L'angolo di Freddie

PENSIERI

Perchè ci si innamora di Malindi

I motivi di una scelta che dura nel tempo

27-02-2010 di Freddie del Curatolo

“Perche’ Malindi?”
Mi domandavo anni fa mentre preparavo l’ennesima valigia e imballavo scatole di vestiti invernali carichi di naftalina, destinati alla soffitta di qualche parente. “Perche’ Malindi e non Santo Domingo, L’Avana, Puerto Escondido, Bali, Tenerife, Djerba, Phuket, Gabicce Mare…”. Quando si tratta di fuga, e’ il luogo che abbandoni l’importante, non il punto d’arrivo. Ma in questo caso, cogliendo il frutto della partenza dopo la giusta maturazione di una scelta ponderata, la meta e’ allo stesso tempo lo zero e lo zenith da cui ripartire, nella perfetta alchimia tra presente e futuro, lasciando i vecchi progetti e le antiche speranze in soffitta, imballati e coperti di naftalina come i vestiti che non dovro’ piu’ indossare.
“Perche’ Malindi?”
Perche’ per chi non ha risorse infinite ma si sa accontentare, c’e da lavorare, piu’ con l’ingegno piuttosto che con gli intrallazzi o certi giochini, perche’ chi ha voglia di fare lo puo’ fare e chi non ha molta voglia comunque puo’ campare, perche’ siamo in Africa ma la lingua ufficiale non e’ l’italiano, perche’ qui non ci sono cartellini da timbrare ne orari che sia proprio obbligo rispettare, perche’ otto mesi all’anni c’e il sole e anche nei mesi restanti la temperature non scende mai sotto i venti gradi, perche’ qui ti viene lo stress di non avere stress (e se uno e’ furbo capisce che i paradossi si possono eliminare, mica come le zanzare), perche’ la natura esiste e ci si puo’ entrare in contatto, senza dover fare sei ore di traffico sulla provinciale per andare alla domenica in un’oasi del WWF o rischiare la vita sulla Serravalle. Perche’ noi latini, noi antichi romani, sembra strano, abbiamo qualcosa da imparare da una civilta’ bambina. Perche’ i bimbi dicono sempre la verita’, fanno sciocchezze ma sono appunto cose da poco, si fanno perdonare e ricominciano, ma sono semplici e solari nelle loro manifestazioni. Quantomeno si impara la pazienza, che e’ un’arte povera ma ci fa guadagnare in salute.
Perche’ il mango gentilmente mercificato e’ piu’ buono delle albicocche geneticamente modificate, perche’ il pesce fresco sulla griglia, cucinato sul balcone di casa in viale Zara a Milano non viene molto bene, perche’ bastano quattro ore di fuoristrada per sentirsi nel centro del mondo, nel Regno Degli Animali. Perche’ non se ne puo’ piu’ di quel regno degli animali che si credono al centro del mondo e sono soltanto insetti impauriti. Perche’ il “grande fratello” dovrebbe essere un nuovo splendido amico che si incontra e non un cazzo di trasmissione televisiva da guardoni rimbambiti, perche’ nonostante qualcuno abbia cercato di portatsi dietro le schifezze in naftalina, piano piano, pole pole, in naftalina ci finira’ lui. Solo chi ama l’Africa resiste in questo posto, solo chi trasforma il suo futuro in presente e impara a vivere alla giornata puo’ vivere in sintonia con Malindi.
Passa il tempo, per me sono ormai vent’anni.
Oggi, complice l’invivibilita’ del mondo occidentale, son in tanti a valutare questo ambiente come il luogo dove stabilirsi, in cui vivere una vita a misura dell’umanita’ che ci portiamo dentro.
Magari domandandosi prima “perche’ Malindi” e trovando risposte che scaturiscano un sorriso o anche un po’ di malinconia ma, insomma, un sentimento! Per chi non si chiede “perche’ Malindi?”, questo (per carita’ e per fortuna!) resta uno dei tanti luoghi di vacanza, dei mille paradisi esotici con i suoi pregi e i difetti. “Karibu”, si dice qua: benvenuto! Inutile e dannoso pero’ venderlo per quello che non e’, o raccontare che il mare e’ maldiviano o che le infrastrutture fanno invidia a Sharm El Sheikh.
Bisogna adattarsi con quel che c’e e avere piu’ rispetto di chi ci ospita, insegnando con garbo ai bambini a rispettare di piu’ casa loro. Ne vale la pena, perche’ come diceva il Poeta: “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori”.

TAGS: perchè malindimotivi malinditrasferimento kenyaracconti malindi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

A grande richiesta lo spettacolo di musica, racconti ironici, poesie e cabaret di Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi, replica per due serate speciali a Watamu e Malindi.
Martedì 16 gennaio Freddie e Sbringo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un viaggio durato esattamente due mesi, ogni settimana a Malindi.
Una carrellata di racconti, poesie, canzoni, suggestioni nella sala del Baby Marrow Art & Food Gallery di Malindi, tra un piatto della cena e un drink.
Freddie del Curatolo ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro giovedì all'insegna dello stare insieme con la classe e l'eleganza del musicista Marco "Sbringo" Bigi, che ben s'intona con le opere d'arte di Gian Paolo Tomasi alle pareti del Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi.
Ogni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per il quarto giovedì di seguito, tutto esaurito e grande attenzione con applausi convinti al Baby Marrow di Malindi, per la rassegna di racconti, poesie e musica "Io conosco il canto dell'Africa" ideata e condotta da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La notizia dello schianto del volo Ethiopian Airlines da Addis Ababa a Nairobi...

LEGGI L'ARTICOLO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mario Mele è tornato a "casa sua", in Sardegna.
Il popolare proprietario e gestore del Mario's Lounge Bar e del Budda's di Malindi, è stato trasferito nei giorni scorsi dal carcere di Civitavecchia, dove era detenuto da ormai più di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come è arcinoto, la Festa degli Innamorati cade il giorno di San Valentino, mercoledì 14 febbraio.
Ma a Malindi c'è anche chi festeggia il giorno dopo, San Faustino, protettore dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Giovedì 25 gennaio andrà in scena la sesta serata settimanale consecutiva per gli spettacoli di Freddie e Sbringo al Baby Marrow Art & Food di Malindi.
Non è il caso di parlare di "sesta replica" perché ognuna delle serate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mpesa è un servizio utile e geniale, inventato dalla compagnia telefonica keniana Safaricom per permettere a chiunque di girare senza contanti e prelevare o inviare scellini con una semplice digitazione del proprio telefono cellulare.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata dedicata a "The Voice" Frank Sinatra, con i brani più significativi del grande cantante italo-americano riarrangiate e interpretate da Marco Bigi.
Al Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi a fare da filo conduttore tra la musica e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per qualche mese abbiamo temuto di perdere la loro preziosa collaborazione, che costa poche centinaia di scellini l'anno (Kshs 3000), giusto per pagare l'affitto di un locale dove accogliere i connazionali e pagare quel minimo di spese.
Che poi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO