Storie

STORIE

Padre Ogalo, il prete rapper di strada che non piace alla Chiesa keniana

Sospeso il parroco che fa le prediche ai ragazzi a tempo di hip-hop

19-07-2018 di Freddie del Curatolo

Padre Paul Ogalo è il parroco di Rapogi, un piccolo sobborgo di Migori, nella regione keniana del Lago Vittoria.
Una delle tante baraccopoli povere ai margini della cittadina che è uno dei simboli della disuguaglianza sociale che attanaglia il Kenya e che rende ancora poco sostenibile il suo sviluppo economico.
A Migori da qualche anno viene estratto l'oro, tanti ragazzi di quei sobborghi lavorano nelle miniere, che poi non sono vere e proprie miniere, ma tunnel stretti e bui nei quali per l'appunto ci si infilano meglio gli adolescenti.
Ogni tanto alcuni di loro rimangono intrappolati e così sia.
Altri invece si fanno furbi e cercano di trattenersi qualche ricordino, ma vengono spesso beccati e licenziati.
Nello slum di Rapogi niente luccica e il piatto di legumi quotidiano è un miraggio che spesso costringe alla sola polenta.
Padre Paul ogni domenica indossa i paramenti liturgici e dice messa per questa gente.
Da tempo si è accorto che alle funzioni religiose mancano proprio le nuove generazioni, quelle che più risentono della povertà e che sfogano la rabbia di non avere un futuro in atti teppistici, bruciando le scuole (la zona di Homa Bay, il capoluogo di riferimento conta ormai un incendio alla settimana) ed abbracciando la microcriminalità e la droga.
Così Padre Paul, quarantacinquenne appassionato di musica moderna, ha deciso di abbinare alla messa tradizionale, nella sua chiesa di Santa Monica, una serie di "prediche rap". Smette i panni del parroco tradizionale, ripone la stola e al suo posto indossa una vistosa bandana colorata e una camicia casual.
Alza il volume degli speaker, fa partire la base e inizia a rappare, muovendo le mani come i celebrati artisti del panorama nazionale: Octopizzo, Kaligraph Jones, Diamond Platnumz.  Le sue filastrocche ritmate convocano Dio e Gesù cristo in quelle strade povere e cercano di smuovere le giovani coscienze chiedendo loro di andare incontro alla speranza, alla vita, senza attenderla mollemente e subirla passivamente, per poi sfogarsi in maniera sterile e autolesionista.
Così in poco tempo Padre Paul Ogalo, con il soprannome di "Father Masaa" o anche "Sweet Paul", ha richiamato molti più adolescenti e in generale più persone alle funzioni domenicali. Arrivano anche dagli altri slum e dai villaggi in campagna.
Tutto questo bailamme e l'accompagnarsi con la nuova "musica del diavolo" (che una volta era il blues, sic!) non è piaciuto alla Diocesi di Homa Bay, che ha subito informato il Vescovo di Kisumu della condotta poco ortodossa (o meglio dire, poco cattolica) di Padre Paul, chiedendone la sospensione fino a che il parroco non si fosse ravveduto e fosse tornato a pronunciare prediche in maniera tradizionale, al limite gospel. 
Qualche giorno fa Padre Charles Kochiel, Vicario del Tribunale interdiocesano di Kisumu, terza città del Kenya, ha confermato la sospensione a tempo indeterminato per il prete rapper.
"Io non mi fermo - ha dichiarato Sweet Paul - questo è il modo più diretto per arrivare ai miei ragazzi e toglierli dalle lusinghe della strada. E' una dottrina in cui credo e in cui metto passione".
Vallo a spiegare a chi ancora collega il significato di "passione" alla sofferenza di Cristo sulla croce.
Oggi la sofferenza si rivela in maniere più nascoste, subdole e nocive per la società e per le future generazioni, e bisogna combatterla con un linguaggio nuovo, non solo con la preghiera e il buon esempio. 
E se deve essere rap, che magari non è un granché come musica ma è sicuramente il linguaggio internazionale più vicino ai giovani d'oggi, ben venga.
Yo, Yo Father Paul!

TAGS: padre rap kenyapaul ogalo rapprete rapperparroco rapprete kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

E' ufficiale: Malindi ha un nuovo Console Onorario Italiano. 
E' Ivan Del Prete, 43 anni, connazionale residente a Malindi dal 1997 e già da tempo attivo volontariamente nel garantire la sicurezza ai nostri connazionali a Malindi, Watamu e Mambrui. 

LEGGI TUTTO

Tragica fatalità sulle strade della costa keniana.
Una pensionata modenese dedita a progetti sociali, Giuseppina Bellelli di 66 anni, è morta a causa delle ferite riportate in un incidente stradale avvenuto ieri nei pressi di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una visita di due giorni sulla costa per consegnare due importanti riconoscimenti ai Consoli Onorari di...

LEGGI L'ARTICOLO

S'intitola "Mogadishu before and after the war" (Mogadiscio prima e dopo la guerra), l'interessante mostra fotografica della giornalista e scrittrice indiana Rasna Warah con foto anche dell'italiano Lino Marano che come tanti altri residenti italiani di Malindi di oggi, hanno vissuto nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindikenya.net informa tutti i connazionali in villeggiatura a Malindi e nelle cittadine della Contea di Kilifi che il Consolato Onorario di Malindi sarà chiuso fino al 2 gennaio prossimo.
Per...

LEGGI TUTTA L'INFORMAZIONE

Malindikenya.net informa tutti i connazionali in villeggiatura a Malindi e nelle cittadine della Contea...

LEGGI L'INFO

Centoquindici persone, montagne di spaghetti all'Amatriciana offerti dalla casa insieme con ostriche e provola.
Lo spettacolo di Freddie e la musica di Sbringo, ma soprattutto la generosità degli italiani di Malindi che in una sola sera, per dare il via...

LEGGI TUTTO

Una casa di 70 metri quadri costruita con 10 mila bottiglie e un po' di cemento a Malindi. Il progetto, mutuato da idee simili realizzate in Nigeria e Bolivia, è opera dell'italiano Oliviero Franceschi La Bottle House di Malindi sorge...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cinquantadue anni di Kenya, di cui venti passati a dire messa e aiutare i fedeli di Witu e Kipini, villaggi tra Malindi...

LEGGI L'ARTICOLO

Un devastante incendio è divampato nella tarda mattinata di oggi a Watamu. Sembrerebbe essersi propagato da un

LEGGI L'ARTICOLO

"Un evento unico, storico per Malindi che ha dato una forte scossa all'economia della cittadina in questi giorni".
Questo è il commento a caldo di Roberto Marini, proprietario dell'Ocean Beach Resort di Malindi, che ha allestito la conferenza internazionale ASAL...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno degli artisti pop keniani del momento sarà eccezionalmente in concerto sabato sera, 17 febbraio al Papa Remo Beach di Watamu.
Il rapper di Mombasa Otile Brown, ormai una star in tutto l'Est Africa, si esibirà nell'ambito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Disavventura che si poteva rivelare fatale per una turista italiana che aveva deciso di viaggiare in automobile...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno scambio di auguri natalizi con i parroci di Malindi, Watamu e Mida, la Santa Messa insieme e poi un piccolo rinfresco alla presenza del Console Onorario Italiano. Un tradizionale appuntamento prenatalizio per la comunità cattolica della costa keniana e anche...

LEGGI TUTTO

Un incontro istituzionale ma informale, un momento di conoscenza comune in cui il massimo esponente istituzionale italiano in Kenya ha voluto conoscere i propri connazionali di stanza nella Contea di Kilifi e in particolare a Malindi.
L'Ambasciatore...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

“Questa iniziativa ha confermato la nostra volontà di coinvolgere, supportare o affiancare le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO