Ultime notizie

NEWS

Torna la voglia di trasferirsi in Kenya: avvertenze

Guida pratica per chi sogna ma deve fare i conti con la realtà

31-12-2021 di redazione

“Vorrei venire a vivere e lavorare in Kenya, magari anche nel volontariato”.
E’ una delle domande che i nostri lettori ci pongono e che sono tornate di moda, probabilmente spinte da questo periodo di incertezze prolungate e di consapevolezza che in Italia la vita è sempre più dura e irreale.
Ebbene, ci piacerebbe dare conforto e ottimismo a chi si approccia spesso in buona fede con questo sogno, avvalorato magari da frequentazioni pregresse di questo paese e dei suoi luoghi che ispirano libertà, relax, afflato di vivere in una dimensione più umana e magari fare anche del bene.
Dobbiamo però realisticamente mettere in guardia gli entusiasti che non hanno idea di come potersi approcciare ad una nuova vita, anche lavorativa, in questo paese e ci chiedono lumi.
Intanto ricordiamo che per lavorare in Kenya, a tutti i livelli, occorre un permesso di lavoro che è ben diverso dal normale permesso da turista (che il Kenya in questo periodo accetta come soggiorno vacanziero per 3 mesi estendibile di altri 3, ma l’Italia non approva, vietando i viaggi per turismo verso l’Africa). Il permesso di lavoro può essere di diversi generi: quello da imprenditore, che prevede un investimento di almeno 80 mila euro e dà diritto ad ottenere un visto di soggiorno e di lavoro valido due anni e rinnovabile a condizione che la propria compagnia ottemperi economicamente e fiscalmente alle condizioni stabilite all’atto della formazione. Il permesso costa circa 2000 euro.
Poi c’è un permesso da dipendente, sempre più difficile da ottenere perché intanto costa 4000 euro, con validità biennale, e in secondo luogo deve essere una compagnia locale ad assumere la persona, che deve avere delle qualifiche importanti e che non possono essere assolte da un keniano. Quindi professionisti che possano provare la loro competenza e per questo verranno assunti.
Difficile quindi trovare un’azienda che si assuma l’onere di pagare un permesso di lavoro decisamente caro per assumere una professionalità che al limite può trovare, o crescere, in ambito keniano e con stipendi decisamente più bassi di quanto potrebbe richiedere un cittadino europeo.
Per quanto riguarda il settore del volontariato, qui il permesso (che deve essere richiesto da una onlus o NGO) costa molto meno, ma è difficile riuscire ad ottenerlo, se non in presenza di associazioni riconosciute in Kenya che lavorano già da tempo sul territorio. Ma in questo caso sono le stesse associazioni a richiedere figure professionarie esperte di cooperazione o volontariato.
Quindi per un “novellino” che sogna di trasferirsi in Kenya, la via più logica è aprire una propria attività, oppure presentarsi con esperienza e professionalità tale da poter avere possibilità di trovare lavoro ed essere assunto con regolare permesso. Per tutti gli altri, c’è anche la possibilità di avere un permesso di soggiorno da “pensionato” o per chi ha una rendita fissa in Italia. Tale permesso dura 3 anni e costa 3000 euro, ma bisogna dimostrare un introito annuale di circa 20 mila euro, tramite fidejussione bancaria o bonifici mensili su un conto in banca keniano.

TAGS: lavoro kenyatrasferimento kenyavivere in kenyapermessi kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

In tredici anni di attività del Portale degli Italiani in Kenya e nella relativamente breve vita delle...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministro degli Interni del Kenya Fred Matiang'i ha preannunciato una maxi operazione del Governo per verificare chi lavora regolarmente nel Paese, ed eventualmente espellere quelli che non hanno intenzione o non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna la voglia di pensare ad un trasferimento definitivo in Kenya.
Prima la pandemia, poi...

LEGGI L'ARTICOLO

Aggiornamenti di malindikenya.net sulle operazioni di verifica dei permessi di lavoro e di residenza in Kenya per gli stranieri, da parte dell'Ufficio Centrale dell'Immigrazione di Nairobi.
Grazie a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I sessanta giorni per regolarizzare la propria posizione da lavoratore straniero in Kenya sono scattati da ieri.
Il Ministro degli Interni Fred Matiang'i ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Novità per i permessi di lavoro nel settore del Turismo in Kenya.
Il Governo keniano ha approvato una regolamentazione secondo la quale viene istituito un "comitato di garanzia" per verificare e dare la propria approvazione alle richieste di permessi di...

LEGGI TUTTO

Sarebbero già 3.434 i lavoratori stranieri illegali in Kenya, tra quelli che non si sono presentati entro lo scorso 21 luglio negli uffici dell'Immigration di Nairobi. Erano stati

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E terminato sabato scorso, 21 luglio, come da programmi, il periodo di due mesi di verifica dei permessi di lavoro per gli stranieri in Kenya (Work Permit).
La verifica, avvenuta esclusivamente negli appositi uffici di Nyayo House a Nairobi, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha deciso di sospendere da subito le applicazioni per permessi di lavoro da dipendenti a cittadini stranieri.
La dichiarazione del Ministro degli Interni Fred Matiang'i a Citizen TV non lascerebbe dubbi: ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nuovi stickers adesivi per i veicoli che trasportano turisti, per differenziarli dai classici "PSV" che riguardano tutti i servizi pubblici.
L'introduzione della nuova categoria "Tourism Service Vehicle" è stata introdotta ieri dal Ministro del Turismo Najib Balala come iniziativa per...

Sono già quasi duecento gli stranieri fermati sulla costa keniana con permessi scaduti o irregolari, o con documenti falsi di attesa di work permit ed altri documenti non regolari. Dopo quasi due mesi dall'inizio dei controlli successivo alle registrazioni dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (dimenticate i sotterfugi utilizzati fino a qualche tempo fa, fidando di risiedere in una...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Il Ministero del Turismo del Kenya si prepara ad istituire una Commissione Speciale che avrà il compito di controllare...

LEGGI L'ARTICOLO

Era inevitabile che accadesse e se si vuole una Malindi più bella, ordinata ed appetibile, ma...

LEGGI L'ARTICOLO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna la voglia di trasferirsi a Malindi.
Arriva la bassa stagione e le caselle mail di malindikenya.net traboccano di richieste di consigli, dritte, spiegazioni....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO