Ambiente

NATURA

Safari "elettrici", perchè sono tutt'altra cosa

Azienda keniana-svedese converte i fuoristrada

23-08-2021 di Leni Frau

Safari “elettrici” nella riserva del Maasai Mara, paradiso numero uno nel mondo per gli amanti della natura selvaggia.
Ma l’elettricità non è solo quella delle forti emozioni che arrivano al cuore con una carica di bellezza e coinvolgimento, si tratta dell’introduzione, da parte di una società keniana-svedese, dei primi fuoristrada con motore elettrico. Una rivoluzione che potrebbe cambiare il modo di fare safari e allo stesso tempo proteggere ulteriormente animali e ambiente.
Senza contare il risparmio: le batterie in ricarica (anche eventualmente con un generatore) garantiscono un risparmio di quasi la metà delle spese di locomozione, senza considerare che il prezzo del carburante è in continuo aumento e che è allo studio la possibilità di caricare le batterie utilizzando i pannelli solari, attivando così un circuito totalmente ecosostenibile.
L’azienda Opibus, fondata nel 2017 a Nairobi, si è specializzata nella conversione di veicoli da safari, sia diesel che benzina, all’energia elettrica. Quindi non si tratta di nuovi fuoristrada, ma si può rendere “ibrido” o completamente elettrico un Land Cruiser della Toyota o una Land Rover.
Così sono apparse le prime Land Cruiser e gli animali sembrano averle battezzate nella maniera migliore. Come racconta il driver e guida turistica specializzata Sylvester Mukenye all’agenzia Reuters: “Guidando in silenzio, ovviamente ci si può avvicinare molto di più agli animali, specialmente agli elefanti, perché non essendoci vibrazioni sul terreno né fumi del combustibile nell’aria, sono meno disturbati ed è capace anche che si avvicinino con curiosità al mezzo”.
Così, racconta Mukenye, avviene con i leoni ed altre specie animali.
In poco tempo, come conferma la Opibus, sono già 10 in Kenya i veicoli “off road” convertiti e alimentati interamente da batterie elettriche, di cui tre già operativi nel Maasai Mara.
L’azienda di Nairobi, per la conversione, utilizza quanto più possibile materiali fabbricati in Kenya.
Chi lavora nel campo dei safari, ama la natura e la sua conservazione come dice e vuole vivere e far vivere esperienze ancora più intense e vere ai suoi clienti, faccia un pensierino almeno all’ibrido.

(foto tratta dalla pagina Facebook di Opibus)

TAGS: safari kenyaelettrico kenyaecosostenibilità kenyamaasai mara

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Voli diretti da Nairobi al Maasai Mara, anche con un aereo da 37 posti (il Dash 8-300) e soprattutto senza prezzi da...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche quest'anno il Maasai Mara è la migliore riserva di tutto il Continente africano, e Diani Beach la migliore spiaggia.
Questo è emerso dalle premiazioni dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La più prestigiosa rivista internazionale (e canale televisivo) di Natura ha stabilito che il...

LEGGI L'ARTICOLO

La classifica è stata stilata dalle più importanti associazioni per la tutela dell'ambiente del mondo: la riserva keniota del Maasai Mara è stata ritenuta una delle quindici meraviglie del mondo da salvaguardare.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ di un fotografo italiano la più bella foto nel Maasai Mara del 2020.
Paolo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il più resort più di lusso del mondo si trova in Kenya.
Così...

LEGGI L'ARTICOLO

Un piacere in più nella meraviglia. Quest'anno per i safari in Kenya è stato il boom di richieste di cene o aperitivi nel mezzo della Savana.
Un modo in più per godersi una situazione indimenticabile, non solo durante i "game...

LEGGI TUTTO

Che bello il safari in Kenya accompagnato da un gesto di solidarietà. 
A far vivere ai turisti questa doppia emozione Luca Macrì ci ha sempre tenuto ...

LEGGI TUTTO

Ventisei esemplari di elefanti morti per cause non naturali ma non legate direttamente al bracconaggio.
Questo il preoccupante bilancio redatto dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per la sesta volta di fila la riserva nazionale keniana del Maasai Mara ha vinto il premio "Africa Leading National Park" del World Travel Awards.
La cerimonia 2018 del venticinquesimo WTA si è tenuta ieri a Durban, in Sudafrica e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Maasai Mara “fully booked” in questi giorni per la grande migrazione degli gnu.
Sembra di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Se n’è andato da vero Re.
Senza che nessuno lo...

LEGGI L'ARTICOLO

Kenya sul podio dei paesi africani per quanto riguarda le prenotazioni per le vacanze estive.
La statistica, pubblicata dal sito Allafrica.com, pone il Kenya in un'assoluta posizione di ripresa, superando quest'anno anche il Sudafrica e il Marocco, in quanto a...

LEGGI TUTTO

Chissà se qualche esemplare, tra le migliaia di gnu che si stanno spostando dal Parco del...

LEGGI L'ARTICOLO

La recente visita in Kenya del miliardario cinese Jack Ma, inventore del colosso mondiale delle vendite online Alibaba.com, sembra avere scatenato un ulteriore “effetto safari” sul popolo cinese e specialmente su quella fascia medio-alta di turismo che negli ultimi anni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO