Ambiente

AMBIENTE

Perchè le palme della costa sono a rischio

Clima e spillatori le uccidono: come salvarle

29-03-2022 di Freddie del Curatolo

Hanno sempre rappresentato una certezza per gli abitanti della costa e del suo immediato entroterra, e adesso anche loro iniziano a soffrire per via dei cambiamenti climatici e del poco rispetto che l’uomo ha di loro. Stiamo parlando delle palme, le piante più rappresentative per gli stranieri dell’idea di esotismo, di vacanza ma soprattutto piante vitali che possono risolvere gran parte dei problemi della popolazione locale.
In primis perché grazie alle noci di cocco, chiamate “madafu” ci si può nutrire con la loro polpa fresca e dissetarsi nei periodi di siccità con la sua acqua ricca di minerali. Con il frutto seccato invece si può ricavare una polvere che può arricchire i piatti poveri e soprattutto, bagnandola con acqua o latte, ottenere una panna cremosa che dà gusto e proteine nei sughi di carne e di pesce, nei fagioli, e nelle verdure.
Le palme però sono fondamentali anche per le loro foglie che, una volta seccate, costituiscono con i cosiddetti “makuti” (fasci di foglie secche intrecciati a divenire tegole) i tetti di buona parte delle abitazioni locali, dalle capanne di fango alle grandi ville della fascia litoranea e dell’entroterra fino a cento chilometri e più.
Dal cocco si ricava anche l’olio che può essere sia utilizzato per cucinare (ed in questo periodo con l’aumento dei prezzi dell’olio di semi diventa ancora più importante), sia per uso cosmetico.
C’è un quarto aspetto, poco considerato ma molto diffuso e che di questi tempi più criticato del solito: dalla linfa delle palme si ricava il cosiddetto vino di palma o “mnazi”.
Il vino di palma è la bevanda popolare più utilizzata dalle tribù Mijikenda della costa, tradizionalmente bevuto durante cerimonie come matrimoni e funerali. Se sorbito fresco, appena spillato, è moderatamente alcolico (kajama) e abbastanza insapore, mentre più fermenta, più diventa acido, alcolico e nocivo. L’abuso di mnazi può portare a stati di trance, allucinazioni e l’utilizzo prolungato dare coma etilico.
In questi tempi gli spillatori di mnazi sono nell’occhio del ciclone perché è stato dimostrato che le palme da cocco si seccano maggiormente durante la stagione torrida e rischiano di perdere la loro produttività e addirittura di morire.
“Le palme da cocco sono un mezzo di sostentamento per la maggior parte dei residenti della regione della Costa – ha detto un esponente degli spillatori - Tuttavia, le dure condizioni climatiche ci hanno inferto un duro colpo. La maggior parte delle piante si stanno seccando. Temiamo che questo possa significare la fine del business dei mnazi. I nostri figli potrebbero anche perdere l'importanza culturale del vino di palma”.
Pur rispettando questo aspetto delle tradizioni locali, sarebbe bene che la cultura delle popolazioni costiere fosse tutelata in altri campi la cui deriva è meno distruttiva.
Ad esempio, molti residenti dal business del mnazi sono passati alla conservazione delle mangrovie, all'apicoltura e alla pesca.
Grazie al supporto del dipartimento dell'ambiente della contea e del Kenya Forest Service, alcuni dei residenti hanno formato una Community Based Organization, il Mwachideko Self-Help Group, per aiutare le loro nuove imprese.
Non “spremere” le palme e allo stesso tempo ripiantare le mangrovie, piante della vita per la costa keniana, potrebbe essere una soluzione non solamente salutare per l’ambiente, ma soprattutto per l’ambiente.

TAGS: palme kenyaclima kenyacoccoambiente kenyamangrovie

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La tutela dell'ambiente marino del Kenya e del suo ecosistema ha ricevuto l'importante appoggio di una star del cinema hollywoodiano.
Leonardo...

LEGGI L'ARTICOLO

Una speciale carta d’identità per distinguere i pescatori kenioti autentici e in possesso di ...

LEGGI L'ARTICOLO

"Muhogo wa Nyama" (carne con cassava) è un piatto tipico della cucina keniana. La cassava è un tubero del tutto simile alla comune manioca, viene usato per fare la farina o come le patate, sia fritta che stufata. Il suo...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

I fagioli al cocco (maharagwe za nazi) sono un piatto povero ma gustoso ed energetico della tradizione dell'etnia mijikenda che popola la costa keniana.
A secondo di chi lo prepara, dei gusti e dell'abbondanza di fagioli, può essere cucinato come...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Piantare le mangrovie, curarle e proteggerle tradizionalmente è un...

LEGGI L'ARTICOLO

Riforestare per il clima e allo stesso tempo ovviare alla fame e alla carenza vitaminica di migliaia di keniani...

LEGGI L'ARTICOLO

"Samaki wa kupaka ya nazi", ovvero letteralmente "Cubetti di pesce al cocco" è un piatto della tradizione swahili del Kenya, che utilizza varie spezie di antica provenienza indiana per dargli sapore. Una versione molto gustosa prevede il "madras", quella più...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Gamberi masala al cocco.
Ecco una classica ricetta che dal sud dell’India è arrivata alla costa swahili più di cento anni fa ed è oggi un piatto consumato anche dalla popolazione locale, e spesso nei chioschi del lungomare di Malindi...

LEGGI LA RICETTA

Domenica 20 Settembre, Karibuni Onlus e tre Rotaract Club (Malindi, Watamu e Mombasa) hanno partecipato alla riforestazione della foresta di mangrovie di Mida Creek (Kenya). Il progetto è stato finanziato dal Rotaract Club di Cantù, grazie alla super attiva presidente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I "Vibibibi" sono pancake locali a base di riso e latte di cocco.
"Vibibibi" in kiswahili significa "signorine".
Nella tradizione della costa keniana sono utilizzati in particolare a colazione o come antipasto dolce prima del pranzo.
C'è chi li apprezza anche...

LEGGI QUI LA RICETTA

La cucina swahili del Kenya, come si sa, è un misto delle culture e dei popoli che sono approdati sulla costa, e dei prodotti del territorio che hanno imparato ad usare. L'esempio è offerto dall'utilizzo del cocco per bollire e...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Il mio cuore batte all'impazzata quando sono immerso nella natura del Kenya.
Mi faccio cullare dal vento sul mare e metto la testa in su come un bambino.
Guardo le palme che ondeggiano, che si ritagliano uno spazio tra il...

LEGGI TUTTO

Davanti ad un mare che a Malindi in questo periodo regala emozioni e tonalità di blu incomparabili, cullati dal vento che mormora tra le palme in un'atmosfera magica e rilassante, la domenica all'Osteria Mare con il buffet dello chef Walter...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questo disgraziato periodo in cui la pandemia da sei mesi a questa parte sembra aver cambiato ...

LEGGI L'ARTICOLO

Domani, martedì 8 giugno, in tutto il mondo si celebra la Giornata Internazionale degli oceani, istituita nel 1992. Il tema...

LEGGI L'ARTICOLO

La noce di cocco è il frutto della palma di cocco,nome scientifico Cocos nucifera, una pianta appartenente alla famiglia delle Arecaceae e originaria dell’Indonesia ma grazie alla capacità delle noci di cocco di galleggiare sull'acqua marina e di mantenere la capacità di germogliare dopo addirittura...

LEGGI TUTTO