Personaggi

PERSONAGGI

Roberto e Fabiana, i creativi del baobab in Kenya

La coppia di designer vive a Kilifi, tra sociale ed ecosostenibilità

02-05-2021 di Freddie del Curatolo

Sono davvero tante le risorse che la pianta più iconografica dell’Africa può vantare: dall’utilizzo dei semi come risorsa vitaminica specialmente per i bambini, alla polvere del frutto usata come sostentamento e antifame ma anche come antinfiammatorio nella medicina tradizionale.
Senza parlare del valore culturale, tradizionale e spirituale e dell’essere un simbolo aggregativo e quindi di pace per le comunità, oltre che un “totem” per il turismo.
Quasi nessuno però aveva pensato ad utilizzare i frutti del baobab per elaborarli e farli diventare meravigliosi oggetti di design, in un ambito assolutamente sostenibile.
Lo ha fatto una coppia italo-argentina di designer che vive a Kilifi.
Roberto Gerosa e la moglie Fabiana Alcojor hanno creato Seedling Designs, un’azienda artigianale che produce lampade, portaoggetti ed altri accessori utilizzando questa meravigliosa pianta secolare a “scarto zero”. 
All’interno delle piantagioni di sisal di Mnarani, il loro workshop è un gioiello di bellezza, inventiva ed incontro con le comunità locali.
Per raccogliere i frutti del baobab da lavorare e svuotarli, è stata coinvolta infatti una cooperativa di donne locali.
“Queste donne straordinarie sono con noi dall’inizio della nostra avventura – spiega Fabiana a Malindikenya.net – raccolgono i frutti dai tantissimi baobab della Kilifi Plantation, li caricano in grosse ceste e ce li portano, venendo pagate per il loro lavoro. Alcune di loro ci aiutano nello svuotamento e nella verniciatura finale delle lampade, dei vasi e portacandele.
Per il lavoro di finitura e di perforatura, abbiamo invece deciso di dare un aiuto agli studenti che escono dal politecnico locale e che sono ancora in cerca di lavoro. Qui possono affinare la loro conoscenza di macchinari e specializzarsi in un mestiere che sviluppa non solo la manualità ma anche creatività e iniziativa”.
Roberto, siciliano, e Fabiana originaria di Mendoza, hanno deciso alcuni anni fa di cambiare vita, lasciando i rispettivi lavori e le prospettive di carriera in importanti studi di Londra per trasferirsi sul Lago Vittoria e seguire progetti sociali per una Onlus. Poi durante un viaggio sulla costa, l’illuminazione per creare qualcosa di personale ed inedito e vivere a contatto con la natura e con le comunità locali. E allo stesso tempo far crescere il primogenito Julian in una dimensione straordinaria.
“I designer dovrebbero guardare alla natura non solo per l'ispirazione, ma anche come fonte di materiali di prima qualità da riciclare – spiega Fabiana - Questo è l'unico modo per creare design che siano sostenibili sia nella tecnica che nel messaggio che trasmettono”.
Seedlings non è attenta solo ai suoi prodotti (nel negozio di Kilifi sono proposte anche marmellate, la magica polvere e olii essenziali) ma anche a promuovere la cultura del baobab come elemento fondamentale da salvaguardare.
“Abbiamo anche creato una nursery di piccoli baobab che, attraverso accordi con le comunità Mijikenda, con scuole e associazioni, andiamo a piantare in posti significativi – spiega Roberto – come ad esempio le kaya, i luoghi sacri della religione animista locale”.
Seedling è allo stesso tempo una fucina di impegno sociale, un’iniezione di sostenibilità ambientale e un aiuto alla popolazione locale, ma in prima fila ci sono le creazioni di Fabiana, fantastici oggetti d’arredamento che in poco tempo sono diventati un classico in molte abitazioni della costa e hanno preso piede anche a Nairobi, proiettando l’azienda in una dimensione che presto potrebbe anche diventare internazionale.
“Abbiamo preso parte a mercatini e fiere in tutto il Kenya – spiega Roberto – ma ciò che ci rende particolarmente orgogliosi è il riscontro mediatico che abbiamo in canali come instagram. La nostra speranza è poter crescere mantenendo sempre gli stessi standard qualitativi ed offrendo possibilità di lavoro e guadagno ad altri giovani ed altre donne locali”.

TAGS: italiani kenyabaobab kenyasostenibilità kenyacreativi kenyadesign kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

L’Istituto Italiano di Cultura di Nairobi celebra la Giornata del Design Italiano nel mondo con due appuntamenti in...

LEGGI L'ARTICOLO

L’immancabile sfilata di moda e di modelle di Malindi quest’anno si celebra all’Olimpia Beach Club, con...

LEGGI L'ARTICOLO

Il mondo inizia a scoprire le incredibili proprietà dell'albero africano per eccellenza, il baobab.
La pianta dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Canon Story Telling", ed è il primo di dodici workshop di una settimana organizzati dalla nota azienda di accessori foto e video insieme alla produzione italiana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un evento che ha dimostrato ancora una volta la coesione a Malindi tra la comunità keniana e...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Un sospiro di sollievo per i tanti malindini che credono ancora alle leggende e che non vogliono che i baobab, che rappresentano le anime dei cari defunti, vengano tagliati.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quattro giovani moschettieri universitari europei, tra cui un’italiana, per combattere la malaria in Kenya e...

LEGGI L'ARTICOLO

Per noi di Malindikenya.net è ormai impensabile non abbinare al lavoro di informazione e promozione del Kenya...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Che non ce l’avremmo fatta era quasi scritto.
Solo un miracolo avrebbe...

LEGGI ARTICOLO, GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Le cene del sabato sera con il talento locale al Baby Marrow Art & Food Restaurant raddoppiano, con il bis alla domenica.
Sotto la supervisione di Gian Paolo Tomasi, durante la cena vengono presentati creativi, artisti e artigiani locali che con...

LEGGI TUTTO

Fino a trent’anni fa Kilifi era la Happy Valley della costa keniana.
Appena...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Il Canto del Kenya per la vigilia di Natale è dedicato all’albero.
Uno...

L'ALBERO DEL NATALE DI SEMPRE - Leggi la striscia quotidiana del Direttore

Sulla costa del Kenya è in atto un silenzioso, quotidiano crimine che non riguarda il genere umano e...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

I baobab del Kenya sono inevitabilmente destinati a scomparire, a meno che il nuovo governo non prenda...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Nel lontano 1970 alcuni appassionati keniani di motori, tra cui residenti di origine italiana, britannica...

LEGGI, GUARDA IL VIDEO E LE FOTO

Saranno i giovani studiosi, creativi, ingegneri o designer a salvare il mondo dal diventare una grande discarica...

LEGGI L'ARTICOLO