Ambiente

AMBIENTE

Un'altra iniziativa italiana per il Nairobi National Park

Il ranger onorario Elisabetta Levis porta le donne masai nel parco

05-04-2022 di Freddie del Curatolo

Il Nairobi National Park, che alcuni mesi fa ha festeggiato 75 anni di attività come riserva nazionale naturalistica del Kenya, è una delle peculiarità da proteggere ed ha una sua unicità preziosa: è l’unico habitat di animali selvatici in libertà al mondo all’interno di una metropoli.
Abbiamo già parlato delle associazioni che si adoperano per la conservazione di questo piccolo ma significativo patrimonio e dei ranger onorari italiani che ne seguono passo passo le vicissitudini, le problematiche e l’adattamento alle esigenze dell’epoca moderna e della crescita esponenziale di Nairobi.
Da questo punto di vista è importantissimo il coinvolgimento della popolazione locale che vive a diretto contatto con il parco e abita a suoi margini.
Lo scorso 19 marzo noi di Malindikenya.net eravamo all’interno del parco, incontrando l’associazione Friends of NNP e il gruppo T3 Kenya, che si occupano tra l’altro di organizzare Clean Up per ripulire le aree del parco a ridosso della fascia urbana e di sensibilizzare la popolazione limitrofa sul riciclo dei rifiuti che altrimenti, inesorabilmente, vengono spinti all’interno, inquinando i luoghi dove ogni tipo di animale del parco può venirne in contatto.
Abbiamo anche potuto verificare l’ottimo lavoro promosso da un gruppo di conservazionisti e amanti della natura, tra cui quattro ranger onorari italiani del KWS, Olga Ercolano, Massimo Vallarin, Annabella Francescon ed Elisabetta Levis, che hanno raccolto fondi per costruire una barriera di piante tra il parco e la nuova tangenziale, il Southern Bypass e proteggere in questo modo gli animali selvatici e la natura di questo storico polmone e punto di riferimento per residenti e turisti nella capitale.
In questi giorni, alle lodevoli attività portate avanti, si è aggiunta l’iniziativa di Elisabetta Levis, che oltre ad essere Honorary Warden del KWS e guida professionista di safari, è cofondatrice dell’Associazione Italiana Esperti d’Africa (AIEA).
Elisabetta ha accompagnato in safari con un bus, nel Parco Nazionale di Nairobi, 60 donne Maasai che vivono nelle aree limitrofe al parco.
“Donne che non hanno ovviamente mai avuto la fortuna di visitare il parco dall’interno – racconta Elisabetta - Questo educational, è servito a mostrare loro la meravigliosa Natura del loro Paese con i suoi animali selvatici ma sotto un altro punto di vista; quello della conservazione e non quello del pericolo incombente su di loro e sul loro bestiame. Come sapete, in Kenya il principale motivo del bracconaggio non è quello lucrativo bensì quello dovuto al conflitto tra uomo e animale”.
E’ un problema che riguarda in particolar modo le zone a ridosso di tutti i parchi e le riserve nazionali, in quanto le comunità locali, con le coltivazioni e gli allevamenti, premono e spesso invadono o si avvicinano troppo alle aree adibite alla vita selvatica.
“Purtroppo a volte sono gli esseri umani a diventare vittime di questo conflitto – spiega Elisabetta - ma, molto più spesso, chi ne fa le spese con la vita sono gli elefanti che vengono uccisi con lance e frecce dai coltivatori e i leoni che vengono avvelenati dagli allevatori.
Il KWS, da anni sta facendo molti sforzi per educare le comunità che vivono in queste aree e, il Parco Nazionale di Nairobi, è una di queste aree dove l’equilibrio tra uomini e animali è molto fragile Così come è importante portare i bambini delle scuole in safari per parlare di conservazione, altrettanto importante è portare le donne e gli anziani, che sono quelli che, a loro volta, contribuiranno insieme all’istruzione, ad educare i giovani”.
Un’iniziativa intelligente e mirata che attraverso il coinvolgimento diretto e la cultura dell’ambiente crea quella consapevolezza che deve partire dai basamenti della nostra società, anche perché non sempre dai piani alti arrivano segnali altrettanto lusinghieri, come evidenzia il caso della linea ferroviaria Nairobi-Kampala che taglia in due il parco e lo deprime non solo esteticamente. Avanti così, ed è bello vedere spesso gli italiani in prima linea per la salvaguardia della bellezza di questo paese.

TAGS: nairobi parkhonorary warden

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Sei mesi fa Malindikenya.net (leggi qui la notizia) aveva raccolto l'appello degli Honorary Warden di Malindi e Watamu (i residenti italiani e locali che aiutano il Kenya Wildlife Service a proteggere la natura e gli animali, far rispettare...

LEGGI TUTTO

Gentile redazione di Malindikenya.net.
Vorrei fare riferimento ad un vostro articolo, pubblicato qualche settimana fa, nel quale si ricordava ai nostri connazionali l’esistenza di leggi ben precise relative a trofei , coralli, conchiglie e quant’altro.
Mi corre l’obbligo, quale Honorary...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Ci sono ben 17 italiani tra i trecento “angeli” volontari che concorrono alla salvaguardia della Natura...

LEGGI L'ARTICOLO

Conchiglie nelle abitazioni keniote: basta una ricevuta del negoziante, o della bancarella (con timbro o dati certi del venditore) e non ci saranno problemi.
Un altro passo avanti per la corretta detenzione di conchiglie nelle case di Malindi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per la sesta volta di fila la riserva nazionale keniana del Maasai Mara ha vinto il premio "Africa Leading National Park" del World Travel Awards.
La cerimonia 2018 del venticinquesimo WTA si è tenuta ieri a Durban, in Sudafrica e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli amici italiani degli animali salvano un leone alle porte dello Tsavo.
Un’avventura straordinaria è accaduta domenica scorsa nella Conservancy del Galana Ranch al confine con il Parco Nazionale dello Tsavo East. 
Una maledetta trappola, piazzata da bracconieri con lo scopo...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Grandi novità per il Parco Nazionale dello Tsavo East, a partire dalla strada che collega Malindi al Sala Gate. I lavori di asfaltatura non sono ancora iniziati ma ora è in ottime condizioni: ben compattata, punti critici livellati e allargata...

LEGGI TUTTO IL SERVIZIO

Cartelli dappertutto per educare turisti e residenti a salvaguardare l'ambiente marino, e bidoni per raccogliere i rifiuti.
La campagna di sensibilizzazione per il rispetto e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche quest'anno il Maasai Mara è la migliore riserva di tutto il Continente africano, e Diani Beach la migliore spiaggia.
Questo è emerso dalle premiazioni dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La voce dei residenti e dei proprietari di case di due zone residenziali di Malindi, sfocia sui quotidiani nazionali e sulle televisioni, secondo un sistema che ultimamente sta dando i suoi frutti, come li può dare anche unirsi per una...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche Malindi ha festeggiato la giornata mondiale dei rangers e lo ha fatto confermando lo spirito di collaborazione tra il Kenya Wildlife Service e la comunità straniera della cittadina.
Alla presenza del Senior Warden Jane Gitau, il KWS si è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu si promuove a Nairobi come destinazione turistica autonoma, con le sue particolarità e le sue strutture e attività.
Tutto questo avverrà da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre al 7th August Memorial Park di Nairobi, nel centro della capitale...

A due passi dalla splendida Silversand Beach, immersa nell'atmosfera tropicale del Coral Key Park, a pochi metri dal mare e affacciata su una 
delle splendide piscine della struttura, è in vendita una prestigiosa ed elegante villa su due piani, completamente arredata.
La villa è...

Sono 64 i parchi e le riserve nazionali del Kenya, che è il Paese del mondo con la più ampia varietà di specie animali in libertà.
Anche la vegetazione varia da parco a parco e con essa il microclima e...

LEGGI TUTTO

Un grosso incendio è divampato intorno alle 13.30, ora locale, nella zona...

LEGGI L'ARTICOLO

Fognature fallate trasportavano acque piene di rifiuti e chissà cosa altro all’interno del...

LEGGI L'ARTICOLO