Ultime notizie

MALINDI

Tutti al lavoro a Silversand per ricostruire

Noi già impegnati per una Malindi più sicura

19-03-2021 di Freddie del Curatolo

Sono tanti connazionali, tra proprietari e affittuari, qualche residente e villeggianti di lungo corso.
Si sono ritrovati dall’oggi al domani senza un letto dove dormire, un letto che per molti era la culla di sogni che si avverano ogni anno, quelli di un po’ di sole, di mare e di tranquillità, una fuga dalla realtà difficile di questo ultimo maledetto anno.
Purtroppo per molti di loro l’incendio di Silversand si è trasformato in un bel dramma e l’unica consolazione è poterne ancora parlare al singolare.
Nei giorni successivi alle fiamme, è inutile rivangare su colpe, mancanze, incapacità di organizzarsi e unirsi per dotarsi di impianti di sicurezza nei residence. Bisogna fare quello che è nelle proprie possibilità attuali: ricostruire al più presto, dato che anche parlare di assicurazioni in Kenya è pressoché inutile. Dall’altra parte ci sarebbe da farsi sentire con le istituzioni locali, come noi di malindikenya.net a nome degli italiani a Malindi abbiamo già fatto, nonostante da esperienze precedenti sappiamo come sia difficile ottenere fatti e non solo costernazione, ping-pong di responsabilità e promesse. Servirà uno sforzo comune, e nei prossimi giorni potremmo convocare un incontro aperto per ascoltare le proposte di tutti e fornire le nostre.
Intanto all’Oasis Village sono giorni di camion che vanno e vengono, portando via macerie, montagne di cenere, pezzi di case, specie quelle più colpite all’ultimo piano dello stabile e resti di ogni bene materiale.
L’aria davanti al grande residence, che ospita non solo connazionali, è dimessa ma non rassegnata.
“L’Oasis tornerà vivo come è sempre stato – ci dice un inquilino – e tra noi ci sarà più unità che speriamo si traduca anche in maggior attenzione verso chi viene a stare qui anche solo per una breve vacanza. Ci sono regole da osservare e paletti da mettere, altrimenti dovremo solo attendere il prossimo spiacevole episodio”.
Attivi anche i proprietari dell’attiguo Key Park, che hanno già ricevuto preventivi per la ricostruzione e stanno lavorando per tornare a disporre delle loro villette al più presto.
“Ognuno deve pensare in primis alla sua proprietà, in questa prima fase – spiega uno degli italiani proprietari – poi tutti insieme dovremo rimettere a posto le zone in comune, per riportare il Key Park alla bellezza originaria. Ne vale la pena. Al momento dell’incendio, anche in questo periodo di poco turismo, il nostro cottage era affittato, perché Malindi è sempre attrattiva, e lo sarà sempre”.

TAGS: incendio malindisilversand malindicostruzioni malindi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Ancora una volta, dopo uno spaventoso incendio come a Malindi non se ne vedevano da dieci anni, torna...

LEGGI L'ARTICOLO

Un pauroso incendio sta avvolgendo da un'ora circa l'elegante zona residenziale di Casuarina a...

LEGGI L'ARTICOLO

Una villa di pregio nel quartiere residenziale malindino di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oltre settanta ettari della splendida e incontaminata foresta di Aberdare, a sud dell'area di Kinangop, bruciano...

LEGGI L'ARTICOLO

Ogni volta che Malindi o Watamu vengono funestate da un incendio, sembrano scaldarsi anche...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio divampato per cause ancora da accertare ha bruciato parte del  Breeze Point Hotel di Malindi, struttura gestita da un italiano, Paolo Da Fano e da una cittadina...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un improvviso incendio è divampato in serata al Mombasa Hospital, la più antica e importante struttura...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio improvviso propagatosi velocemente a causa del fortissimo vento di oggi, ha ridotto in cenere il resort malindino "Dorado Cottages", a Casuarina.
L'incendio sembrerebbe partito da

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se il grande incendio sul Monte Kenya che rischiava di fare grandissimi danni all'interno della...

LEGGI L'ARTICOLO

Il giorno dopo l'incendio che ha colpito la zona turistica di Casuarina a Malindi, si fa la conta dei danni.
Oltre al popolare e storico Dorado Cottages, gestito dal tour operator Viaggi di Atlantide, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Brucia la più alta montagna d’Africa, il Kilimanjaro è in fiamme da 16 ore per cause...

LEGGI L'ARTICOLO

Un incendio divampato durante la notte tra sabato e domenica e buona parte del mercato più grande...

LEGGI L'ARTICOLO

Un grosso incendio è divampato intorno alle 13.30, ora locale, nella zona...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'incendio di vastissime proporzioni che per una settimana ha tenuto sotto scacco la...

LEGGI L'ARTICOLO

Un disastro in uno degli storici e lussuosi resort della costa sud keniana.
Delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un incendio di vaste proporzioni, quello divampato nella tarda mattinata di oggi nella zona residenziale di Casuarina a...

LEGGI L'ARTICOLO