Storie

STORIE KENIOTE

Il ragazzo di strada keniano salvato dal calcio nella neve

La storia del giovane Lopaga, da Maralal alla Bielorussia

05-12-2023 di Freddie del Curatolo

Da ragazzo di strada nella poverissima realtà di Maralal, tra il nulla e i conflitti etnici del Samburu e la strada che porta al deserto del Turkana, al campionato di calcio bielorusso.
E’ l’incredibile storia di Josphat Lopaga, ventunenne promessa keniana del football, salvato da un programma di riabilitazione finanziato anche da alcune Ngo italiane.

Lopaga da bambino faceva parte di una delle tante famiglie che non avevano di che campare, nel villaggio di Baragoi, così aveva deciso come tanti suoi coetanei di lasciare la sua capanna e tentare di vivere di espedienti nelle strade dei quartieri poveri della cittadina di riferimento, Maralal.
A parte il talento che evidenziava con la palla tra i piedi, Lopaga ha cercato anche di fare qualche lavoretto per non cadere nelle insidie della droga e della microcriminalità ed il vivere alla giornata senza finire in giri compromettenti lo ha portato da adolescente anche in altre cittadine, da Nyahuhuru a Nakuru, per finire negli slum di Nairobi. Tornato a Maralal, ha avuto una svolta positiva grazie al programma di riabilitazione dei giovani senzatetto del City Stadium.

Da lì il suo percorso di giovane calciatore ha incluso la Shy Football Academy, che è uno dei bacini giovanili del Gor Mahia, la più titolata squadra di calcio keniana. Poi è passato nelle serie inferiori, con il Mount Kenya United e i Posta Rangers e infine ha trovato un ingaggio con l’altra compagine gloriosa del paese, l'AFC Leopards. La passione di Lopaga per il calcio gli ha fatto superare ogni avversità ed ha potuto esordire due anni fa nella Premier League keniota e addirittura nella nazionale Under 23, partecipando al torneo continentale CECAFA.


Da qui il giovane attaccante, dopo una brevissima parentesi in Oman, è stato notato dalla Dynamo Brest, squadra del campionato di Serie A in Bielorussia. Non un team di primo piano, ma con discrete possibilità economiche. Lopaga, con sua grande sorpresa, è stato ingaggiato lo scorso agosto e dopo due sole partite ha segnato il primo gol in campionato.

Pochi giorni fa la stagione, come sempre per l’arrivo dell’inverno che qui significa temperature glaciali a cui sicuramente un keniano è molto meno abituato di altri, è terminata ma Lopaga è certo della riconferma da parte della squadra della cittadina di Brest, omonima di quella francese.
La Dynamo ha terminato la stagione di andata al 10° posto, ottenendo 30 punti con nove vittorie, tre pareggi e 16 sconfitte, giocando poco più di 600 minuti. Alla fine i gol segnati dall’ex ragazzo di strada di Maralal sono stati quattro, con una doppietta nell’ultima partita della stagione, che la sua squadra ha vinto per 3-2.

Ora, come riferisce il quotidiano People Daily, si preparerà per la nuova stagione, puntando a migliorarsi e, chissà, ad un altro salto di qualità, in attesa anche di una chiamata della sua nazionale.

"La stagione è finita, andremo in vacanza. E’ stata la prima volta che giocavo a calcio d’inverno, con la neve e particolari condizioni atmosferiche. Sono felice per me stesso, per la squadra e per i tifosi. Questa è la mia prima stagione alla Dinamo Brest, dove tutti mi hanno accettato molto bene. Tutti mi vogliono bene: i tifosi, l'allenatore e gli altri giocatori. Lo apprezzo molto", ha dichiarato Lopaga al sito ufficiale del club.

Anche noi, da ora in avanti, seguiremo il percorso di questo talentuoso ragazzo che ha dovuto lottare contro la sua condizione ed un futuro che sembrava già segnato, prima ancora che per un sogno che si sta realizzando.

TAGS: calciosportragazzi di stradamaralalgor mahia

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Festa, supporto e panettoni per la scuola calcio dei ragazzi di strada della periferia di Malindi che...

LEGGI E GUARDA LE IMMAGINI

Una casa d’accoglienza per 24 orfani degli slum di Korogocho e Dandora, due tra i più popolati e ...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche quest'anno nella prima settimana di settembre si celebra un evento unico in tutta l'Africa subsahariana: il "Maralal International Camel Derby".
Il festival internazionale dei cammelli si tiene sabato e domenica nella cittadina keniota di Maralal, nella regione del Samburu, non distante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’inizio di questa splendida storia di vita, di crescita, di umanità, di incontro, lo raccontai tredici anni fa...

LEGGI L'ARTICOLO

Maxwell e Mystick, due dei ragazzi dell'ormai ex scuola calcio Genoa di Malindi, possono continuare ad usufruire delle migliori condizioni scolastiche grazie anche all'aiuto della società sportiva ligure Volley Genova VGP. 

LEGGI TUTTO

Il progetto Real Malindi cresce grazie alla generosità dei lettori italiani di malindikenya.net.
Ieri finalmente sono arrivate le scarpine da calcio per gli studenti della scuola primaria di Ganda, popoloso sobborgo di Malindi da dove abbiamo deciso di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

La scuola calcio di Malindikenya.net prosegue la sua avventura, grazie all'aiuto dei primi italiani che si stanno appassionando al percorso dei nostri ragazzini della periferia di Malindi.
Durante il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Su Malindikenya.net vi abbiamo raccontato la genesi ed il percorso dell'accademia di calcio di ...

LEGGI L'ARTICOLO

I bambini delle scuole di Malindi, coordinate da Malindikenya.net sono tornati a calcare l’erba dello stadio Alaskan.
In attesa...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Da quest’anno c’è un angelo italiano che dall’alto sprona a studiare e a crescere nel nome del binomio sport...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Da tredici anni è uno dei nostri più grandi motivi d’orgoglio.
L’accademia...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche quest'anno tra la fine di agosto e la prima settimana di settembre si celebra un evento unico in tutta l'Africa subsahariana: il "Maralal International Camel Derby".
Un festival in grado di attrarre ogni anno moltissimi turiosti provenienti da tutto il mondo, tra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Real come "vero" ma anche come "in tempo reale", una parola da leggere più in inglese (Rial), piuttosto che in spagnolo, come la squadra di Madrid.
E' la nuova squadra ufficiale che Malindikenya.net sosterrà per i prossimi anni.
Tre stagioni dopo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Il Kenya moderno vive ancora di leggende e personaggi venerati del passato, tra ...

LEGGI LA STORIA

Magliette della nazionale italiana in regalo ad una squadra amatoriale di Malindi, per partecipare a un torneo di beach football.
Le divise originali delle squadre europee costituiscono sempre un presente ambitissimo per i ragazzi locali, e la compagine milanese delle...

LEGGI TUTTO

Sono stati rilasciati e già in viaggio per Malindi i due ragazzi italiani fermati ieri dalla polizia del villaggio di Ngao, nella regione keniana del Tana River, dove a loro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO