Speciale turismo

TURISMO

Ripresa turismo sulla costa del Kenya, la proposta di Lenzi

Dall'imprenditore italiano idea al Governo per far girare l'economia

28-01-2021 di redazione

Una proposta per incentivare il turismo in Kenya ma allo stesso tempo l’economia che si avvale dei suoi guadagni attraverso le rimesse fiscali dall’altra.
E’ quella che l’imprenditore italiano Roberto Lenzi porterà al tavolo delle istituzioni keniane e dei ministeri interessati (Turismo, Trasporti e Tesoro).
Lenzi ha spiegato a Malindikenya.net di cosa si tratta.
replica watches “Il Covid-19 in Kenya ha messo e sta mettendo a dura prova le aziende alberghiere e di ristorazione specialmente sulla costa che come si sa impiegano migliaia di personale, il che vuole dire migliaia di famiglie. Gli hotel stessi quando sono a buon regime attivano una serie di altri servizi: fornitori, trasporti, elettricità, acqua. Il cosiddetto “indotto” che è tra l’altro composto anche da enti statali e parastatali – è la premessa dell’imprenditore romano, proprietario di due hotel ed altrettanti beach restaurant a Watamu - Attualmente l’unica possibilità di avere clienti nelle varie località tra Diani e Malindi è quella di attingere a al turismo locale, specialmente derivante dalle regioni del Nord, dalla capitale Nairobi e zone limitrofe, dato che la destinazione Kenya, pur essendo aperta e sicura, è di fatto quasi totalmente preclusa all’attività turistica internazionale. Allo stesso modo però, possiamo dire fortunatamente per noi, chi era abituato a viaggiare dal Kenya per altre destinazioni, quali in primis Sud Africa, Dubai, India, si trova al momento relegato a rimanere in patria e cerca di conoscere meglio la sua Nazione. Ed ecco che appunto qualcuno timidamente si spinge da Nairobi, non solo a Diani e Mombasa, le mete conosciute, ma anche a Kilifi, Watamu e Mambrui, con buoni risultati a giudicare dalle recenti feste, dato che anche l’attività immobiliare sembra ridestata”.
Ecco, nello specifico, la proposta di Lenzi per incentivare il turismo locale sulla costa e allo stesso tempo far “girare” l’economia per tutti gli attori coinvolti.
“Le possibilità per spostarsi da Nairobi sulla costa sono:
1. Automezzo personale (per arrivare a Watamu o Malindi qualcuno passa anche per il parco nazionale dello Tsavo).
2. Automezzo di compagnie di viaggio.
3. SGR (treno veloce), seguito da altri trasporti per raggiungere l’Hotel.
4. Compagnie Aeree.
In ogni caso si coinvolge l’acquisto di carburante, fermate intermedie lungo il tragitto sulla statale Nairobi- Mombasa e quindi sviluppo di piccola economia in zone altrimenti dimenticate, biglietteria SGR, biglietteria Aerea, tasse aereoportuali, trasporti in generale ed altro. L’idea è quella di incentivare ancora di più il turismo nazionale con una soluzione che a me sembra molto fattibile e a costo zero per il Governo, anzi con molti aspetti positivi: Il Kenya dovrebbe aver ricevuto dei fondi per sostenere le attività durante il Covid-19. Se il governo proponesse di pagare il 30 o il 40% o anche più, del costo benzina per il tragitto Nairobi/Hotel sulla costa, dei biglietti del treno, aereo o trasporti SOLO SU PRESENTAZIONE DI FATTURA CON RICEVUTA CERTIFICATA da parte dell'hotel, tutti saranno costretti a fatturare, pagare l'IVA, senza contare acquisto dai fornitori, servizi sanitari e sociali nazionali, e varie tasse. 
Compagnie Aeree e trasporti sarebbero avvantaggiate. Credo che con questa soluzione i cittadini kenioti viaggerebbero di più e tutti alla fine avrebbero il loro ritorno. Il Governo in pratica anticiperebbe il denaro e poi lo riprenderebbe in quantità maggiori.
Se ipotizziamo solo nella zona di Watamu tariffe delle strutture come Hemingway, Medina, Ocean Sport, Seven Island, Kobe, Crystal Bay ed altre, si nota che solo con la V.A.T. versata, vi sarebbe già un recupero”.
La proposta dell’imprenditore italiano ha già raccolto molti pareri positivi ed ora passerà al vaglio delle istituzioni, con la speranza che raccolgano l’opportunità.

TAGS: roberto lenziproposta kenyaturismo kenyaeconomia kenyaimprenditore kenyaitaliani kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

All'indomani delle dichiarazioni su Malindi e Watamu di Roger Jones, responsabile dell'agenzia ingaggiata dal Ministero del Turismo keniano per rilanciare il settore, gli imprenditori italiani della Contea di Kilifi ci hanno contattato, hanno scritto in privato o sulle nostre pagine...

LEGGI TUTTO

E’ come un termometro della stagione buona a Watamu.
Quando...

LEGGI L'ARTICOLO

Una stagione turistica che si prospettava ottima, sarà comunque molto soddisfacente per Malindi e Watamu.
Questa la sensazione confrontando i numeri degli anni passati con quelli che si prospettano a partire dalle prossime vacanze natalizie.
"Abbiamo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Giorno importante, quasi storico per la promozione turistica di Malindi e Watamu.
Domani alle 18 nella sala conferenze dell'Ocean Beach resort si presenta un'associazione alla quale per la prima volta partecipano in forma attiva sia gli imprenditori che le istituzioni...

LEGGI TUTTO

“Ho deciso di riaprire Rosada Beach per passione, perché credo nella ripresa del turismo in...

LEGGI L'ARTICOLO

Chi ha scelto il Kenya e lo vive da tanti anni, anche se principalmente da imprenditore ed in uno dei ...

LEGGI L'ARTICOLO

Che la neonata associazione turistica Malindi Watamu facesse sul serio lo avevamo già scritto.
Ora si attendeva l'impegno delle istituzioni nazionali e regionali a sostegno delle iniziative di promozione della costa nord del Kenya, portate avanti da questa nuova unione...

LEGGI TUTTO

"Sono contento che sia tornata l'unità nazionale in Kenya, ora però il Governo deve rilanciare il turismo sulla costa, cominciando dagli aerei".
Flavio Briatore, prima di ripartire per l'Italia dopo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Roberto, 70 anni, lombardo e vedovo con due figli, torna nella casa di Malindi per la prima volta dopo la perdita della moglie.
Incontra Monica, una ragazza locale di 23 anni che lavora in un negozio di parrucchiere.
Da qui...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Importante incontro a Nairobi tra l’Ambasciata d’Italia e la compagnia di bandiera keniana Kenya Airways alla...

LEGGI L'ARTICOLO

Se c’è un nome a Mombasa per definire il Made in Italy e la sua cucina di qualità, questo nome è certamente “Roberto’s”.
Quest’anno il...

LEGGI L'ARTICOLO

Sarà che vivendo all'estero, o passandovi la maggior parte dell'anno, si cade meno nella trappola della partigianeria a tutti i costi.
Sarà che a Malindi e Watamu gli italiani si sentono tutti uguali e se litigano, lo fanno per altre...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Finalmente è arrivato il grande giorno del lancio di un collagamento aereo che, se duraturo e perfezionato, potrebbe...

LEGGI L'ARTICOLO

In un periodo così problematico in cui le priorità sono la salute pubblica e la sicurezza alimentare di un Paese composto per...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo la scorpacciata di turisti tra Natale e Capodanno e gli ultimi botti fino al prossimo weekend, le prenotazioni ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dati confortanti per il turismo in Kenya, quelli relativi al 2018 trasmessi dal Ministero del Turismo nazionale.
Nell'anno appena trascorso l'afflusso dei viaggiatori stranieri ha fatto segnalare un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO