Ambiente

NATURA

Khadzonzo, il gatto keniano da proteggere

Detto anche gatto Sokoke, è raro e ormai mescolato

15-08-2021 di Leni Frau

Le tribù Mijikenda lo chiamano “Khadzonzo”, parola che richiama il loro manto a chiazze, ed è il vero gatto autoctono della costa del Kenya.
Originario della foresta di Arabuko Sokoke, viene conosciuto con il nome di Sokoke Forest Cat, o gatto di razza Sokoke.
Gli esemplari puri di questa razza sono sempre meno.
Oggi il Khadzonzo soffre dell’arrivo e della mescolanza con altre specie d’importazione e forse anche più belle e armoniche, col pelo lucido, il muso più arrotondato e le orecchie meno aguzze. Ma il gatto Sokoke resta una delle specie da proteggere.
Era già considerata rara quando alcuni inglesi di Watamu addomesticarono, una cinquantina d’anni fa (senza troppi problemi) alcuni esemplari di Khadzonzo della foresta. Dopo svariati anni la razza sokoke è stata riconosciuta dalle associazioni animaliste mondiali.
I primi italiani non residenti, arrivati in buon numero sulla costa all’inizio degli anni ottanta che acquistavano grandi ville con giardino ed erano soliti trascorrere le vacanze invernali, specialmente a Malindi, portarono i loro amati felini domestici dall’Italia, ma molti trovarono già parecchi Khadzonzo in giro per la cittadina e li accolsero nelle loro case.
Il gatto sokoke è molto attivo, predilige gli insetti come cibo proteico, si arrampica benissimo (retaggio della sua vita di foresta) ed è socievole con altri animali domestici. Emette un miagolio piuttosto acuto e insistente e questa caratteristica ne fa a volte un elemento di disturbo, ma se passa molto tempo all’aperto è in grado in poco tempo di rendersi indipendente pur rimanendo un “gatto” di casa e cercando il rapporto con l’uomo che se ne prende cura e con i bambini. La sua vita, in media, dura circa 15 anni.

TAGS: gatti kenyaanimali kenyaforesta kenyasokoke

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Gli ambientalisti si muovono per evitare uno scempio che potrebbe riguardare "casa nostra", ovvero l'Arabuko Sokoke Forest, che si estende da Gede a Matsangoni, lungo la strada Malindi-Mombasa dove ci sono anche gli ingressi per i turisti, fino a buona...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra i servizi importanti di Malindi che non chiudono per ferie, c'è da segnalare quello per i...

LEGGI L'ARTICOLO

La foresta di Arabuko Sokoke è la più antica, grande e intatta foresta pluviale dell'Est Africa, un polmone essenziale di natura verde che si estende per 420 chilometri quadrati nella zona della costa nord del Kenya tra Kilifi, Gede e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La foresta di Arabuko-Sokoke, che si estende tra l’entroterra di Malindi e quello di Watamu e Kilifi, è stata inserita nelle riserve della ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La maggior parte dei viaggiatori che vogliono portare in Kenya animali domestici, si riferiscono a cani e gatti.
Innanzitutto, prima di acquistare un biglietto, assicurarsi che la compagnia aerea accetti animali a bordo o nella stiva.
Specialmente i voli charter sono...

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

La foresta intorno al Monte Kenya, uno dei paradisi e simboli della Natura in Kenya, sta bruciando ininterrottamente da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato. L'inevitabile progresso che sta arrivando anche nelle cittadine turistiche costiere di Malindi e Watamu, con i relativi problemi di deforestazione per costruire nuove abitazioni...

LEGGI TUTTO

Con la nuova strada asfaltata che collega Malindi all'ingresso del Parco Nazionale dello Tsavo (completata...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Tre decenni or sono, quando i primi occidentali iniziavano a frequentare assiduamente il Kenya e a stabilirsi, con le famiglie e con le loro abitudini "moderne", i keniani ci guardavano spesso come persone eccentriche, per non dire come matti.
Non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un nuovo negozio a Malindi per gli amici a quattro zampe a Malindi.
Al Vera Cruz Complex in Lamu Road (di fronte al Malindi Complex) ha aperto "Cat & Dog Food", un rivenditore autorizzato "Skinner’s", leader inglese nella produzione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Malindi, nella centralissima strada commerciale Lamu Road, a due passi da banche, bar e...

LEGGI L'ARTICOLO

Venti chilometri prima di Malindi, dopo i villaggi di Chumani e Matsangoni, s'incontra l'insenatura di Mida, caratterizzata da foreste di mangrovie, piante le cui radici sono in acqua salata. 
A Mida si possono osservare specie molto rare e affascinanti di...

LEGGI TUTTO

Oltre settanta ettari della splendida e incontaminata foresta di Aberdare, a sud dell'area di Kinangop, bruciano...

LEGGI L'ARTICOLO

Le temperature più fredde del solito nel luglio della costa keniana e la diminuzione del flusso...

LEGGI L'ARTICOLO

La Contea di Kilifi da oggi è in mostra per tre giorni al TTG di Rimini.
Il Governo della regione a nord di Mombasa, che ha in Kilifi il suo capoluogo e in Watamu, Malindi, Mayungu e Mambrui le sue...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya si conferma sempre più terra di rarità faunistiche che resistono ai danni della civilizzazione estrema e a...

LEGGI L'ARTICOLO