Reportage

LUOGHI DEL KENYA

A Kaya Kinondo, tra Natura, storia e magia

La foresta sacra dei Digo è anche una farmacia vivente

28-03-2021 di Freddie del Curatolo

Nel mezzo delle celebrazioni dantesche, mi ritrovai in una selva neanche troppo oscura dove la diritta via era inesistente, che non era neanche male perché almeno non si poteva smarrire.
I paradisi africani sono molto diversi da un canto del Sommo Poeta, ma è poesia della Natura quello che si può ammirare a Kaya Kinondo, la “casa” della tribù Digo, una delle nove che compongono l’etnia Mijikenda. I Digo sono stati coloro che si sono spinti più a sud dopo l’esodo dalle colline di Shingwaya, al confine con la Somalia, intorno al tredicesimo secolo. La storia racconta che i giriama furono i primi a fermarsi, stanziandosi lungo le rive del fiume Sabaki, altre sei tribù (Chonyi, Jibana, Ribe, Rabai, Kambe e Kauma) si posizionarono tra le colline e le foreste dell’entroterra di Kilifi, i Duruma si spinsero verso Mariakani e Mazeras e i Digo appunto arrivarono fino a Mombasa e Diani.
Qui trovarono una foresta che a quei tempi arrivava fino al mare (prova ne è il terreno a tratti corallino e sabbioso, pur distando oggi un paio di chilometri dall’oceano) e che permetteva loro di stabilire la “casa” degli antenati, la cosiddetta “Kaya”. La Kaya è il luogo appartato, inestricabile dove si possono compiere riti tradizionali, esercitare magia bianca ed avere una sorta di “ospedale vegetale” a portata di mano, grazie alla conoscenza degli stregoni e sciamani delle proprietà di ogni singola pianta autoctona.
Kaya Kinondo è rimasta così per secoli e secoli ed il progresso, arrivato qui in maniera minore ma pur sempre evidente nell’espansione turistica, l’ha sempre più ridotta e isolata. Fino a qualche anno fa gli anziani dei villaggi vicini ancora vi si addentravano per riunirsi nella loro società segreta, i “Vaya”, santificare i loro antenati e fare riti. Oggi Kaya Kinondo viene protetta e conservata da un’associazione Digo che trasmette la cultura Mijikenda e le sue tradizioni e le promuove come turismo consapevole e legato al territorio. La guida che ci accompagna nella foresta ci chiede in segno di rispetto per le anime ancestrali, che risiedono secondo la concezione animista, nel cuore delle piante secolari e negli anfratti della fitta boscaglia, di indossare un pareo (kanga) nero.
Non è rimasto molto dei luoghi di culto e magia, la vera bellezza della foresta di Kinondo risiede negli alberi e nelle loro storie. Ficus dalle ramificazioni infinite creano passaggi ed intrecci affascinanti, tra liane ed amache naturali, le radici di alcuni imponenti Bombax diventano enormi serpenti che si propagano nel terreno per metri e metri. Ogni pianta più giovane è una farmacia vivente. Respiriamo foglie antibiotiche, radici antistaminiche, resine essenziali e cortecce che, lavorate, possono diventare indifferentemente rimedi per le dermatiti o tessuti con cui gli antichi Digo coprivano le parti intime. Un catalogo infinito di nomi, rimandi ad usanze e fonti di salvezza per intere generazioni.
Il tutto vissuto addentrandosi con un bastone, per scacciare serpenti ed altre presenze meno benefiche, mentre risuona il cinguettio di decine di specie rare di uccelli.
Fino a qualche decennio fa nella foresta di Kaya Kinondo arrivavano anche gli elefanti, proprio per gustare alcune di queste specialità per erbivori doc e tra le rocce e i cespugli si nascondevano pitoni e black mamba.
Una visita a Kaya Kinondo è interessante proprio per conoscere la storia di un luogo che è allo stesso tempo un incanto di purezza della natura equatoriale e una riserva di leggende, scienze naturali, evocazioni, ricette tradizionali, etologia ed etnologia. In poche parole, perdersi piacevolmente nella pace dei sensi assorbendo conoscenza.  
Kaya Kinondo si raggiunge da Diani dirigendosi verso Kinondo Beach.
L’ingresso con guida obbligatoria per i non residenti è di Kes. 800, per i residenti Kes. 400.

FOTO GALLERY
TAGS: foreste kenyakaya kenyatribù digo tradizioni kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Le foreste sacre dell'etnia Mijikenda della costa del Kenya, formata da nove tribù di cui quella dei giriama è la più conosciuta, sono da tempo patrimoni dell'Unesco, ma nonostante ciò rischiano di essere usurpate e che gli abusivi (i cosiddetti...

LEGGI TUTTO

Una sentenza definitiva che può creare uno storico precedente.
La Corte Africana dei Diritti dell'Uomo ha respinto il ricorso dello Stato keniano contro la sentenza in favore dell'etnia degli Ogiek, piccola tribù indigena della foresta di Mau a cui erano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi a Malindi si celebra l'eroina popolare della cultura Mijikenda Mekatili Wa Menza.
Si tratta della più importante celebrazione tradizionale della popolazione della costa keniana. L'etnia Mijikenda rappresenta infatti le nove tribù che abitano da nord di Malindi fino al confine con la Tanzania.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo trentacinque anni la storia dei "vigango", i simulacri della tradizione Mijikenda, trafugati e...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono sempre meno, ma sempre più decisi.
Hanno perso per strada fratelli, compagni di viaggio, vicini di capanna.
Tutto quel che hanno è una casa e un campo coltivabile, i loro costumi tradizionali e un paio di abiti che noi...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Il Governo del Kenya ha deciso di piantare 20 milioni di nuovi alberi per contrastare il fenomeno della deforestazione.
Il patrimonio forestale del Paese ha subito gravi danni, soprattutto dal 1970 al 1990, principalmente per via della produzione di legname...

LEGGI TUTTO

La tutela dell'ambiente marino del Kenya e del suo ecosistema ha ricevuto l'importante appoggio di una star del cinema hollywoodiano.
Leonardo...

LEGGI L'ARTICOLO

Una due giorni per celebrare la cultura e le tradizioni della costa keniana.
Il "Coastal Cultural Festival" si terrà all'Ocean Beach Resort da venerdì 21 a sabato 22 dicembre, tutto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La cucina Habesha dell’Etiopia è un vero e proprio viaggio sensoriale, che ...

LEGGI L'ARTICOLO

In Kenya c’è chi ama andare oltre il safari tradizionale e ha la passione, l’entusiasmo e la competenza per proporre sorprendenti variazioni sul tema e mete inusuali tutte da vivere.
Le guide creative e professionali di Kenya Safari Explorer  sono...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

COSTA KENIANA

Kilifi

La nuova capitale della Contea

di redazione

Kilifi è situata a metà strada tra Mombasa e Malindi, allo sbocco di un'insenatura suggestiva che ne ha fatto per secoli approdo sicuro e tappa per navi mercantili. Negli anni del colonialismo britannico è sorto anche uno yacht club, il...

LEGGI TUTTO

Il Parco Nazionale di Aberdare é situato nella regione centro-occidentale del Kenya...

LEGGI L'ARTICOLO

COSTA KENIANA

Mombasa

La seconda città del Kenya

di redazione

La capitale d’un tempo dell’est Africa, uno dei porti più importanti del continente, è in realtà una città-isola, collegata a nordest da un ponte, a sudovest dai ferry di Likoni e nell’entroterra solcata da una decina di canali e insenature...

LEGGI TUTTO SU MOMBASA

La Pasqua di Malindi è tutta una festa, oltre al classico Malindi Multicultural Festival, l'Ocean Beach Resort propone il...

LEGGI L'ARTICOLO

Le mutazioni climatiche globali, che riguardano in parte anche il Kenya, hanno effetti, sia ...

LEGGI L'ARTICOLO

 

Sono qui di nuovo a raccontarvi di un popolo, di una cultura, della lotta pacata e dignitosa, ma disperata di un'etnia per conservare le proprie tradizioni e proteggere i saggi anziani. 
Qualcuno, spinto dall’emotività scatenata dalla gravissima situazione del Corno...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA