Reportage

REPORTAGE

Il villaggio dei piccoli cacciatori di sogni

"Difu Simo", appunti da un tour necessario in Kenya

13-08-2020 di Freddie del Curatolo

Certi villaggetti dell’immediato entroterra, ai piedi della foresta di Arabuko Sokoke ti riportano indietro di 30 anni, quando la vita rurale della costa keniana era più che umile ma la popolazione, una volta digerita l’ineluttabilità del loro destino, era più felice.
Stegi Ya Maziwa a Mida è pulito e ordinato, ha ancora molte capanne di fango, ma sono quasi tutte dipinte con colori tenui o disegnate a gesso.
Una casupola risalta su tutte, perché sulla terra compattata delle pareti sono stati disegnati dei mattoncini, come se uscisse da un cartone animato.
Immaginando la materia argillosa come cioccolata, si direbbe che ci troviamo nel paese africano di Hansel e Gretel.
Quella è la sede degli Hunters, i “Cacciatori”.
Niente paura, non si tratta di tagliatori di teste, guerrieri con arco e frecce o temibili predatori di elefanti della foresta. Gli Hunters sono ragazzini dai 10 ai 15 anni che l’emergenza Covid-19 sta tenendo da mesi, e terrà fino a gennaio lontani da scuola.
Una minaccia, questa, che in Kenya ha creato non pochi problemi alla gioventù e ai nuclei familiari: gravidanze precoci, violenze, approccio dei ragazzi e delle ragazze alle lusinghe devianti della società come droga, prostituzione, microcriminalità.
Per molti alunni modello che cercano nell’istruzione un modo pulito per eccellere e dare un senso alla loro vita e per sconfiggere proprio l’idea del destino invincibile di una volta, la chiusura delle scuole ha significato anche stress e depressione.
I piccoli cacciatori di Stegi Ya Maziwa per difendersi hanno imbracciato le armi dell’unità, della musica e del divertimento.
Hanno creato una “crew” creativa e dalla passione per i graffiti e la musica sono passati a quella per il ballo moderno, creando coreografie e passando ore ed ore a provare i loro show.
Il pubblico quotidiano sono le mama del villaggio che lavano i panni vicino al pozzo, i bimbi più piccoli che ridono, applaudono e cercano di imitarli, gli anziani che alternano un sorriso a un’inevitabile caduta nella catalessi di un sonno profondo come le loro radici.
Ma ormai c’è anche un pubblico virtuale, che gli fa sognare altre platee, quello che riceverà i video girati con il telefonino. Qualcuno poi li mette su Youtube ed il gioco è fatto.
“Lo sai che dei ragazzini come noi in Nigeria hanno avuto 30 mila followers e ottenuto una sponsorizzazione per aprire una scuola di ballo?”
Gli Hunters sono più contagiosi di qualsiasi virus e tengono lontani i fantasmi della noia, dell’ignoranza e della diversità. Uniti e concentrati sulle loro coreografie.
Quando la carovana di KEMRI, MADCA e DIEA arriva dalle loro parti, è naturale invitarli sul palco immaginario del nostro roadshow ad esibirsi. Roba da invitare Maria De Filippi per un’edizione keniana di amici. E loro sono proprio amici, mica toyboy e toygirls mandati al macello mediatico dove “uno su mille ce la fa”.
Loro sognano di farcela ma già un nuovo paio di cuffie per ascoltare i pezzi di 50 cents e Beyoncé sarebbe qualcosa di cui gioire per mesi e da passarsi l’un l’altro.
Nel villaggio dei Fratelli Grimm Giriama c’è anche spazio per un contadino che si commuove parlando in pubblico della moglie impazzita dopo un trauma di cui nemmeno lui sa nulla.
I suoi occhi rossi dicono a tutti che ci si può ammalare di mente anche in una misera oasi di tranquillità come quella, e che il Diavolo o chi per lui non c’entra niente, perché qui non ci metterebbe mai piede. Le donne di Stegi Ya Maziwa, composte nelle sedie di plastica come fossero a teatro, annuiscono e alla fine applaudono alla verità. Lo psichiatra dell’ospedale di Kilifi ha qualche consiglio ed un invito per una visita specifica.
Tra le filastrocche del più importante poeta mijikenda, Kazungu Wa Hawerisa, e le nenie popolari dei cantori della Malindi District Cultural Association, si consuma un’altra giornata necessaria che ha insegnato ad ognuno qualcosa di importante.  

TAGS: reportage kenyadifu simomida kenyastorie kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Uno scambio di auguri natalizi con i parroci di Malindi, Watamu e Mida, la Santa Messa insieme e poi un piccolo rinfresco alla presenza del Console Onorario Italiano. Un tradizionale appuntamento prenatalizio per la comunità cattolica della costa keniana e anche...

LEGGI TUTTO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il primo progetto keniano di “Blue Economy“ per la salvaguardia dell'ecosistema e lo sviluppo sostenibile, sarà approntato nel creek di Mida e porta anche la firma di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Piove sul bagnato a Gede, lontano dalle rovine visitate dai turisti (quando ce ne sono) e ai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

I keniani che vivono da tempo in Italia possono raccontare storie positive di immigrazione.
Nessuno di loro è mai arrivato da clandestino, nessuno ha dovuto sopportare l'onta di natanti colabrodo, le angherie di mafiosi e men che meno la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ancora oggi la costa del Kenya, dove la civiltà per tanti versi è calata come una mannaia su tradizioni secolari...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Non sempre l'Africa salva la vita a noi occidentali, ma spesso la migliora e riesce addirittura a darle un senso.
Quel che ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un intoppo per il via libera alla costruzione del discusso grattacielo di 61 piani "Palm Exotjca Higrise" a Watamu.
Dopo la ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due giorni tra Malindi e Watamu per "Donnavventura".
Non potevano mancare le località costiere più amate dagli italiani nell'itinerario del programma televisivo di Rete 4 che per l'edizione di quest'anno ha deciso di fare tappa in Kenya e che successivamente...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE FOTO

Venti chilometri prima di Malindi, dopo i villaggi di Chumani e Matsangoni, s'incontra l'insenatura di Mida, caratterizzata da foreste di mangrovie, piante le cui radici sono in acqua salata. 
A Mida si possono osservare specie molto rare e affascinanti di...

LEGGI TUTTO