Ultime notizie

NEWS

In Kenya scoppia la guerra delle patatine fritte

Il gigante KFC resta senza chips e i keniani scoprono che...

08-01-2022 di Freddie del Curatolo

La grande distribuzione in Kenya ha sempre faticato, specialmente quella legata ai fast food. Non a caso, pur essendo uno dei 20 paesi più promettenti dell’ultima decade dal punto di vista del prodotto interno lordo, è uno dei pochissimi dove non ha ancora attecchito Mc Donald’s.
Se considerate che l’hamburger e le patatine fritte sono una delle grandi passioni dei keniani, insieme alle bibite analcoliche gassate, si può intuire che Nairobi, come un tempo accadeva a Houston, abbia un problema.
L’ultimo bubbone, che spiega meglio di qualsiasi dietrologia la situazione nell’era global, è scoppiato qualche giorno fa quando una delle poche catene di fast food che hanno aperto filiali in Kenya, la KFC (Kentucky Fried Chicken) ha annunciato ai suoi clienti che per qualche giorno non avrebbe potuto offrire le sue rinomate (!) patatine fritte perché aveva terminato le scorte.
Difficile da capire, per chi in questo periodo vede i mercati traboccare di tuberi di ogni genere, da quelle a pasta bianca alle rosse e quelle a pasta gialla.
L’arcano è stato presto svelato dall’azienda e ha fatto infuriare non tanto i frequentatori dei tanti locali KFC in franchaising, ma soprattutto i media e le associazioni di categoria di industriali e commercianti all’ingrosso del comparto agro-alimentare.
La motivazione infatti è riconducibile al ritardo nelle consegne internazionali delle patate che KFC acquista rigorosamente dall’estero e trasporta in Kenya.
“Il Kenya è pieno di patate – hanno tuonato le associazioni – non è giusto che i nostri contadini non guadagnino nulla da società che si sono insediate in Kenya e fanno affari qui”.
Così KFC è dovuta uscire allo scoperto e spiegare la filosofia delle “big chains”, le multinazionali del gusto, che devono rispondere a rigorosissimi standard per i quali la patatina assaggiata ad Hong Kong deve avere lo stesso gusto di quella mangiata a Rio de Janeiro e l’hamburger di Pechino non può differire da quello di Cincinnati.
Dopo la prima bufera, che ha spinto anche parlamentari e attivisti per i diritti civili ad esprimersi contro la multinazionale, i vertici di KFC si sono detti pronti a concordare un piano con i coltivatori di patate keniani per acquistare in futuro i loro tuberi, ma solo a patto che siano in grado di seguire e rispettare tutti gli standard di produzione richiesti.
Quando poi è stato chiesto al CEO per l’Africa dell’azienda, Jacques Theunissen, quali fossero questi standard e di condividerli con le associazioni di coltivatori di patate del Kenya, lui stesso ha dichiarato al quotidiano economico Business Daily che a causa di severe regole sulla divulgazione dei processi che portano alla definizione degli standard e di conseguenza dei prezzi, queste non possono essere condivise.
“"Non possiamo divulgare alcuna informazione da parte della proprietà riguardo all'approvvigionamento e ai prezzi" ha dichiarato il CEO, facendo intuire che ci potranno essere accordi privati con alcuni grossi produttori locali, a patto che seguano precise indicazioni, rese loro dopo averne verificato la qualità, la produttività e la disponibilità, specialmente riguardanti la catena del freddo, la sua gestione e il monitoraggio. Le patatine infatti arrivano a KFC direttamente surgelate dall’estero.
Al di là delle polemiche social e delle solite levate di scudi che ricordano certi ululati all’italiana della serie “non entrerò mai più in un Kentucky Fried Chicken” o “patatine yankee razziste” sull’onda del movimento “I can’t breathe”, la questione è molto più seria e moderna: potrà (e vorrà) mai un paese con le risorse del Kenya ma anche una vocazione anarchica che porta ad equivoci, adeguarsi alle esigenze del mercato globale? E quanto gli converrà farlo?
In particolare la propensione del comparto alimentare a fare un po’ quel che si vuole, aggirando le norme, a volte può essere scambiata per “bio” o “naturale” ma può anche essere anche nociva a tutti i livelli. La confusione sui pesticidi ad esempio continua a tenere banco tra i “farmers” più tradizionalisti e quelli moderni del “tanto subito”. Per non parlare delle aziende produttrici di farina, bloccate una ad una per i valori altissimi di aflatossine. Ma anche olio da cucina, riso e zucchero sono stati messi al bando più volte dal Kenya Bureau of Standards (KEBS) durante i controlli improvvisati. Per non parlare del fiorente mercato di superalcolici contraffatti. Da questo punto la questione della patatina pare la più leggera e risolvibile, tanto più che chi mangia regolarmente il cosiddetto “Junkie food” (cibo spazzatura, per gli americani) già di per sé non rende un buon servizio al suo sangue e al fegato.
Non sembra proprio questo il caso di lanciare slogan xenofobi del tipo “I can’t fry”.

TAGS: patatine kenyaimportazioni kenyaeconomia kenyadistribuzione kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un'altra giornata dedicata all'hamburger in tutte le sue variazioni ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una giornata dedicata all'hamburger in tutte le sue variazioni internazionali sul...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo Zege (o Zegee) è una sorta di frittata salata con le patate e rappresenta una delle golosità preparate dai chioschi e dalle friggitorie ambulanti fuori dai negozi e ai bordi delle strade del Kenya, particolarmente sulla costa . Può anche essere...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

Il Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi è sempre più la casa della musica, oltre ...

LEGGI L'ARTICOLO

Nel rinnovato Triple B, locale nato dalle ceneri del People Bar & Restaurant di Malindi, all'AG Complex di Lamu Road, questo sabato va in scena il "Burger Festival", con ampia scelta di hamburger e la musica dal vivo del mitico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La domenica sera al Baby Marrow si cena con il discreto e piacevole apporto della musica dal vivo del...

LEGGI L'ARTICOLO

Cosa avrà mio figlio più di quanto ho avuto io?
Più...

LEGGI LE PAROLE

Blue Economy, l’Italia è sempre più in prima linea per i progetti di potenziamento dell’economia legata...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo Wolkswagen e Peugeot, anche la giapponese Nissan ha annunciato la sua intenzione di investire circa 20 milioni di dollari nella creazione di un impianto di assemblaggio di veicoli in Kenya.
Jim Dando, Direttore...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La casa automobilistica francese Peugeot ha iniziato l'assemblaggio in Kenya dei suoi veicoli presso la sede di Thika della Kenya Vehicle Manufacturers (KVM). Peugeot è di fatto la più recente multinazionale che produrrà veicoli nello stabilimento vicino a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una proposta nuova e speciale per una domenica di mare con tutti i comfort? 
Sicuramente al “Malaika Beach Villas” di Mayungu. Il residence che è anche ristorante e bar, da quest'anno ha organizzato la spiaggia con lettini e servizio
ristorante...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Secondo la ricerca "Africa Risk-Reward Index", pubblicata da Nkc African Economics, il Kenya e l'Etiopia sono i Paesi leader del prossimo futuro nel Continente Nero.
Il rapporto, che mette a confronto investimenti, PIL, sicurezza e molti altri fattori di supporto all'economia,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi è sempre più la casa della musica, oltre...

LEGGI L'ARTICOLO

Arriva dagli Stati Uniti la speranza che le popolazioni africane possano essere quasi totalmente immunizzate...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo il grande successo della prima edizione, cinquemila copie in giro ovunque per il Kenya per promuovere le località turistiche della Contea di Kilifi, si prepara la seconda edizione dell'elegante magazine "What's Best in Kilifi County".
Il semestrale, tuttora in...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO