Storie

TRADIZIONI

Fascino e soprusi del matrimonio Luo in Kenya

Una ritualità particolare che sta scomparendo

27-05-2022 di Leni Frau

Dote, rapimento, battaglie simboliche, colpi di scena e finale sempre meno scontato: il matrimonio dei Luo, una delle tribù più antiche e famose del Kenya, originaria del bacino del lago Vittoria, è praticamente un musical, accompagnato da canti tradizionali e vere e proprie coreografie.
Non a caso, prima dell’avvento del cristianesimo e ancora oggi nelle zone rurali e per i giovani che amano ancora perpetuare le tradizioni degli antenati, il matrimonio è considerato l’evento più importante e significativo nella vita di un Luo.
La cerimonia è basata su una serie di passaggi obbligati che la rendono molto complessa e tutto deve filare secondo i programmi, altrimenti gli anziani del villaggio potrebbero anche annullare il tutto e per due innamorati sarebbe un gran bel problema!
Prima di tutto, il pretendente della sposa deve recarsi a casa dei genitori della fidanzata e trattare il prezzo della ragazza. Qui si allestisce la prima cerimonia, con canti e balli. Chiamata “Ayie”, la festa prevede nel suo epilogo il pagamento di una somma e di capi di bestiame alla madre della futura sposa.

“Ayie” in lingua dholuo significa “sono d’accordo” ed è la sentenza che deve concludere la trattativa sul prezzo che il futuro marito deve versare; a questa trattativa partecipano anche altri membri della famiglia e un intermediario neutrale che non deve appartenere a nessuna delle due famiglie.

Ottenuto il consenso dei genitori, i due giovani che convoleranno a nozze non potranno più cambiare idea. Si può organizzare la cerimonia di matrimonio, per il primo giorno disponibile dopo l’Ayie.
Ecco come si svolge il vero e proprio matrimonio. Si comincia con quello che viene chiamato “meko” e che rappresenta il momento “clou” del percorso nuziale.
Il “meko” è il rapimento della sposa, una tradizione che deve essere espletata da parenti e amici dello sposo, che catturano la ragazza per portarla nel talamo nuziale, spesso una nuova casa costruita dal marito per l’occasione.

Il “ratto” della ragazza deve essere contrastato dai parenti della sposa per testare il coraggio dei rapitori e per capire quanto il futuro marito tenga veramente ad averla in sposa. La rappresentazione prevede avvengono anche delle finte battaglie con i bastoni mentre la ragazza urla e cerca di divincolarsi per dimostrare l’attaccamento al padre, anche se in realtà è favorevole al matrimonio e già sapeva che sarebbe stata rapita.
D’altronde, se la ragazza fosse contraria al matrimonio, avrebbe diversi modi per dimostrarlo ed interrompere il “meko”, ad esempio strappare fiori ad una stella di natale (la pianta di euforbia) oppure arrampicarsi su un termitaio urlando la sua disperazione o ancora mettersi in bocca della terra e sputarla addosso ai suoi rapitori.
Nel caso di interruzione del meko, lo sposo cercherà di capire come mai la sua promessa abbia cambiato idea e proverà a trovra una soluzione. Ma anche se alla fine il matrimonio dovesse andare in porto, la ragazza sarò segnata da quella che per i Luo viene considerata una decisione sconsiderata, propria di una donna che non è stabile mentalmente e quindi potenzialmente potrebbe non essere un buona madre.
Se invece il meko va come stabilito e immaginato, la giovane viene recapitata alla capanna del futuro convivente ed ecco la parte più controversa che negli ultimi tempi, giocoforza, è diventata anch’essa simbolica e sostituita con un bacio o poco più: la deflorazione della sposa.
Il primo rapporto sessuale tra i due sposi deve essere consumato alla presenza, almeno uditiva, di quattro testimoni. Il ruolo dei quattro è quello di testimoniare che effettivamente la ragazza era vergine, in modo da poter considerare giusto il prezzo pagato e dare il via alla grande festa che durerà tutta la notte. La serata inizierà con la macellazione del bue più grande dei genitori della sposa, che viene regalato a quelli del marito. Dopodiché si può iniziare a mangiare e bere, danzare e fare baldoria fino all’alba.
Anche i Luo, come quasi tutte le etnie keniote, sono poligami, anche se nel loro caso hanno un limite di cinque mogli. Fondamentale è che abbia sufficiente bestiame per pagare le sue doti e allo stesso tempo mantenere le sue spose e i relativi figli.
Un’altra tradizione controversa che sopravvive nei villaggi meno civilizzati è quella della purificazione della vedova. Nel caso il marito muoia, i Luo impongono che uno dei parenti del defunto si prenda cura della donna, ma dovrà fare sesso con lei per esorcizzare lo spirito dell’ex marito. Secondo la tradizione Luo, una vedova appartiene all'intero villaggio. Sono gli stessi membri della famiglia e i parenti ad incontrarsi e decidere chi sia l’adulto più adatto, solitamente il più ricco ed in buona salute, a sostituire il caro estinto. Ma nella scelta influisce anche l’età della vedova e la ricchezza lasciatale dal marito.

Ultimamente c’è una disputa all’interno dei paladini delle tradizioni Luo, perché la tradizione dell’adozione della vedova può portare a dissidi nei villaggi, specie quando c’è di mezzo un marito molto abbiente o la donna sia particolarmente avvenente.

TAGS: matrimoniotribùluotradizionidanze

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Aiuti a una scuola del distretto di Malindi, grazie al matrimonio di uno dei politici più chiacchierati delle ultime legislature.
Dopo ventuno anni di convivenza con il compagno Marco Morielli, si sposa infatti la parlamentare Giovanna Melandri, grande "malata d'Africa"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sergio Peroni, imprenditore romano, ama il Kenya e frequenta Malindi da trent'anni.
Vita Kanaeva, siberiana e ormai italiana d'adozione, ci viene da quando è iniziata la sua storia d'amore con Sergio.
Non poteva che essere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

La clientela internazionale dei tre villaggi Planhotel (Tropical, Dream of Africa e Malindi Dream Garden) più un buon numero di turisti e villeggianti italiani arrivati via...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Alcuni anni fa il quotidiano nazionale "Daily Nation" aveva lanciato l'allarme con un sondaggio che rivelava "la crisi del matrimonio tra le pressioni della vita moderna in Kenya”. 
Secondo il sondaggio solo il 40% dei keniani riteneva di essere felice del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come ogni anno in questo periodo l'etnia Mijikenda della costa keniana ed in particolare i giriama di...

LEGGI L'ARTICOLO

Una due giorni per celebrare la cultura e le tradizioni della costa keniana.
Il "Coastal Cultural Festival" si terrà all'Ocean Beach Resort da venerdì 21 a sabato 22 dicembre, tutto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La cucina Habesha dell’Etiopia è un vero e proprio viaggio sensoriale, che ...

LEGGI L'ARTICOLO

Venerdì alla Malindina è sempre tempo di apericena gourmet, a partire dalle ore 19.30 va in...

LEGGI L'ARTICOLO

Partirà venerdì 30 marzo la nona edizione del Malindi Multicultural Festival.
La kermesse locale di danze, esibizioni, incontri e musica anche quest'anno si terrà negli spazi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le cose più spiacevoli sono accadute prima del mio viaggio in Kenya, programmato dodici mesi prima.
"Ma come fai ad andare in un Paese pieno di neri, con tutto quello che combinano qui" è stata sicuramente la frase più odiosa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per il mese di Marzo si aggiunge l’appuntamento del martedí alle serate creative proposte dal ristorante...

LEGGI L'ARTICOLO

Allarme nella società swahili, le ragazze non arrivano più vergini al matrimonio.
L’era moderna ha portato cambiamenti sociali non solo in Kenya, ma anche nell’austera e conservatrice società di matrice islamica molto presente sulla costa.
Come riferisce...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro film sull’omosessualità crea scompiglio nei puritani vertici della censura keniana e si...

LEGGI L'ARTICOLO

Papa Remo Beach chiude per un giorno al proprio pubblico, che mai come quest'anno sta felicemente frequentando il meraviglioso locale di Watamu, il suo ristorante e i lettini in riva al mare, per ospitare una cerimonia privata.
Si tratta del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con l'alta stagione e l'arrivo di turisti occasionali o anche "repeaters", inevitabilmente a Malindi e sulla costa aumentano gli incontri tra italiani e "signorine" locali. Senza finta retorica, è così da che mondo è mondo e chi conosce il Kenya...

LEGGI TUTTO

"Desidero esprimere la mia gratitudine a tutti gli amici e lettori italiani - troppi per riuscire a farlo individualmente - per l'ondata di solidarieta', affetto e amicizia che si e' riversata su di me e su mia flglia Sveva da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO