Ambiente

SPECIE RARE

La piccola antilope della costa keniota a rischio estinzione

Dove vive ancora il rarissimo cefalofo di Aders

11-12-2023 di Leni Frau

I swahili lo chiamano “Nunga”, mentre per i giriama della costa è “Harake”, forse perché è abile e veloce a sparire (haraka significa proprio “velocemente”). In realtà l’unica sparizione che preoccupa questo animale, che all’anagrafe biologica risulta chiamarsi “Cefalofo di Aders”, è quella della specie dalla faccia della terra.

L’allarme è quello degli animalisti nell’Africa orientale, perché questa specie di erbivoro minuto, una sorta di antilope nana ma più grande del Dik Dik (può misurare fino a 70 cm di lunghezza e 30 di altezza), rischia seriamente di scomparire e nelle zone costiere del Kenya e sull’isola di Zanzibar, le sue uniche zone di riproduzione, se ne vedono sempre meno, a causa della cementificazione turistica e del disboscamento.
Il cefalofo di Aders, con il suo bel manto lucido dal colore rosso fulvo, ama muoversi nei boschi non lontani dal mare, dove il terreno è corallino. La sua caratteristica è cibarsi di piccole erbe di roccia, di insetti che si annidano in questo tipo di terreno e dei resti di cibo aereo lasciati dalle scimmie, che seguono spesso e volentieri.

Una delle zone in cui ormai non se ne vedono quasi più, a differenza di una ventina d’anni fa, è la foresta Arabuko-Sokoke di Gede, rimasta ancora uno dei pochi intaccati microclimi e fazzoletti di sostenibilità ambientale. Ma anche la foresta è minacciata e i gruppi ambientalisti sono sempre sul “chi vive” (Friends of Arabuko Sokoke è un’associazione a cui chiunque tiene alla bellezza e alla natura di Watamu, Malindi e dintorni dovrebbe iscriversi, anche solo per aiutare il loro volontariato con la quota associativa. (Per informazioni: https://friendsarabukosokoke.org/).

La crisi economica del paese e la povertà della gente della costa non aiuta, ovviamente. Come il Dikdik, anche il cefalofo di Aders è minacciato dalla caccia di chi vuole catturarli per nutrirsi e non fa certo differenza tra una specie rara ed una normale.

La speranza di sopravvivenza del piccolo esemplare è data dal ritrovamento di alcune famiglie nella foresta di Boni, a nord del Kenya, al confine della Somalia. Alcuni gruppi di ambientalisti vorrebbero trasferirli nell’Arabuko o ripopolare la costa sud, l’isola di Funzi e quella di Wasini, di cefalofi.
Ma penetrare nella foresta di Boni, tristemente nota per la presenza dei terroristi di al-Shabaab, che qui allestiscono campi di addestramento paramilitare, non è facile e per le forze dell’ordine keniane la sopravvivenza del cefalofo di Aders, è l’ultimo dei pensieri.

Non resta che fare il tifo per la sua attività sessuale, per la generosità delle scimmie e per la salvaguardia delle ultime foreste di questo paese, che nascondono meraviglie del mondo animale e vegetale.

TAGS: animaliestinzionearabuko sokokeantilope

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un leopardo si aggira nella foresta di Arabuko Sokoke, la vasta macchia verde che si estende dal Mida Creek fino...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli ambientalisti si muovono per evitare uno scempio che potrebbe riguardare "casa nostra", ovvero l'Arabuko Sokoke Forest, che si estende da Gede a Matsangoni, lungo la strada Malindi-Mombasa dove ci sono anche gli ingressi per i turisti, fino a buona...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le tribù Mijikenda lo chiamano “Khadzonzo”, parola che richiama il loro manto a chiazze, ed...

LEGGI L'ARTICOLO

La foresta di Arabuko Sokoke è uno dei più importanti ed estesi polmoni verdi della costa del...

LEGGI L'ARTICOLO

Benchè difficilissimo da avvistare, un altro animale selvatico è da contare nel novero di quelli che si possono...

LEGGI L'ARTICOLO

C’è anche un’antilope presente solo nello Tsavo Est e Ovest in Kenya, tra le ...

LEGGI L'ARTICOLO

La foresta di Arabuko Sokoke è la più antica, grande e intatta foresta pluviale dell'Est Africa, un polmone essenziale di natura verde che si estende per 420 chilometri quadrati nella zona della costa nord del Kenya tra Kilifi, Gede e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con la nuova strada asfaltata che collega Malindi all'ingresso del Parco Nazionale dello Tsavo (completata...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

La foresta di Arabuko-Sokoke, che si estende tra l’entroterra di Malindi e quello di Watamu e Kilifi, è stata inserita nelle riserve della ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato. L'inevitabile progresso che sta arrivando anche nelle cittadine turistiche costiere di Malindi e Watamu, con i relativi problemi di deforestazione per costruire nuove abitazioni...

LEGGI TUTTO

La carne degli animali di savana, la cosiddetta "game meat" da sempre costituisce un'attrazione, una leggendaria passione per gli appassionati carnivori che vogliono assaggiare un cibo esotico e allo stesso tempo sentirsi "avventurieri" del gusto. Una tradizione che fino a...

LEGGI TUTTO

Se volete ammirare la rara antilope acquatica Sitatunga, c’è solo un parco in Kenya dove potete andare, ed è il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C’è un business nel sottobosco tra Malindi e Watamu che negli ultimi anni ha dato lavoro ad oltre...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya si conferma sempre più terra di rarità faunistiche che resistono ai danni della civilizzazione estrema e a...

LEGGI L'ARTICOLO

Le temperature più fredde del solito nel luglio della costa keniana e la diminuzione del flusso...

LEGGI L'ARTICOLO

Watamu ha portato alto il suo nome di destinazione mondiale di pesca d’altura, rappresentando il...

LEGGI L'ARTICOLO