Ultime notizie

TURISMO

Corridoi Covid Free, Governo italiano si muove ma il Kenya non c'è

Proposta del Ministro del Turismo Garavaglia per il prossimo l'inverno

02-09-2021 di Freddie del Curatolo

La buona notizia è che finalmente, dopo mesi di appelli, richieste, pressioni, incontri a vari livelli, il Ministro del Turismo italiano Garavaglia ha deciso di presentare al suo Governo una proposta per aprire alcuni corridoi “Covid-free” per permettere agli italiani di poter andare in vacanza il prossimo inverno nelle mete esotiche che prima della pandemia costituivano uno dei sogni e delle attrazioni per migliaia di connazionali.
La cattiva notizia è che, come avevamo già prospettato (ma sperando in un’inversione di tendenza) il Kenya non è inserito nell’elenco delle possibili destinazioni.
Come scrivono le principali testate online di viaggi, esiste già una trattativa e i corridoi riguarderebbero Mar Rosso, Maldive, Seychelles, Repubblica Dominicana, Aruba e, cosa ancor più deprimente per il Kenya, l’isola di Zanzibar. 
"Lo scopo sarebbe quello di assicurare dei canali sicuri dall’imbarco in aeroporto fino all’arrivo nella struttura turistica - scrivono le agenzie di viaggio sui loro siti di riferimento - Ciò consentirebbe agli operatori di promuovere viaggi in alcune destinazioni limitate, anche in presenza di divieto per motivi turistici".
Ma non solo, a quanto trapela dal Ministero, le Nazioni comprese in questa possibile apertura, pur essendo attualmente comprese nell'elenco E, dei Paesi in cui il turismo è vietato e al ritorno dei quali bisogna osservare un periodo di 10 giorni di quarantena, potrebbero essere invece inserite nel gruppo D, che recentemente è stato aperto al turismo, proprio a determinate condizioni e solo per i possessori di Green Pass, ma senza isolamento fiduciario al ritorno. E per il tipo di turismo che frequenta il Kenya vorrebbe dire poter ripartire presto in buono stile. 
Le condizioni sono chiare: se le nazioni non possono garantire percentuali vicine al 50% di vaccinati (e questo non lo può garantire quasi nessuno, ad eccezione di piccole realtà come Maldive e Seychelles ad esempio) almeno bisognerà vaccinare tutti gli operatori turistici, da quelli negli aeroporti ai transfer, ai dipendenti degli hotel ed eventuali guide safari e campi in savana. Ma le vacanze invernali saranno considerate soprattutto come "balneari" e all'interno delle strutture. 
Ma il Kenya, come detto, non viene citato, nonostante le nostre insistenze a considerare la salvifica mole di lavoro e di possibile guadagno che il ritorno del turismo in destinazioni che in buona parte dipendono dagli italiani porterebbero. 
Le motivazioni sono da ricercare in diversi fattori: in primis quelle prese in esame sono destinazioni abbastanza circoscritte: tranne forse Santo Domingo, che è un’isola ma abbastanza grande e con possibilità di mescolarsi con la popolazione locale, gli altri paradisi esotici sono isole come Maldive e Seychelles, abituate ad un turismo da hotel e spiaggia, che facilmente possono garantire una “bolla” vaccinando tutti gli operatori del turismo. Idem per le singole mete del Mar Rosso, da Sharm El Sheikh ad Hurgada e Marsa Alam, dove peraltro il Governo egiziano è già molto avanti con l'immunizzazione di tutti coloro che lavorano nel settore dell'ospitalità.
Nel caso di Zanzibar invece è meno comprensibile un’apertura (benchè siamo lieti che ciò avvenga, per il turismo e la situazione simile alla nostra in Kenya della popolazione locale rimasta senza lavoro) in quanto solitamente chi si reca in vacanza sull’isola tanzaniana comunque effettua escursioni, se non safari sulla terraferma. Ed attualmente la situazione vaccinale è simile, se non peggiore, a quella del Kenya. Ma il Kenya è una nazione grande e dispersiva, quindi si dovrebbe parlare solo di determinate zone, come la Contea di Kilifi per Malindi e Watamu o quella di Kwale per Diani. Dall’aeroporto di Mombasa sarebbe possibile organizzare transfer dedicati, con personale vaccinato e trovare poi sistemazioni certificate “green”.
Tuttavia Nairobi non è esente da colpe: la lentezza del processo vaccinale e la mancata priorità, dopo gli operatori sanitari e le forze di polizia, a chi lavora nel turismo, hanno reso più difficile la realizzazione delle richieste dell’imprenditoria turistica, specialmente italiana e i vari appelli, compreso il nostro con voi lettori del portale degli italiani in Kenya.
Ora la palla passa al Ministro della Sanità speranza e al Presidente del Consiglio Draghi. Ci sono due mesi per mettere in atto questa proposta, ma anche per cercare di inserire le destinazioni keniane della costa nella lista. Dall’altra parte, ci si attenderebbero iniziative a livello di Contea, oltre che dal Ministero del Turismo locale, ma per ora, come cantavano gli Area, “tutto tace”.

TAGS: destinazioni turismocovid freeinverno 2021turismo kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Nelle ultime ore in Kenya si sta assistendo ad un braccio di ferro politico tra Ministri del Governo. Motivo...

LEGGI L'ARTICOLO

Nei giorni scorsi abbiamo avuto la conferma dal Governo italiano che c’è la volontà di far trascorrere periodi...

LEGGI L'EDITORIALE

Vacanze nei resort del Kenya a Natale? Turismo di massa ma anche di repeaters che ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un corridoio "covid free" tra l' Italia e la costa del Kenya, con un sistema di accoglienza sicuro, che investa tutti i momenti

LEGGI L'ARTICOLO

Il programma del Kenya per allinearsi alle nazioni che hanno nel turismo una delle loro maggiori...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo Najib Balala ha annunciato una nuova iniziativa per rilanciare il turismo, particolarmente sulla costa keniana, dove a suo dire molte strutture alberghiere sono ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La notizia della trattativa tra il Ministero del Turismo italiano e il Governo per ottenere...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono sempre di più, giorno dopo giorno sperano che accada qualcosa e sono sempre più...

LEGGI E GUARDA IL VIDEO

A colpi di poche centinaia di dosi alla settimana non si può fare molto per vaccinare più cittadini...

LEGGI L'ARTICOLO

Si è conclusa la fiera del turismo di Rimini TTG incontri, con un buon riscontro per la Contea di Kilifi che si presentava autonomamente dal Ministero del Turismo del Kenya, grazie alla collaborazione con Jacaranda Resort e alla consulenza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chiunque lavori nel settore del turismo e in attività rivolte a visitatori si potrà vaccinare anche se non...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya si posiziona tra i Paesi africani al top per il "Wedding Tourism", ovvero il turismo delle nozze e delle lune di miele.
La direttrice del Kenya Tourist Board Betty Radier ha confermato che l'organo di marketing del Ministero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La levata di scudi del settore dell’ospitalità della Contea di Kilifi sembrerebbe essere servita...

LEGGI L'ARTICOLO

"Presto prenderemo importanti misure per non permettere più che i beach boys...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lunedì 18 gennaio nella sala convegni dell’Ocean Beach Resort di Malindi si ...

LEGGI L'ARTICOLO

Lunedì mattina nel reparto somministrazione vaccini dell’ospedale distrettuale di Malindi già alle 8...

LEGGI L'ARTICOLO