L'angolo di Freddie

L'ANGOLO DI FREDDIE

La ragione di Dennis a Nairobi

Il mondo, quello vero, è dove e come lo mette in scena lui

28-12-2023 di Freddie del Curatolo

Non ho scelto le feste di Natale perché a Natale “siamo tutti più buoni” o perché volevo fare un “bel gesto”.
Non mi ritengo “buono” e vorrei esserlo ancora meno in quest’epoca in cui chi sa di non avere ragione, può avere ragione ugualmente.
E’ che a volte mi sento un geometra della narrazione, sento il bisogno, e anche il dovere, di calcolare la distanza tra la storia che nasce da ciò che osservo, con i suoi protagonisti, e la loro realtà.
Avevo piacere ad incontrare Dennis, tutto qui.

E’ la curiosità che mi ha spinto da lui, oltre al simbolismo.
Ma soprattutto il fatto che a Natale in giro, a Nairobi, non c’è quasi nessuno.
Dennis vive tra la polvere, i rumori e lo smog di una delle rotonde più incasinate di una delle metropoli più incasinate del mondo. 
Dennis non paga affitto, ma la sua casa può essere portata via ogni minuto dal comune, da giovani vandali, da una società privata di nettezza, da sgherri del quartiere che chiedono il pizzo, da scavi per l’acqua la luce le fibre ottiche.

Chissà se cambia molto da dove è nato. 
Molti keniani vivono ancora in luoghi dove la loro casa può essere portata via ogni minuto da un’inondazione, l’esproprio da parte di un’azienda ambientalista, il fuoco appiccato da una tribù rivale o da una fatalità, un megaprogetto edilizio, il banditismo, un elefante.
Dennis si è costruito la capanna da solo nel centro di tutto.
Lui è fermo, placido, impassibile e gli altri girano come impazziti attorno a lui.
Sbuffano come i loro veicoli, imprecano, fanno rumore, si detestano tra loro.

Dennis no. 
Lui è al centro, impassibile, ed è tutt’uno con sé stesso. 
La sua reggia è fatta più o meno di quello che indossa e non deve necessariamente entrarci. 
Basta che ci sia. 
Non sbandiera l’etica del riciclo, l’ecosostenibilità, non si riempie la bocca di bei concetti vuoti: ci sopravvive.
Gli oggetti non sono come gli uomini, sono tutti utili.
Stracci, vestiti, cavi, pezzi di metallo, sassi, assi, un ombrello.
C’è una naturale empatia con loro.

Gli oggetti vengono a lui facilmente, sono i rifiuti della società, scartati e abbandonati da ognuno, ritenuti inservibili. Proprio come Dennis. 
Quando esce dalla capanna, Dennis indossa un casco da operaio e sotto il giaccone sempre abbottonato, con il sole cocente o al fresco che segue l’acquazzone notturno, tiene come un tesoro tutto quello che non deve essere portato via. 
Come un marsupio, come una gravidanza placida.
Sulle dita di entrambe le mani ha anelli di valore inestimabile, al collo una collana luminescente e un foulard di seta, volato via da un fuoristrada ultimo modello. 

Non so cosa farà con i miei soldi, non si nutre di cibi convenzionali, ma solo di scarti, ovviamente.
Credo li baratterà con qualcosa di utile.
Ho conosciuto tanti altri rifiuti umani come Dennis, quasi tutti nelle discariche o in quartieri-fogna. 
Al cospetto di Dennis mi dico che sarebbe anche naturale trovarmelo lì, dove per i giusti è sbagliato, quindi giusto o comunque giustificato, stare.
Invece no, Dennis vuole vivere dove tutto si crea, non dove marcisce.
Sta lì, a mostrarti la fine che meriteresti di fare.

Vive a due passi da un grattacielo in cui, al ventesimo piano, c’è uno dei ristoranti più esclusivi della città, dietro a due centri commerciali dove trovi tutto quello che hai sempre sognato di possedere, ma di cui non hai veramente bisogno e proprio sotto l’autostrada cinese che ti porta dritta in cielo, collegando la capitale del Kenya al mondo intero.
Il mondo, quello vero, è dove e come lo mette in scena Dennis.
Abita la nostra precarietà, si veste delle nostre poche sicurezze, recupera qua e là valori dimenticati e fa sfoggio delle rare fortune trovate per strada.
Ma, a differenza nostra, non ti dirà mai che ha ragione lui.

TAGS: Nairobirifiutistoria

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il parlamento keniano ha approvato la legge sulla raccolta differenziata in Kenya e, se il presidente Kenyatta...

LEGGI L'ARTICOLO

Grazie al decreto legge della Contea e ad uno studio ed un progetto dalla Germania e donazioni straniere...

LEGGI L'ARTICOLO

Riciclo della plastica, incontro pubblico al Museo di Malindi.
Mercoledì 24 Agosto alle 16, Sam Ngumba Ngaruiya, titolare e fondatore della società “Regeneration Environmental Services” terrà un incontro pubblico presso il Centro culturale del museo di Malindi “Plastica e più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Saranno i giovani studiosi, creativi, ingegneri o designer a salvare il mondo dal diventare una grande discarica...

LEGGI L'ARTICOLO

Grazie all’Italia giunge una buona notizia per l’ambiente del Kenya e per la sua schiavitù...

LEGGI L'ARTICOLO

L'ultimo World Cleaning Day in Kenya ha rivelato numeri crescenti e preoccupanti di plastica sulle spiagge della costa.
Gli operatori...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un anno di Malindi Green And Blue, dodici mesi di pulizia ogni secondo sabato del mese, una ...

LEGGI L'ARTICOLO

A due settimane dall'entrata in vigore in Kenya del bando ai sacchetti di plastica ed al polietilene, come già annunciato dalla NEMA, sono iniziati i controlli nelle case private. Anche a Malindi da ieri sono state segnalate "visite" di agenti dell'organizzazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Erano passati nove mesi dall’ultimo Malindi Clean Up.
Nove mesi ...

IL REPORTAGE: LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Malindi continua a fare scuola, nel vero senso della parola, per...

LEGGI E GUARDA FOTO GALLERY E VIDEO

E' una storia che si ripete ogni anno: alla giornata internazionale della pulizia delle spiagge, a cui Malindi partecipa grazie all'organizzazione del Kenya Wildlife Service nella sede del Parco Marino, partecipano molti studenti, tanti volontari locali e anche qualche straniero,...

LEGGI TUTTO

La Malindi responsabile e unita chiama all’azione tutti i residenti e i proprietari di case, anche quelli...

LEGGI L'ARTICOLO

L'iniziativa del movimento "Malindi Green And Blue" formato dalla società civile di Malindi, con il supporto del...

LEGGI L'ARTICOLO

Il 2022 non ha diminuito l'impegno della Malindi responsabile che ogni secondo sabato del mese...

LEGGI L'ARTICOLO

Il movimento Malindi Green And Blue e i suoi clean up, le giornate di pulizia mensile, hanno...

LEGGI L'ARTICOLO

Dall'incontro pubblico dell'Ocean Beach con la Contea di Kilifi sono emerse alcune novità che riguardano la possibile risoluzione dell'ormai annoso problema dello smaltimento dei rifiuti a Malindi.
Situazione resa insostenibile dal ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO