo minuto....

LEGGI L'ARTICOLO

Qualcosa che ti prende da dentro l'anima, la tua anima e la loro anima...è quella sensazione di essere a casa, perchè quella terra rossa, meravigliosa ti fa sentire a casa, ti appartiene, ti fa sentire come se fossi suo da...

LEGGI TUTTO