Amici dello Tsavo

ANIMALI

Primi passi di un cucciolo d'impala nello Tsavo

A tu per tu con le meraviglie del Kenya

15-01-2023 di Giovanna Grampa

A pochi metri dal ciglio di una strada di terra rossa, nel parco dello Tsavo, una giovane impala ha partorito il suo cucciolo da meno di un’ora, all’ombra di un’acacia nella ondulata savana cespugliosa.
Una visione che sorprende il cuore e che ci dona una sensazione di straordinario privilegio: osservare i primi passi di una creatura appena nata dall’aspetto teatrale come una marionetta appesa a fili invisibili. Non ha ancora la forza necessaria per reggersi sulle lunghe e sottili zampe che sembrano di cristallo, pronte a spezzarsi al minimo sforzo eppure, con una cocciuta determinazione il cucciolo cerca di alzarsi.
Dapprima punta le zampe anteriori, per ricadere subito dopo, poi prova con le zampe posteriori: ed ecco il miracolo!
Incespica un po’ e tutto traballante, con un grande sforzo per riacquistare il dominio di sé, si alza e comincia a muovere i suoi primi passi su quelle zampe così incerte e malferme, dopo circa sette mesi trascorsi nel grembo materno.

 

 

Ha un musetto corrucciato ricoperto ancora da frammenti di placenta e sul corpo un pelo folto e lungo qualche centimetro, marrone scuro, tutto bagnato dal liquido amniotico.  La madre lo annusa delicatamente ed inizia a leccarlo con ritmo frenetico per eliminare gli odori suscettibili di attirare i predatori che sono sempre in agguato. Ma il cucciolo vuole assaporare l’aria della savana, avido della nuova vita che lo attende.
Sembra danzare mentre cerca di allontanarsi dalla madre che lo attira subito a sé per continuare a leccarlo con insistenza e una apparente calma che cela solo uno stato di allarme controllato. La creatura poi si affanna alla ricerca delle mammelle materne: l’impresa non è per niente facile. Dapprima passa sotto alla pancia della madre e mordicchia tutto quello con cui viene in contatto, a partire dalle zampe anteriori, ma viene indirizzato dal muso materno ad invertire la posizione e con una giravolta da ballerino, dopo vari tentativi andati a vuoto, si trova finalmente dalla parte giusta. Con fatica, allungando il collo al massimo delle sue possibilità, leggermente piegato sulle zampe anteriori, riesce ad arrivare ad un capezzolo che stringe con avidità ed inizia il suo primo pasto da neonato, sempre dondolando sulle zampe insicure, ma soddisfatto della sua prima conquista. Il musetto ora è decisamente più rilassato e comincia ad assumere l’aspetto accattivante e tenero che contraddistingue tutti i cuccioli appena nati.

 

La scelta del luogo dove l’impala ha deciso di partorire è a dir poco singolare: vicino ad una strada dove, soprattutto in questo periodo, passano molte jeep di turisti e auto private, sotto un’acacia circondata da cespugli secchi dove non è certo agevole per un cucciolo muovere i primi passi. Ma sembra una scelta studiata perché la zona offre così ripari sicuri per proteggere al meglio il nascituro dal momento che i piccoli impala fanno gola a molti predatori. Se uno sciacallo o un babbuino si avvicinano al piccolo la madre può tentare energicamente di scacciarli ma è impotente di fronte ad una iena o un ghepardo. Ed è per questo motivo che, subito dopo il parto, l’impala s’affretta ad ingerire la placenta per non lasciare tracce che richiamerebbero predatori per il piccolo nato. Poi, una volta pulito per bene tutto il pelo, sposterà il cucciolo di qualche metro, ben nascosto nell’erba, allattandolo più volte al giorno, fino a quando non sarà abbastanza cresciuto per riunirsi al branco, dopo qualche settimana.
 



A quel punto avrà perso anche il suo pelo marrone e sarà una fotocopia della madre con il manto di un bel colore rossiccio dorato, solo un po’ più chiaro e verrà allattato per un periodo variabile tra quattro e sei mesi all’interno del branco, protetto da tutte le femmine. I maschi, invece, non si preoccupano affatto di difendere la prole, troppo impegnati nel controllo del loro harem e a scacciare eventuali intrusi pronti a destabilizzare il loro dominio territoriale.
La savana, nel corso degli anni, ci ha regalato innumerevoli emozioni straordinarie, vissute con una passione intensa e tutte hanno lasciato una traccia indelebile ma, l’eccitazione provata davanti ad una nuova vita appena nata, ci ha fatto assaporare l’intensità di quel presente così vivo e speciale. Così le storie si arricchiscono una stagione dopo l’altra come la conoscenza in profondità del fascino della natura, in una terra ricca di bellezza e di emozioni inattese e palpitanti. Lo Tsavo ritorna a vivere per donare il suo massimo splendore: nuovi cuccioli, nuove vite arricchiscono la natura ora così fertile da donare cibo e acqua per tutti, creando le condizioni ottimali per accoppiamenti e future nascite.


 

 

TAGS: tsavosavanaimpalanatura

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Vi siete mai imbattuti in una scena in cui un animale della savana chiede aiuto all’uomo?
Forse in un cartone animato di Walt Disney dove può succedere che un cucciolo di impala, solo e impaurito, incontri in una luminosa giornata...

LEGGI TUTTA LA STORIA

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

Una passeggiata a piedi in mezzo agli erbivori che solitamente si trovano nella savana sconfinata...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Sono stati mesi difficili ma finalmente la savana si è risvegliata da un lungo sonno profondo che durava...

LEGGI L'ARTICOLO

Sarà una stagione da record in termini di presenze per i safari nel parco dello Tsavo?
A giudicare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

A poche ore di automobile da Nairobi, c’è uno dei gioielli più preziosi dell’incredibile diadema delle riserve naturali del Kenya.
Un ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una promozione di tre mesi per far vivere a tutti l'emozione della savana, da Malindi, Watamu e Mambrui.
L'idea di Malindikenya.net che fa parte delle nostre iniziative per rilanciare il turismo, ha trovato la felice partnership di Osteria Swara Camp,...

LEGGI TUTTO

Prendendo in esame parallelamente due statistiche relative all’anno appena trascorso in Kenya, saltano all’occhio numeri contrastanti che apparentemente fanno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Prosegue con successo l'iniziativa di Malindikenya.net e Swara Osteria Camp "Vivi la magica Savana con noi".
(Leggi qui dell'iniziativa e delle condizioni).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una webcam italiana in savana, nello Tsavo Est, per raccontare in immagini le meraviglie del Kenya anche a chi è lontano.
L’idea (e la volontà di realizzarla) è venuta a Nicola Elisei, imprenditore marchigiano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli sforzi fatti fino ad ora per garantire acqua agli animali del Parco Nazionale dello Tsavo e al suo ecosistema potrebbero non bastare.
La savana più vicina alla costa del Kenya rischia l’estinzione in 15 anni, se non si provvede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO