Ultime notizie

TURISMO

Kenya, senza l'onda lunga l'hospitality affoga

I conti di hotelier e ristoratori: tempi di recupero lunghi

06-01-2022 di Freddie del Curatolo

Non è ancora stata smaltita la sbornia di turisti, soprattutto locali, in giro per il Kenya durante le feste di Natale e Capodanno, che le categorie di hotelier e ristoratori fanno gli scongiuri che la stagione non sia già finita.
Le attività legate al turismo si augurano che ci sia ancora spazio per i “ritardatari”, ovvero per coloro che, piuttosto che utilizzare gli “slot” delle vacanze comandate, preferiscono approfittare delle offerte speciali di gennaio e febbraio, di weekend lunghi e settimane nere (nel senso di contrario di “settimana bianca”, ovviamente).
Scherzi a parte, l’associazione dei Bar, Hotel e venditori di bevande alcoliche BAHLITA è molto preoccupata perché invece teme l’effetto opposto, ovvero i turisti in questo periodo hanno dato fondo alle loro risorse per divertirsi e presto torneranno alle occupazioni (per chi ce l’ha, un’occupazione fissa) e tireranno la cinghia.
Se finisce tutto qui fino a Pasqua, secondo BAHLITA ci vorranno almeno 11 anni per ritornare ai livelli pre-Covid-19 e recuperare parte delle perdite, che equivalgono per l’intero settore ad almeno 150 miliardi di scellini.
Il segretario generale dell’associazione, Boniface Gachola, ha ammesso che la maggior parte delle attività sono alle prese con il pagamento di debiti contratti durante il periodo duro di lockdown e del coprifuoco e che il pienone natalizio ha coperto solo una minima parte dell’impasse.
“Le perdite che abbiamo subito fino ad oggi non possono essere recuperate in una o due stagioni. Ci vorrà più tempo - ha dichiarato Gachoka al quotidiano nazionale The Star - La stagione delle feste ha aiutato a ripristinare le attività, compreso il reintegro di molti dipendenti, oltre agli arretrati d’affitto e il pagamento dei fornitori. La maggior parte delle imprese però stanno ancora lavorando in perdita”.
Senza un’onda lunga di presenze, si rischia di dover rimandare a casa alcuni di loro che sono stati in mobilità senza ricevere nemmeno ammortizzatori sociali da parte del Governo, che tuttavia ha avviato pratiche per prestiti agevolati, anche se il programma non è stato ancora reso operativo.
Secondo le statistiche del settore, sono più di 250.000 i posti di lavoro persi durante il periodo della pandemia e pochi di questi sono stati recuperati nel lungo termine, anche perché ben 15 mila attività non hanno più riaperto i battenti dopo la botta del lockdown e del coprifuoco.
E non si tratta solo dell’hospitality: i dati del governo in collaborazione con la Kenya Private Sector Alliance indicano che l’intera l'industria del turismo è stata la più colpita con 3,1 milioni di posti di lavoro mangiati dalla pandemia.
Questo, oltre agli impiegati di hotel, pub e ristoranti, include tour operator, compagnie aeree, agenti di viaggio e i loro relativi fornitori e servizi di supporto. Circa 2,3 milioni di dipendenti sono stati mandati a casa in congedo non retribuito, con la maggior parte degli staff degli alberghi pagati al 50%, dato che i guadagni delle imprese erano ridotti al minimo, se non nulli.

TAGS: turismo kenyahospitality kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Chiunque lavori nel settore del turismo e in attività rivolte a visitatori si potrà vaccinare anche se non...

LEGGI L'ARTICOLO

Il venerdì sera alla Malindina ad incantare ed intrattenere gli ospiti non è solo...

LEGGI L'ARTICOLO

La community internazionale di ospitalità turistica e alberghiera Air BnB ha trasmesso i suoi dati dell'anno appena trascorso, certificando che l'Africa è il Continente più in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I turisti internazionali che avevano già prenotato le loro vacanze per Pasqua o nel mese di aprile, devono poter...

LEGGI L'ARTICOLO

Tanti problemi e tanti ostacoli per Watamu, a cavallo tra il 2021 e il 2022, ma la destinazione turistica...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

E' in vendita a Watamu un piccolo gioiello adibito a Boutique Hotel, a due passi dal centro della località turistica e non lontano dalle bianche spiagge dell'Oceano Indiano. Un'occasione per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi torna a far parlare in positivo di sé nel mondo della promozione turistica internazionale di alto livello, grazie ad uno dei suoi resort.
Il Diamonds ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il prestigioso Woburn Residence Club, a pochi minuti dal centro di Malindi, è in vendita.
La struttura costruita diciotto anni fa e tenuta splendidamente dai proprietari, è un insieme di suite e appartamenti immersi in cinque acri di giardino tropicale,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

The New Normal, “La nuova normalità”. Con questo motto il Ministro del Turismo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Torna la voglia di vivere Malindi e torna il piacere delle feste degli italiani nelle tante splendide ville di Casuarina e dintorni.
Un sintomo felice della ritrovata serenità e sicurezza della località turistica che spesso viene data per morente o...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Watamu non può aspettare il ritorno dei charter italiani e ci prova decisamente con il turismo...

LEGGI L'ARTICOLO

C’è un deciso ottimismo tra gli operatori del settore alberghiero della costa keniana in vista della...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministero del Turismo del Kenya si prepara ad istituire una Commissione Speciale che avrà il compito di controllare...

LEGGI L'ARTICOLO

Briatore cerca una coppia che gestisca ristorante e spiaggia al Billionaire di Malindi.
Sul suo profilo ufficiale Instagram il tycoon italiano, che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un deciso stop alla costruzione di Palm Exotjca, l’ambizioso grattacielo di ...

LEGGI L'ARTICOLO

C’è bisogno di infrastrutture moderne, di un nuovo aeroporto internazionale, conference centre ed altre facilities per poter competere in maniera seria ed ...

LEGGI L'ARTICOLO