Ultime notizie

NEWS

Kenyatta: "Avrei dovuto chiudere tutto il Kenya"

Il Presidente non prevede riapertura di Nairobi dopo Pasqua

02-04-2021 di redazione

Durante la conferenza stampa di ieri, giovedì 1 aprile, che ha fatto seguito ad una manifestazione nel centro di Nairobi da parte di attivisti della società civile e lavoratori licenziati da locali pubblici, a chi gli chiedeva se avrebbe riaperto le cinque contee del Kenya in lockdown subito dopo Pasqua, il Presidente Uhuru Kenyatta ha risposto che in realtà, se avesse seguito i consigli della maggioranza dei suoi collaboratori e le strategie preparate dalla Task Force per l’emergenza Covid-19, avrebbe dovuto chiudere tutto il Paese, ma ha deciso
di limitare il provvedimento a Nairobi, Kajiado, Machakos, Nakuru e Kiambu.
“I miei consiglieri hanno indicato che se vogliamo mitigare questo virus, l'unica misura che possiamo adottare è il lockdown – ha dichiarato Kenyatta - In effetti, se avessimo proceduto secondo i loro dettami, avremmo dovuto chiudere l'intero paese. Ma io ho risposto loro che abbiamo un'economia da proteggere che garantisce mezzi di sussistenza ed è per questo che sono state scelte solo le contee che abbiamo chiuso come quelle maggiormente infette ed abbiamo optato per un blocco parziale”.
Ora il prossimo step, secondo il Presidente, è appiattire la curva della terza ondata. Solo quando la percentuale di positivi per tampone tornerà intorno al 5% e manterrà questo livello per alcuni giorni di seguito, si potrà pensare di riaprire Nairobi e le contee attigue.
“Tutto quello che posso dire ai miei connazionali è che questa malattia è con noi e non possiamo fingere che non sia così – ha ribadito Kenyatta – Nè possiamo ignorare i consigli che stiamo ricevendo dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, dalla CBC e dai nostri esperti”.
Il Capo di Stato ha esortato i keniani a seguire le linee guida emesse dal Ministero della Salute, tra cui il lavaggio delle mani, l'uso delle mani e la pratica della distanza sociale, in modo che il tasso di infezione possa tornare a livelli più bassi.
La protesta contro le restrizioni intanto prosegue, le associazioni di imprese denunciano la mancanza di ammortizzatori sociali e gestori di attività lanciano l’allarme sulla possibile non riapertura di negozi e locali pubblici. Tra le cause principali, l’impossibilità di pagare l’affitto.
Ieri, intanto, la percentuale è salita di tre punti rispetto al giorno precedente, superando il 18.
I nuovi casi sono stati poco meno di un migliaio e i morti 14. Sempre affollatissime le unità di terapia intensiva della capitale, pochissimi i letti ancora liberi.

TAGS: lockdown kenyapresidente kenyattapercentuale kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Secondo i primi sondaggi ufficiali dell'agenzia IPSOS riguardo alle prossime elezioni presidenziali in Kenya, che si terranno l'otto agosto 2017, il Presidente in carica Uhuru Kenyatta sarebbe in vantaggio sul rivale Raila Odinga di ben 14 punti percentuale. 49 per...

LEGGI TUTTO

Le percentuali sono sempre alte e secondo i media nazionali il Ministro della Sanità Mutahi Kagwe starebbe...

LEGGI L'ARTICOLO

Per la prima volta dall'inizio della campagna elettorale in Kenya, il candidato dell'opposizione Raila Odinga ha sorpassato il Presidente uscente Uhuru Kenyatta nei sondaggi della società Infotrak.
Si tratta dell'azienda di sondaggi elettorali gradita proprio a Kenyatta, la stessa che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche il Kenya come l’Italia e molti altri Paesi del mondo, si sta muovendo per ordinare un...

LEGGI L'ARTICOLO

Secondo il sondaggio più attendibile per quanto riguarda le prossime elezioni di agosto, quello di Infotrak che nel 2013 azzeccò esattamente le percentuali, il Presidente uscente del Kenya Uhuru Kenyatta sarebbe in vantaggio sullo sfidante Raila Odinga di 5 punti,...

Coprifuoco ogni giorno dalle sette di sera alle cinque di mattina.
Il Kenya...

LEGGI L'ARTICOLO

Coprifuoco anticipato di almeno un’ora e restringimento di ogni forma di ritrovo, anche privato, a 15...

LEGGI L'ARTICOLO

Ancora incertezza tra le fila del Governo keniano per cercare di contenere i contagi del virus durante ...

LEGGI L'ARTICOLO

La percentuale di positivi per tampone in Kenya crolla e arriva di poco sopra il 3% e il ...

LEGGI L'ARTICOLO

“Tra le varie opzioni che abbiamo, sto pensando anche di richiudere di nuovo totalmente il Paese”.
Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

Ci si aspettava di peggio.
Dal Presidente Uhuru Kenyatta, al termine della...

LEGGI L'ARTICOLO

326 casi su 440. Anche l’ultimo bollettino emesso dal Ministero della Salute del Kenya testimonia che...

LEGGI L'ARTICOLO

Ci sarà anche il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta al vertice del G7 di Taormina che ha luogo oggi e domani. 
La presenza di Kenyatta, come Ambasciatore dell'Africa, sarà limitata ai colloqui bilaterali con ogni singolo partecipante all'importante meeting che vede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In molti si attendevano che il Presidente Kenyatta, nel discorso di ieri reso subito dopo il...

LEGGI L'ARTICOLO

Numeri da record negativo nella giornata di ieri in Kenya per quanto riguarda i casi di...

LEGGI L'ARTICOLO

Il sospetto che farlo proprio adesso possa essere una mossa elettorale che sposta una piccolissima percentuale di voti, sorge spontaneo.
Sta di fatto che ciò che tanti cittadini kenioti di origine indiana, pakistana e del Bangladesh chiedevano da tempo e che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO