Ambiente

AMBIENTE

Discarica Malindi: NEMA chiede misure immediate

Smistamento, recinzioni e sorveglianza: Contea Kilifi: "Agiremo subito"

03-02-2021 di Leni Frau

Una perlustrazione in loco da parte dei vertici nazionali della National Environmental Management Authority (NEMA) ovvero il massimo ente governativo dell’ambiente ha messo in allarme le autorità di Kilifi sull’urgenza di intervenire per migliorare la situazione della discarica di Malindi.
I funzionari della NEMA, guidati dal Direttore John Koncellah, hanno sottolineato lo stato deplorevole in cui versa la discarica cittadina, che serve anche Watamu e Magarini, e il pericolo che rappresenta per la salute dei residenti e dei turisti.
Come già segnalato da tanto tempo, prima con reiterate segnalazioni, poi con una petizione di associazioni cittadine, la discarica doveva essere recintata e sorvegliata, per evitare scarichi illegali e soprattutto le pratiche di bruciare qualsiasi materiale soprattutto di notte.
Fondamentale è infatti, come ha ribadito la NEMA, lo smistamento dei rifiuti per poi smaltirli in modo differente, evitando fumi tossici e dispersione nel terreno e nell’ambiente.
“La situazione è problematica – ha detto Konchellah alla stampa – ed è compito della Contea attuare le disposizioni necessarie in base a regolamenti già in essere. Non è la NEMA che deve occuparsene”.
Si attendono quindi le mosse immediate della Contea di Kilifi che per voce del dirigente del comitato esecutivo per l’Ambiente, Karisa Mwachitu, ha fatto sapere che sono già state predisposte misure per gestire correttamente la situazione. Ci si augura che si parta con i correttivi chiesti dalla massima autorità nazionale, ovvero recinzione della discarica, smistamento e controlli.
Certo è che anche il Governo si è reso conto in questi giorni, venendo a Malindi per celebrare la giornata mondiale delle terre umide (ieri alla foce del Sabaki era presente anche il Ministro dell’Ambiente Keriako Tobiko) che bisogna agire in fretta.

TAGS: discarica malindimalindi spazzaturamalindi ambienteNEMA Kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il supermercato Nakumatt di Malindi, all'interno del centro commerciale Oasis Mall in Lamu Road, è da ieri il punto di raccolta istituito dalla NEMA per i sacchetti di plastica ed ogni altra borsa o prodotto leggero di polietilene.
Chiunque abbia...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Niente perquisizioni o sanzioni della polizia in Kenya per i sacchetti di plastica.
Con una comunicazione riportata dalla Kenya Tourist Federation, la National Environment Management Authority (NEMA), l'organo che si occupa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La National Environment Management Authority, braccio esecutivo del Ministero dell'Ambiente keniano, ha presentato la sua proposta per vietare la produzione e la distribuzione delle bottiglie di plastica nel Paese, a partire dal prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il bando del Kenya al polietilene non sarà totale.
Lo ha dichiarato ieri il Vice Ministro dell'Ambiente Charles Sunkuli.
Uno dei ricorsi di produttori e consumatori di sacchetti di plastica contro l'applicazione definitiva del decreto firmato dal Governo lo scorso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non solo plastica e derivati, la Contea di Kilifi ha chiesto alla massima autorità governativa dell'Ambiente, la NEMA, di intervenire per...

LEGGI L'ARTICOLO

Tra una settimana, lunedì 28 agosto, il Kenya dovrebbe annunciare l'entrata in vigore del bando ai sacchetti di plastica.
La svolta ambientalista del Paese è stata decisa sei mesi fa, il 28 febbraio 2017, e dovrebbe essere operativa appunto dal prossimo lunedì. LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il movimento Malindi Green And Blue e i suoi clean up, le giornate di pulizia mensile, hanno...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche l'ultimo appello in Corte dei produttori keniani di sacchetti e borse di polietilene è stato respinto.
Da domani entrerà in vigore la legge che mette definitivamente al bando in Kenya i sacchetti di plastica.
Il comunicato ufficiale si può...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

L'Alta Corte del Kenya ha sospeso il divieto da parte della National Environment Management Authority (NEMA) per le...

LEGGI L'ARTICOLO

Kenya, dopo aver vietato la fabbricazione, l'importazione e l'utilizzo di sacchetti di polietilene dallo scorso 28 agosto, il Governo sta pensando anche di vietare le bottiglie di plastica.
L'annuncio è stato dato da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Evviva, anche in Kenya non sempre gli interessi economici hanno la meglio sul buon senso e sulla salvaguardia del pianeta e dei suoi abitanti, dell'ecosistema e...

LEGGI L'ARTICOLO

Un’altra grande operazione del movimento Malindi Green And Blue per la propria cittadina che in questi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un gruppo sostanzioso di residenti di Malindi ieri si sono ritrovati alla foce del fiume Sabaki per una ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Per la dodicesima volta consecutiva ogni mese, più altre iniziative estemporanee, il movimento Malindi Green...

LEGGI L'ARTICOLO

L’organo esecutivo del Ministero dell’Ambiente del Kenya, la NEMA, ha rifiutato di approvare il piano...

LEGGI L'ARTICOLO